Arcoiris TV

Chi è Online

299 utenti
Libri.itBESTIARIO VERTICALEGREAT ESCAPES ITALY (IEP) - edizione aggiornataNYT. 36 HOURS. WORLD. 150 CITIES FROM ABU DHABI TO ZURICHURBAN SKETCHING - COLOREGEORGE HERRIMAN, THE COMPLETE KRAZY KAT IN COLOR 1935-1944

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: mafia

Totale: 140

Georgofili, una via una strage [promo video]

Promo video dello spettacolo "Georgofili, una via una strage", scritto e interpretato da Saverio Tommasi in collaborazione con l'Associazione tra i familiari delle vittime della strage.

Visita: www.saveriotommasi.it

I movimenti della popolazione, i diritti degli immigrati e le campagne securitarie

Scuola di cultura politica 2010-2011.8° modulo: Tempo e spazio nell'epoca globaleInterventi di Kossi Komla-Ebri e Roberto Cornelli: "I movimenti della popolazione, i diritti degli immigrati e le campagne securitarie"Introduce Ferruccio CapelliMilano 14 maggio 2011

Visita: www.scuoladiculturapolitica.it

Il caso Genchi. Storia di un uomo in balia dello Stato

NADiRinforma propone la registrazione dell'incontro avvenuto venerdì 29 gennaio '10 c/o la Libreria Irnerio (Bo) di Gioacchino Genchi e Valerio D'Alessio in occasione della presentazione del libro di Eduardo Montolli "IL CASO GENCHI. STORIA DI UN UOMO IN BALIA DELLO STATO" (Aliberti). Genchi, protagonista di una stagione burrascosa appena trascorsa sulle pagine dei quotidiani, e' ora totalmente oscurato dall'informazione. Le sue inchieste, Why Not e via D'amelio, tra le tante, hanno pestato piu' di un callo, e su di lui è ora calato il silenzio... prova del controllo cui e' sottoposta l'informazione nel nostro Paese. "In Why Not avevo trovato le stesse persone sulle quali indagavo per la strage di via D'Amelio. L'unica altra indagine della mia vita che non fu possibile finire". "La storia sconvolgente che spiega perché tanti potenti hanno paura del contenuto dell'archivio Genchi". Dalla prefazione di Marco Travaglio
Guarda l'intervista

Visita: www.mediconadir.it

Il nemico siamo noi

Il nemico siamo noi, quando noi non ci guardiamo negli occhi
(stai lontano cazzi tuoi e che nessuno mi tocchi)
siamo noi, siamo noi lamentose carcasse ambulanti
(che gli eroi sotto terra guarda bene son tanti)
Il nemico siamo noi pronti a scordare bombe esplose lontano
(poverino pensa che gli avevo stretto la mano)
siamo noi che mettiamo fiori quando non si posson vedere
(non ho fatto altro in fondo che restare a tacere)(a guardare... senza fiatare...)

Intervista a Pino Maniaci

Intervista a Pino Maniaci, direttore di Telejato, televisione di provincia che ha conquistato progressivamente il ruolo di emittente d’assalto e di strumento d’informazione alternativa in Sicilia. L’utenza è di circa 150 mila teleascoltatori, in una zona caratterizzata, da sempre da forti presenze mafiose in comuni come Alcamo, Partinico, Castellammare del Golfo, S.Giuseppe Jato, Corleone, Cinisi, Montelepre.In questo video, negli studi di Arcoiris TV a Modena, Maura Pazzi intervista Pino Maniaci

Visita: www.telejato.it

Intimidiscimi

Un cortometraggio nato a lato delle date siciliane della compagnia di Giulio Cavalli. Uno sfottò nei confronti dei detrattori di Pino Maniaci e Giulio (vittime di intimidazioni da parte della mafia) che stanno cercando di isolare, calunniare, mettere in difficoltà chi ha messo la propria faccia per difendere un sogno di legalità per la nostra società. Realizzato in una notte (con l'ausilio di qualche bottiglia di vino). Con Giulio Cavalli (attore), Maura Pazzi (fotografa), Francesca Scaglione (Fascio&Martello), Carmelo Di Gesaro (Fascio&Martello), Fabrizio Ferrandelli (consigliere comunale a Palermo) e Pietro Orsatti (regista). E, chiaramente, la partecipazione di Pino Maniaci (solo in voce...).

