Chi è Online

116 utenti
Libri.itIL PRINCIPE CERCA MOGLIESOLLETICHINOLA SIGNORA STIRELLINAMERLINO CONTRO BABBO NATALEMERLINO VA AL MARE
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: teatro

Totale: 119

Gabriela Barrenechea, del disco: Las Ganas de Llamarme Domingo

Exiliada, Gabriela Barrenechea se instala en Francia en los años 80. Cuando ella canta a Pablo Neruda y a Gabriela Mistral, ella afirma con orgullo su pertenencia cultural a Chile, país en donde nació.

Compositora, cantante, guitarrista y actríz, Gabriela compone y escribe sus propios espectáculos. Ella trabaja también con varias compañías artísticas francesas.

Músicas, poesías, canciones, su repertorio se enriquece en Europa. Federico García Lorca, Prévert, Mac Orlan y Federico Mistral, Violeta Parra,
Bárbara y Pierre Perret. Varias otras personas son también sus fuentes de inspiración.

En el trío "Morenica", ella canta canciones y romanzas sefardíes,
esos cantos que ella lleva consigo misma desde más de 30 años.
Cantos de errancia, de veladas, cantos que atraviesan el tiempo y
que cuentan el exilio, el amor filial, la vida cotidiana, historias inmortales (1).

En el ámbito lírico, con su voz maravillosa y cautivante de mezzo soprano
ella interpreta obras como el Réquiem y las Bodas de Fígaro de Mozart,
Didon et Énée de Purcell, le Gloria de Vivaldi, el Magnificat de
Bach...

Sus creaciones, surgidas de su universo interior y de su historia a través
de los continentes, nos llevan por caminos conocidos
y desconocidos que ella misma dibuja con sus propios colores.
Al correr de los años y de su trabajo, su voz y su cuerpo se modelan,
vibran y resuenan en una interacción perpetua...

gabrielab@laposte.net
www.gabriela-barrenechea.fr

Publicado por: Boris Alonso

Visita: www.youtube.com

Giochi da grandi

Un bambino scova in cantina una vecchia scatola del ‘Monopoli’. Lo porta alle sue sorelline e le invita a giocare. Comincia la partita: i bambini si avventurano nel percorso e comprano i primi terreni.“Che bel gioco!”, commenta Martina, “Secondo me diventiamo tutti ricchi!”.Ben presto però nascono le prime ostilità e, in una escalation vorticosa di aste e ipoteche, i bambini si scoprono vittime di un meccanismo perverso che li rende tutti perdenti.Presentato il 17/11/2007 al Teatro Testoni(Bologna) dal quotidiano "La Repubblica"Guarda il backstage

Visita: www.sferoproductions.com

Giochi da grandi BACKSTAGE

Backstage del cortometraggio "Giochi da grandi" di Andrea Marchegiani. Presentato in anteprima a Bologna, presso il Teatro Testoni Ragazzi, per il quotidiano "La Repubblica". Regia: Andrea MarchegianiAiuto regia: Silvia BompianiMusiche: Livia FerriInterviste a: Andrea Marchegiani, Roberto Spellucci, Silvia Bompiani, Alessia Andreoni, Federica Rossi, Livia Ferri, Federico Giovagnoli, Teresa NovielloGuarda il cortometraggio

Visita: www.sferoproductions.com

Grandes Chilenos. Víctor Jara, TVN, 2008

Documental de la serie "Grandes Chilenos de Nuestra Historia" de TVN. Programa emitido el miércoles 23 de julio a las 22:40 Hrs. El periodista Ignacio Franzani defiende al cantautor, dramaturgo y director de teatro Víctor Jara como el "Gran Chileno de Nuestra Historia"
Historia de la vida y obra de este gran artista multifacético.

Es uno de los artistas que, pese a que fue asesinado el 15 de septiembre de 1973, sigue vivo en la memoria de los chilenos y miles de personas alrededor del mundo: Víctor Jara no sólo fue un cantautor de la nueva canción chilena, sino también un excelente fotógrafo y un recordado director de teatro que cambió los paradigmas del arte en nuestro país.

Víctor Jara (1932-1973) Mi canto es una cadena sin comienzo ni final...

De origen campesino, hijo de un inquilino y una cantora popular,

Víctor Jara llegaría a convertirse en uno de los principales referentes de la música chilena y en un testimonio vivo de la creación artística popular...

