80 utenti


Libri.itA PRIMA VISTA POCKET: FRANCESE GRAMMATICAESTINZIONI. IL CREPUSCOLO DELLE SPECIELO SPETTATOREA PRIMA VISTA POCKET: TEDESCO GRAMMATICAA PRIMA VISTA POCKET: ITALIANO GRAMMATICA
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!










Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

19 Luglio 2007 16:45

Gridalo forte!

991 visualizzazioni - 0 commenti

di Doriana

La Banda Bassotti grida forte il suo antifascismo. Suoneranno a Oriolo Romano (Vt) domenica 22 luglio alle 20,30. L'ingresso è libero. Siamo nel viterbese. Ci sarò.Come dicono "loro":"Noi andiamo avanti per la nostra strada; conosciamo il nostro mondo e non possiamo viverlo saltuariamente". Doriana Goracci ______________________________________________________________ www.muso.it http://reset.netsons.org/modules/news/article.php?storyid=474 Nei giorni 20-21-22 Luglio la VI edizione del Muso Music Festival. La manifestazione, organizzata dall’Associazione Culturale Muso, è patrocinata dal Comune e dalla Pro-Loco di Oriolo Romano, dalla Provincia di Viterbo e dalla Regione Lazio. Il festival si svolgerà nell’arco di tre giorni, si esibiranno artisti importanti del panorama musicale underground italiano come Enrico Capuano, la Banda Bassotti e i Wogiagia Crew con la “speciale” partecipazione di band locali tra cui: i Rude Talking, la Fonderia e gli Aran. All’interno della festa sarà allestita una mostra fotografica e sarà possibile assistere a diverse performance live di writers, inoltre, ci saranno stand enogastronomici con un ricco menù di piatti tipici. Il presidente dell’Associazione, Giovanni Fiori, afferma che l’iniziativa è nata qualche anno fa quasi per gioco, per socializzare, per divertirsi e soprattutto per dare spazio a band musicali del territorio. Al “gioco”, ogni anno, hanno partecipato decine di giovani di Oriolo ma anche altri provenienti dai paesi limitrofi. “Ragazzi e ragazze attirati dalla possibilità di organizzare liberamente una festa che sapesse coniugare espressione artistica, socializzazione e una gestione collettiva aperta alle diverse realtà e esigenze dei giovani del territorio”. L’organizzazione non ha attirato solo giovani ma anche “ragazzi” oltre i 50 anni, come lo stesso Fiore e il Sindaco di Oriolo, Italo Carones, il quale, oltre a dare piena disponibilità di spazi e mezzi, offre ogni anno un valido aiuto pratico, occupandosi di collaudare l’impianto elettrico del Festival. In breve tempo il Festival ha comunque assunto notevole importanza tanto da richiamare gruppi di una certa fama del panorama musicale alternativo italiano. Lo scorso anno, infatti, al concerto dei “Radice nel Cemento” si è verificato un notevole afflusso di pubblico, rendendo palese la crescita esponenziale del Festival di anno in anno. Il “gioco” si è trasformato nel tempo in una seria realtà con notevoli aspettative per tutti. “lo spazio dove attualmente si svolge la festa potrebbe non bastare nei prossimi anni – dichiara Fiore - per questo si sta già pensando a strutture alternative, presenti nel Comune di Oriolo, per contenere adeguatamente il pubblico”. L’evento richiama molti giovani da tutta Italia, tanto che per le edizioni precedenti, è stato necessario cercare alloggi di “fortuna” per alcune persone del pubblico, poi ospitate nella palestra comunale. Il presidente ci confida, inoltre, un personale desiderio per i prossimi anni: “ Vorrei riuscire ad invitare gruppi stranieri di un certo livello”.

COMMENTA