Arcoiris TV

Chi è Online

231 visite
Libri.itDAVID CHIPPERFIELD (I) #BasicArtTHOMAS LAIRD. MURALS OF TIBET - edizione limitataCHAGALL (I) #BasicArtSTANLEY KUBRICK PHOTOGRAPHS, THROUGH A DIFFERENT LENSI SEGRETI DEI DIPINTI. RINASCIMENTO ITALIANO #BasicArt

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

22 Settembre 2017 11:58

LEZIONI DI ANTIMAFIA IN VATICANO

310 visualizzazioni - 0 commenti

di Tonio Dell'Olio


È bastato un discorso lungo una sola paginetta a Papa Francesco per far capire ai membri della Commissione parlamentare antimafia come la pensa. E se per chi lo conosce era pressoché scontato che avrebbe parlato della corruzione come brodo di coltura nel quale le mafie crescono e prosperano e della confisca dei beni riutilizzati in senso sociale come di un punto d'orgoglio della legislazione italiana, mi sembra utile e importante che i parlamentari abbiano ascoltato che "lottare contro le mafie significa non solo reprimere. Significa anche bonificare, trasformare, costruire, e questo comporta un impegno a due livelli. Il primo è quello politico, attraverso una maggiore giustizia sociale, perché le mafie hanno gioco facile nel proporsi come sistema alternativo sul territorio proprio dove mancano i diritti e le opportunità: il lavoro, la casa, l'istruzione, l'assistenza sanitaria". Ma il Papa argentino ha volato alto quando ha detto: "Oggi non possiamo più parlare di lotta alle mafie senza sollevare l'enorme problema di una finanza ormai sovrana sulle regole democratiche, grazie alla quale le realtà criminali investono e moltiplicano i già ingenti profitti ricavati dai loro traffici: droga, armi, tratta delle persone, smaltimento di rifiuti tossici, condizionamenti degli appalti per le grandi opere, gioco d'azzardo, racket". Chissà se ciascuno dei parlamentari, uscendo dalla Sala Clementina, ha interrogato la propria coscienza chiedendo che cosa sta facendo concretamente per contrastare le mafie nella direzione indicata da un Papa venuto dalla fine del mondo.




http://www.mosaicodipace.it/mosaico/i/3053.html

COMMENTA