Visita: www.orsatti.info

Io urlo - Per un ricordo di Mimmo Beneventano

"Io urlo" è il titolo di una delle poesie più belle di Mimmo e da il titolo anche al documentario che abbiamo voluto realizzare come Collettivo, affinchè possano restare impresse nella memoria di chi lo guarda le parole di coloro che hanno conosciuto Mimmo più da vicino.Attraverso le parole della mamma, della sorella, degli amici d'infanzia abbiamo provato a ricostruire la storia di un uomo che non ha fatto altro nella vita che combattere contro le ingiustizie, stando sempre dalla parte dei meno abbienti, attuando una ferma opposizione, politica e personale, verso il malaffare, la corruzione, la camorra.Emerge dalle parole degli amici anche il ricordo di un ragazzo pieno di voglia di vivere, dall'animo sensibile e capace di coinvolgere chi gli stava vicino nelle attività più disparate.

Visita: www.vocenueva.splinder.com

Visita: www.ranus.splinder.com

Visita: www.mediconadir.it

La banda

Gli arresti dei vecchi mafiosi, ‘ndranghetisti e camorristi si susseguono. Fanno troppo parlare di loro, stimolano tutta una letteratura che nuoce agli affari della nuova mafia organizzata di appaltatori: una cricca legata strettamente alle istituzioni.

La memoria ha un costo

Video-intervista a Rosario Giuè, autore del libro "Il costo della memoria", parla della testimonianza coerente e profonda di Peppino Diana, parroco a Casal di Principe (Aversa); dei suoi percorsi umani-formativi, del suo essere fedele prete accanto alla gente, nel predicare testimoniando concretamente il vangelo di Gesù, nell'ascolto, nel sostegno, nella denuncia; del suo assassinio camorristico del 19 marzo 1994, 6 mesi dopo quello mafioso di Pino Puglisi (Palermo).Rosario Giuè vive a Palermo. Laureato in Scienze Politiche a Palermo, Dottorato in Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma. Parroco a Brancaccio (Palermo) dall'85 all'89, precedendo nella stessa parrocchia Pino Puglisi, che subentra dal '90 e viene assassinato nel '93.Ha diverse pubblicazioni e collabora con la edizione palermitana di La Repubblica e con la rivista Mosaico di pace

Visita: www.oikia.info

Le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico del territorio

Martedì 10 Novembre 2009 Auditorium “Giorgio Fini”, ModenaFatti di cronaca e arresti eccellentihanno anche recentemente messo in luceun attivo interesse delle organizzazioni mafiose per il ricco tessuto economico della provinciadi Modena.Forti di risorse finanziarie occulte,queste organizzazioni potrebbero approfittare dell’attuale momento di fragilitàdel sistema delle imprese dovuto alla crisiper penetrare nella realtà economica modenese.Saluto: Pietro Ferrari,Presidente Confindustria ModenaIntroduzione: Davide Malagoli, Presidente Gruppo Giovani Imprenditori ModenaLe mafie in Emilia-Romagna: passato e presente: Enzo Ciconte, Docente di Storia della criminalità organizzata Università degli Studi Roma TreInfiltrazioni in provincia di Modena,riconoscere i sintomi per prevenire: Vito Zincani, Procuratore della Repubblica di ModenaLe tentazioni delle mafie verso i lavoratori: Donato Pivanti, Segretario generale CGIL ModenaConclusioni: Giuseppe Catanzaro