Arcoiris TV

Chi è Online

81 visite
Libri.itPICCOLO VAMPIRO 2BESTIARIO MEXICANOHOLMES. TRAVELOGUES. THE GREATEST TRAVELER OF HIS TIMEDALIEWALT DISNEY

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

21 Agosto 2018 10:27

ERA IL 21 AGOSTO 1968 A PRAGA (PARLANDO DI LIBERT

143 visualizzazioni - 2 commenti

di Doriana Goracci

Andai quache anno fa a Praga con mia figlia e un po' mi vergogno di ammettere che mi ero totalmente scordata della Primavera di Praga...La notte tra il 20 e il 21 agosto 1968, sono 50 anni...: "Il 5 gennaio 1968 iniziava la Primavera di Praga: l’aprirsi di questo periodo di riforme e innovazioni coincise con la salita al potere di Alexander Dubcek. Dubcek, a capo dell’ala riformista, proponeva come fulcro delle sue manovre l’idea, poi divenuta celebre, di un “socialismo dal volto umano“. L’intento dello slovacco non era né rivoluzionario né tanto meno sovversivo: Dubcek era e rimarrà sempre un comunista nelle idee. Le sue azioni erano volte a una maggiore libertà di espressione, stampa e pensiero e al mantenimento dell’economia collettivista.Nel cuore della guerra fredda e sul nascere delle agitazioni popolari sessantottine, che ancora dovevano venire, ma che già il 1967 aveva lasciato presagire, per l’Unione Sovietica stretta nella morsa di acciaio del monumentale Leonid Brèžnev, questo era inaccettabile. La Primavera di Praga doveva cessare, i fiori nascenti della primavera dovevano essere sradicati.Otto mesi dopo l’installazione del governo di Dubcek, Brèžnev, personaggio ben più minaccioso e risoluto del suo predecessore Nikita Chrušcëv, optò per la soluzione di forza: la notte tra il 20 e il 21 agosto svariate centinaia di migliaia di soldati (le stime parlano di numeri fra i 200.000 e i 600.000) provenienti dai paesi aderenti al Patto di Praga, accompagnati da circa 6000 carri armati invasero il paese..."

I soldati occuparono Praga, «gli uomini lenti coi pugni stretti e con l’odio fra i denti»,cantava Francesco Guccini

E io che avevo 18 anni nel'68 non ricordavo più niente, mai nessuno a scuola mi ha raccontato nulla e tantomeno io a mia figlia e lei a scuola, nel corso degli anni 2000...Oggi l'ho letto su Facebook, tra commenti e ricordi. Ben venga internet...perchè la magica Praga non è solo quella del Castello, la mala Strana, lo Stare Mesto,il Ghetto ebraico, Franz Kafka, la Casa Danzante, le osterie con i piatti gustosi e la birra buonissima,o regali in cristallo di boemia, e le marionette...

Nessun romantico rimestare nel passato perchè come scrive Milan Kundera nell'Insostenibile leggerezza dell'essere "La luce rossastra del tramonto illumina ogni cosa con il fascino della nostalgia: anche la ghigliottina."Nel 1981 Milan Kundera scrisse anche: "L'invasione russa del 1968 ha spazzato via la generazione degli anni sessanta, e con essa tutta la cultura moderna che l'ha preceduta. I nostri libri sono chiusi negli stessi sotterranei insieme a quelli di Kafka e dei surrealisti cechi. I vivi trasformati in morti stanno a fianco dei morti fatti morire due volte. Si cerchi di capirlo, una buona volta: non sono soltanto i diritti dell'uomo, la democrazia, la giustizia, ecc., che non esistono più a Praga. È un'intera grande cultura che a Praga oggi si trova "come un foglio di carta in fiamme dove scompare la poesia".

Dimmi chi sono quegli uomini stanchi
di chinar la testa e di tirare avanti...

sembra rispondere con i suoi versi la poetessa cecoslovacca Zuzana Boryslawska

Tolsero gli artigli al gatto
e volevano che graffiasse
tolsero le voce all’usignolo
e volevano che cantasse
tolsero l’argilla alla terra
e volevano che fiorisse
ci hanno tolto le lacrime
e vogliono che ridiamo
L'invasione fece circa 100 morti. Gli intellettuali che avevano animato la primavera furono costretti a emigrare, 70.000 persone nell'immediato e 300.000 in totale.

"Ma che succede io sto piangendo pensando al tempo che se ne va...Parlanno 'e libertà Stà durmenno senza tiempo"

riferimento https://www.agoravox.it/Era-il-21-agosto-1968-a-Praga.html

COMMENTI

27 Agosto 2018 22:39

grazie a te per aver condiviso i tuoi ricordi, preziosi perch? vissuti e veri....

doriana goracci

22 Agosto 2018 16:17

Grazie Doriana Goracci !!
Non ricordavo la data esatta di agosto1968.
Nel mese di Aprile, nel pieno della Primavera di Praga (mentre ero presidente del Comitato Piemontese dell'Asociazione Internazionale di Studenti di Economia) organizzammo il primo viaggio di studio di studenti di Economia italiani in Unione Sovietica.
Il ritorno dall'URSS prevedeva la visita a Praga, dove abbiamo potuto renderci conto della notevole differenza (In positivo) rispetto alla triste e quasi incredibile situazione che trovammo a Mosca e Leningrado (ora San Pietroburgo).
Poi ad agosto, giusto 50 anni fa, il nostro Comitato ospitava tre studenti cecoslovacchi quando ci fu l'invasione delle forze del Patto di Varsavia alla Cecoslovacchia. 
Per molti giorni i nostri stagiaires non poterono avere notizie delle loro famiglie e di quanto stava succedendo. 
In tale situazione ci fu determinante l'aiuto del maresciallo addetto all'Ufficio Stranieri della questura di Torino, in particolare nel convincerli a non tentare di tornare a casa, senza la certezza di poter passare il confine con l'Austria.

Mario

COMMENTA