Chi è Online

112 utenti
Libri.itMARIO TESTINO. CIAO. OMAGGIO ALLTHE SARTORIALIST. INDIAIMPOSSIBILETHE ADIDAS ARCHIVE. THE FOOTWEAR COLLECTIONKOOLHAAS. COUNTRYSIDE, A REPORT
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: Mani

Totale: 38

Gianni Barbacetto interviene alla presentazione del libro ''Mani sporche''

Teatro Quirino (Roma), 10 gennaio 2008. Marco Travaglio, Gianni Barbacetto e Peter Gomez presentano il loro libro "Mani sporche".
Il sottotitolo si spiega da sé: "2001-2007, così destra e sinistra si sono mangiati la seconda repubblica".
Oltre agli autori, al dibattito intervengono il corrispondente dell'Economist David Lane e il Procuratore aggiunto di Palermo Roberto Scarpinato, che ha indagato sui rapporti tra Cosa Nostra, politica e massoneria.
Vedi anche: Intervento di Peter Gomez
Intervento di Marco Travaglio
Intervento di Pietro Scarpinato
Riprese: Paolo Dimalio, Stefano Pradelli, Matteo Antonelli
Montaggio: Stefano Pradelli, Paolo Dimalio
Produzione: Arcoiris Roma

Peter Gomez interviene alla presentazione del libro ''Mani sporche''

Teatro Quirino (Roma), 10 gennaio 2008. Marco Travaglio, Gianni Barbacetto e Peter Gomez presentano il loro libro "Mani sporche".
Il sottotitolo si spiega da sé: "2001-2007, così destra e sinistra si sono mangiati la seconda repubblica".
Oltre agli autori, al dibattito intervengono il corrispondente dell'Economist David Lane e il Procuratore aggiunto di Palermo Roberto Scarpinato, che ha indagato sui rapporti tra Cosa Nostra, politica e massoneria.
Vedi anche: Intervento di Marco Travaglio
Intervento di Gianni Barbacetto
Intervento di Pietro Scarpinato
Riprese: Paolo Dimalio, Stefano Pradelli, Matteo Antonelli
Montaggio: Stefano Pradelli, Paolo Dimalio
Produzione: Arcoiris Roma

Visita: www.arcoiris.tv

Sessione culturale

Chi global?
Cittadini di un mondo tra centri e periferia
Le nuove identità culturali dopo il mito del villaggio globale
Nelle terza sessione Mani Tese si propone di prestare attenzione all'aspetto culturale della
globalizzazione, quello in base al quale sentiamo di poter definire "globali" quei cittadini che, come
noi, sono capaci di cogliere la ricchezza dell'incontro con l'altro.
Abbiamo chiamato ad introdurre questa tematica complessa, che intreccia il piano antropologico,
la sociologia dei processi migratori e la politica, Geneviéve Makaping, antropologa di origine
africana, professoressa all'Università di Reggio Calabria.
Al dibattito parteciperanno Gloria Munoz Ramirez, giornalista meticcia messicana che ha scelto, da
dieci anni, di condividere il percorso delle comunità indigene del Chiapas, e due intellettuali italiani
attenti agli effetti dei processi migratori, ai rapporti fra le due sponde del Mediterraneo e alle nuove
idee di cittadinanza, Marco Revelli e Bruno Amoroso.
Visita il sito: www.manitese.it

Sessione speciale: L'ltalia nello scacchiere mondiale, centro o nuova periferia? - domande pubblico

Chi global?
Cittadini di un mondo tra centri e periferia
Al termine della riflessione sugli effetti della globalizzazione a livelio mondiale, riteniamo importante dedicare uno spazioall'ltalia. Gli ultimi anni hanno visto accentuarsi la perdita di competitività delle industrie nazionali,in uno scacchiere internazionale fattosi assai piu complesso per l'ascesa di nuovi concorrenti globali (Cina in primis).Da un punto di vista politico la visione delle relazioni internazionali ed il ruolo dell'ltalia su temi come la pace,la cooperazione internazionale, l'attenzione alle aree del Mediterraneo ed al Sud del mondo in generale hanno conosciuto negliultimi tempi un profondo appannamento.
Patrizia Sentinelli, Vice Ministro degli Esteri con delega alia cooperazione, stimolerà un dibattito sul "caso Italia"a cui parteciperanno padre Alex Zanotelli, Giulio Marcon di Sbilanciamoci, Tonino Perna, economista dell'Universita di Messina,e David Lane, corrispondente in Italia di The Economist, per analizzare la posizione attualmente ricoperta dall'ltaliaall'interno del sistema mondiale. Modera Sabina Siniscalchi, gia Segretaria di Mani Tese dal 1989 al 2002 ed oggi Deputata.
Visita il sito: www.manitese.it

Sessione speciale: L'ltalia nello scacchiere mondiale, centro o nuova periferia?

