310 utenti


Libri.itCHRISTO & JEANNE-CLAUDE - L POSTCARDS/CARTOLINE SEBASTIÃO SALGADO - AMAZONIABJARNE MASTENBROEK. DIG IT! BUILDING BOUND TO THE GROUNDHELMUT NEWTON. LEGACYQUANDO DORMO LA NOTTE…
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: MAREA

Totale: 35

Trama di terre - Decimo Anniversario dell'associazione

Trama di terre, associazione nata nel 1997, è uno spazio di donne native e migranti, un luogo di elaborazione culturale e di politica femminileper la valorizzazione, il riconoscimento e la diffusione delle culture prodotte da donne di diverse provenienze nazionali.Trama di terre in questi anni ha unito italiane e straniere in una lotta per l'accesso a risorse materiali e simboliche che si scontrano su discriminazionibasate sul genere, sull'origine nazionale e sull'appartenenza religiosa.Trama di terre centro interculturale offre vari servizi: l'assistenza legale e i corsi di lingue, la biblioteca, le sale riunioni e "la cucina abitata",spazi di vita quotidiana dove ci si può incontrare, scambiare esperienze e socializzare.
Per festeggiare i primi dieci anni di attività, Trama ha promosso un incontro internazionale a Imola (7-9 dicembre 2007) per capirequali sono i limiti del multiculturalismo in relazione alle donne e all'autodeterminazione femminile, ragionare sulla necessità diopporsi a qualunque forma di fondamentalismo religioso, porre l'attenzione sul femminicidio come fenomeno trasversale che colpiscein ogni parte del mondo, e discutere sulle connessioni della violenza contro le donne con il pensiero patriarcale e le pratiche religioseintegraliste che la sostengono anche nelle comunità migranti. Questo video, realizzato da Monica Lanfranco, sostenitrice e amica diTrama di Terre, è una offerta di conoscenza e augurio per altri dieci anni di vita del centro.
Immagini di: Pietro Orsatti
Visita il sito: www.tramaditerre.org
Visita il sito: www.mareaonline.it
Visita il sito: www.monicalanfranco.it

Tre Voci

Dal trentesimo incontro nazionale delle Comunità cristiane di base italiane tre testimonianze sul tema della laicità, intrecciata con la forza critica einnovativa dei movimenti delle donne e altermondialisti: Giancarla Codrignani, Marinella Perroni e Josè Tamayo.
Interviste a cura di Monica Lanfranco
Visita il sito: www.monicalanfranco.it
Visita il sito: www.mareaonline.it

Venerdì 26 - Interventi del pubblico

Religioni e politiche identitarie negano i diritti fondamentali delle donne.
Indagine attorno ad alcune esperienze di fondamentalismo religioso o politico ma anche su quanto possa essere presente la complicità del sesso femminile.
Dibattito con il pubblico presente.
Incontro internazionale voluto dalla rivista femminista MAREA con donne e uomini impegnati contro i fondamentalismi religiosi, per l'autodeterminazione delle donne e la cittadinanza,
registrato Venerdì 26 maggio 2006 presso il Palazzo Rosso, Genova.
Visita il sito: www.mareaonline.it

Vladimir Luxuria

Religioni e politiche identitarie negano i diritti fondamentali delle donne.
Indagine attorno ad alcune esperienze di fondamentalismo religioso o politico ma anche su quanto possa essere presente la complicità del sesso femminile.
Vladimir Luxuria , deputato del Prc
Incontro internazionale voluto dalla rivista femminista MAREA con donne e uomini impegnati contro i fondamentalismi religiosi, per l'autodeterminazione delle donne e la cittadinanza,
registrato Venerdì 26 maggio 2006 presso il Palazzo Rosso, Genova.
Visita il sito: www.mareaonline.it
Visita il sito: www.vladimirluxuria.it

Yael Meroz

Responsabilità e democrazia.
In che modo i diritti delle donne misurano la civiltà e quali gli strumenti per raggiungerli. Limiti e risorse della rappresentanza.
Yael Meroz (pacifista israeliana) , ricercatrice universitaria.
Incontro internazionale voluto dalla rivista femminista MAREA con donne e uomini impegnati contro i fondamentalismi religiosi, per l'autodeterminazione delle donne e la cittadinanza,
registrato Sabato 27 maggio 2006 presso il Palazzo Rosso, Genova.
Visita il sito: www.mareaonline.it