Documental de TVN, año: 2008.

Dirección: Rodrigo Moreno del Canto

Publicado por: ldo Garrido. 18 may. 2015.

IL PRIMO PROCESSO A OSCAR WILDE - Teatro a muccassassina -26/11/2010

Medea.net, Napoligaypress, Ortensia Teatro e Circolo di cultura omosessuale Mario Mielipresentano: "IL PRIMO PROCESSO DI OSCAR WILDE"Una drammaturgia di Massimiliano Palmese con la regia di Roberto Azzurro. Si ripercorrono i momenti salienti dell'interrogatorio in cui Wilde è costretto a rispondere dei suoi rapporti con omosessuali e ragazzi di vita e lo fa di volta in volta negando, mentendo, scherzandoci sopra, mettendo in luce il genio del suo umorismo.

Visita: www.youtube.com

IL RAPPORTO LUGANO ovvero come salvare il capitalismo nel XXI secolo - videopromo

Un gruppo di scienziati, economisti, fiscalisti, tra i più importanti e rinomati al mondo, è stato convocato in una Villa di Lugano, in Svizzera, per studiare la situazione attuale del sistema capitalistico e continuarne il mantenimento. “Il Rapporto Lugano” ne è il risultato, in cui gli esperti dichiarano che il futuro del Capitalismo è in pericolo nel ventunesimo secolo. Urgono pertanto misure efficaci! Segue una descrizione implacabile del mondo che ci aspetta. Un mondo dove si sostituisce la legge del mercato al contratto sociale, il capitale al lavoro, un mondo dove “i perdenti” dovranno sacrificarsi a vantaggio dei “vincitori” in modo che questi possano ragionevolmente continuare la loro ricerca della “felicità”. Ed il metodo più efficace per raggiungere e mantenere tale obbiettivo è spaventosamente semplice e sotto gli occhi di tutti.Un rapporto che getta nello sconforto, documentato, inattaccabile e appassionante, che ci permette di interrogarci sul mondo e la sua “globalizzazione”, sui meccanismi fondamentalmente perversi del capitalismo ultra-liberale: la sua scelleratezza ecologica, economica e sociale.Prima di essere una partizione per sola attrice, “Il Rapporto Lugano” era un romanzo fanta-politico di Susan George; purtroppo oggi la fantasia è stata sostituita dalla realtà.....da Susan Georgecon Antonella Questaregia Virginia Martiniuna produzione LaQ-Prod

Visita: www.laq-prod.net

Il Teatro dell' Oppresso al csoa Cartella di Reggio Calabria.

Al csoa Cartella di Reggio Calabria irrompe il Teatro dell'Oppresso, a cura di Ciccio Tedesco. Teatro do Oprimido, è una metodo teatrale che comprende differenti tecniche create dal regista brasiliano Augusto Boal.
Il Teatro dell'Oppresso nasce in Brasile, in un clima di lotte operaie e contadine, in tempi in cui il regime oppressivo degli anni '60 del Novecento non consentiva l'espressione di critiche né di liberi pensieri e opinioni in pubblico.Boal portò il teatro nella vita quotidiana delle persone, mostrando che ognuno di noi può influenzare attivamente gli sviluppi socio-politici.

Il Teatro delle Rane

Spettacolo del Teatro delle Rane al csoa Cartella di Reggio Calabria.

Il baule di Totò

Visita al baule discena di Totò, contenente gli effetti personali ed i cotumidi scena.

Il teatro per sciogliere le convinzioni e governare se stessi, conferenza di Mauro Scardovelli

Ci sono convinzioni che impediscono la piena realizzazione della nostra anima. Una delle convinzioni più radicate è quella di credere che “l'essere umano è un'unità” oppure e essere convinti che “le emozioni dipendono dal mondo esterno”. Il teatro ci permettere di mettere in scena le nostre parti interne e di rappresentare modelli didattici efficaci per la comprensione del nostro mondo interno. Modelli di per se semplici che chiariscono il funzionamento della psiche. Ci si istruisce a tutto nella vita tranne a governare se stessi, compito che i greci avevano già chiarissimo. Non è tanto importante se abbiamo dentro di noi “parti” folli, ma se sappiamo governare noi stessi. Per governare se stessi bisogna conoscere le proprie “qualità interiori” e portarle a compimento. Chi realizza se stesso raggiunge la felicità.

Visita: www.mauroscardovelli.com