Chi global?
Cittadini di un mondo tra centri e periferia
Al termine della riflessione sugli effetti della globalizzazione a livelio mondiale, riteniamo importante dedicare uno spazioall'ltalia. Gli ultimi anni hanno visto accentuarsi la perdita di competitività delle industrie nazionali,in uno scacchiere internazionale fattosi assai piu complesso per l'ascesa di nuovi concorrenti globali (Cina in primis).Da un punto di vista politico la visione delle relazioni internazionali ed il ruolo dell'ltalia su temi come la pace,la cooperazione internazionale, l'attenzione alle aree del Mediterraneo ed al Sud del mondo in generale hanno conosciuto negliultimi tempi un profondo appannamento.
Patrizia Sentinelli, Vice Ministro degli Esteri con delega alia cooperazione, stimolerà un dibattito sul "caso Italia"a cui parteciperanno padre Alex Zanotelli, Giulio Marcon di Sbilanciamoci, Tonino Perna, economista dell'Universita di Messina,e David Lane, corrispondente in Italia di The Economist, per analizzare la posizione attualmente ricoperta dall'ltaliaall'interno del sistema mondiale. Modera Sabina Siniscalchi, gia Segretaria di Mani Tese dal 1989 al 2002 ed oggi Deputata.
Visita il sito: www.manitese.it

Sessione politica: Regionalismi o regole globali? Le scelte politiche per un diverso ordine mondiale

Chi global?
Cittadini di un mondo tra centri e periferia
Dedichiamo la seconda sessione all'analisi del ruolo della politica nei processi di globalizzazione,
cercando di analizzarne gli scenari futuri per vedere se prevarranno regole globali oppure se
assisteremo ad un proliferare di regionalismi.
La relazione principale e affidata a Samir Amin, presidente del Forum Mondiale delle Alternative e
autore di numerose pubblicazioni di analisi dello sviluppo ineguale tra Nord e Sud del mondo. Le
tesi di Amir prefigurano un mondo multipolare dove ampie aree regionali siano in grado di darsi
una strategia politica di ampio respiro, capace di contrapporsi allo strapotere USA e di strutturare
un ordine mondiale più democratico.
Ad animare la tavola rotonda con l'economista e storico egiziano sono stati chiamati due attivisti
provenienti dai poli opposti della gerarchia geopolitica: da una parte Laura Carlsen,
dell'International Relations Center degli Stati Uniti d'America, autrice di articoli e saggi sulla
questione americana (I'integrazione tra Nord, Centro e Sud America), dall'altra la sudafricana Dot
Keet
dell'Alternative Information & Development Center e la Sudanese Asha El Kharib, di ACORD,
in rappresentanza dei movimenti sociali africani.
Visita il sito: www.manitese.it

Sessione economica: Globalizzazione, i sommersi e i salvati

Chi global?
Cittadini di un mondo tra centri e periferia
La prima sessione del Convegno è dedicata ad un'analisi dei processi di globalizzazione economica, ed all'attuale fase di crisi.
Verrà introdotta da Nicola Bullard, ricercatrice e attivista di Focus on the Global South, in Thailandia.
Nella sua relazione i concetti di Nord e Sud del mondo, di centri e periferie globali, verranno analizzati alla luce delle dinamiche degli ultimi anni,per tracciare i contorni del fallimento del neoliberismo e una realtà di pochi centri di potere economico-finanziario globale,capaci di trarre vantaggi enormi dalle ferite sociali che la globalizzazione ha inferto alle periferie del pianeta.
Ad interloquire con la Bullard abbiamo invitato relatori portatori di differenti visioni politico-
economiche: da un lato Juraci Portes De Oliveira, rappresentante del Movimento brasiliano dei
Sem Terra, portatore di un modello di sviluppo auto-centrato, basato sulla preminenza del mercato
locale, dall'altra Innocenzo Cipolletta, neo presidente del Gruppo Ferrovie dello Stato S.p.A., ex
vicepresidente di Confindustria, un economista vicino alle idee neoliberiste.
La tavola rotonda sarà infine completata dall'intervento di Alessandro Volpi, dell'Universita di Pisa,
autore di ricerche accademiche di grande interesse sulla reale portata dei processi di
globalizzazione e sulla rinascita di regionalismi economici.
Visita il sito: www.manitese.it

Sfilata di Mani Tese

Ecco come il gruppo Mani Tese di Finale Emilia (Mo) fa rivivere "gli stracci" che smista e rivende al proprio mercatino dell'usato.
Un gruppo di 40 volontari che ogni mercoledì e sabato (giorni di apertura del mercatino) trasformano ingombranti rifiuti in oggetti rinati: dagli abiti ai libri, dalle poltrone ai computer, dalle scarpe all'antiquariato. La sfilata a Carpi, quinta passerella nel book delle modelle "riciclate", é uno dei canali di finanziamento che il gruppo attua per sostenere Krom, suo partner cambogiano.
E la cooperazione internazionale non basta! I volontari del gruppo Mani Tese stanno anche facendo i muratori per costruire la nuova sede del mercatino. Manodopera volontaria sempre accetta.
visita il sito: www.manitesefinale.it
Visita il sito: www.manitese.it