213 utenti


Libri.itCHI HA RUBATO LE UOVA DI MIMOSA?IL RIPOSINOI DUDÙ VANNO A SCUOLA?LINETTE – COMPAGNO DI GIARDINOSOLVEIG. UNA VICHINGA NELLA TERRA DEGLI IROCHESI
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!










Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

8 Febbraio 2024 17:12

Insieme Liberi - Comunicato stampa

23 visualizzazioni - 0 commenti

di Pamela Volpi

Venerdì 9 febbraio alle ore 18 a Trieste presso la sede dell’associazione Le pecore nere (via Rossetti 20b) con la conferenza dal titolo Psicofarmaci e pseudo-vaccini anti-covid: avvelenamento di corpi, menti e Anime, controllo sociale e asservimento di massa a cura del medico psichiatra, psicologo e psicoterapeuta Marco Bertali, prende avvio il ciclo di incontri a cadenza settimanale Una battaglia intelligente contro le menzogne del sistema. La nostra forza è la ricerca della verità, organizzato dalla confederazione politica nazionale Insieme Liberi.


Conferenze, proiezioni di documentari, presentazioni di liberi, spettacoli si articoleranno su tre mesi di programmazione fino al 12 maggio per affrontare alcuni temi caldi della nostra storia recente.


Il caso Moro e gli anni di piombo con la proiezione del documentario Non è un caso Moro. Un film clandestino, una storia inaudita. La verità, finalmente, sul delitto Moro! di Tommaso Minniti (16 febbraio) e con la presentazione del libro The Masquerade. Da Osvaldo all’operazione Fritz in compagnia degli autori Maurizio Fiorentini e Roberto Valtolina (23 febbraio), due analisi in parte discordanti sul delitto Moro e sulla nascita delle Br. 


La guerra in Ucraina, con la proiezione de Il testimone – film scritto da Sergej Volkov e diretto da David Dadunashvili, già censurato in alcune sale italiane per le verità, sgradite alla propaganda a senso unico, che fa emergere – con la partecipazione in collegamento di Vincenzo Lorusso e Andrea Lucidi di Donbass Italia, associazione promotrice della diffusione nel nostro paese del film russo (1 marzo). 


I recenti anni di follia pandemica, con la presentazione del libro Il grande inganno da parte degli autori Franco Fracassi e Joseph Tritto (8 marzo). 


Il tema scottante dell’immigrazione: la rotta mediterranea con la proiezione dell’ultimo film di Michelangelo Severgnini – in collegamento durante l’appuntamento triestino – dal titolo Una storia antidiplomatica (15 marzo); la rotta balcanica attraverso un incontro dal titolo Immigrazione e rotta balcanica. La situazione dei confini in Friuli Venezia Giulia in compagnia dell’ex commissario di polizia Fabio Camillucci (22 marzo). 


Segreti e conflitti d’interesse degli organismi sovranazionali che muovono i fili dei governi, semplici burattini in mano ai poteri finanziari apolidi, con il documentario Secret of the United nations. What everyone needs to know, realizzato dall’International Crimes Investigative Committee & Stop World Control (29 marzo), e la conferenza dell’ingegnere e attivista politico Ugo Rossi dal titolo Come uscire da organismi sovranazionali, come UE e NATO, e riscattare la nostra sovranità? Guida pratica (5 aprile). 


Per quanto riguarda agricoltura ed economia sarà la volta dell’intervista da parte di Ornella Bonetta – impegnata nella riscoperta dell’agricoltura biodinamica di stampo steineriano – dal titolo L’agricoltura ai giovani! Il caso di un giovane agricoltore biologico permacultore a Trieste dedicata a Massimo Raimondi, giovane agricoltore dedito al ritorno ad un metodo agricolo del passato legato ai cicli naturali della terra (12 aprile), e dell’approccio costruttivo dell’economista Fabio Conditi, presidente dell’associazione Moneta Positiva, in un incontro dedicato alla riforma del sistema monetario e alla realizzazione di una moneta di proprietà dei cittadini (19 aprile). 


Il genocidio in atto nella striscia di Gaza con la proiezione del documentario Araba Fenice. Il tuo nome è Gaza in compagnia dell’autore Fulvio Grimaldi, giornalista esperto di Medio Oriente, combattente alla fine degli anni Sessanta all’interno dell’OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina), reduce da un recentissimo tentativo, fallito sul confine egiziano, di entrare in Palestina come inviato di guerra (26 aprile). 


I primi due venerdì di maggio – ci si sporterà all’aperto, nel salottino naturale di piazza Cavana – saranno dedicati all’incontro con due sostenitori del progetto Insieme Liberi: Arnaldo Vitangeli, direttore de La finanza sul Web, canale molto seguito per le sue lucide analisi geopolitiche (3 maggio), e Anna Rita Iannetti, medico, esperta in neuroscienze e medicina biointegrata, attiva in questi anni per denunciare le menzogne della psico-pandemia (10 maggio).


I quattordici venerdì saranno arricchiti da quattro domeniche particolari: il 18 febbraio, dopo un collegamento alle ore 10 con Massimo Mazzucco, verranno proiettati i suoi tre documentari sull’11 settembre; il 3 marzo sarà la volta della proiezione di sei lavori di Franco Fracassi, da La fabbrica delle rivoluzioni e Licio Gelli, l’ultima intervista a tre documentari dedicati alle questioni mediorientali; il 21 aprile di sei lavori di Fulvio Grimaldi incentrati sul mondo arabo.


Concluderà l’intero ciclo lo spettacolo dell’attore romano Sandro Torella dall’eloquente titolo Nuovo disOrdine mentale, dedicato alla dissonanza cognitiva data dalla martellante narrazione a senso unico, tra pandemie, cambiamento climatico, transizione verde, farina di grilli, cultura della cancellazione, teorie gender, fluidità, multiculturalità, argomenti volti a destabilizzare una umanità sempre più lontana dalle proprie radici, dalla propria terra e dalla natura spirituale intrinseca nell’essere umano.


INSIEME LIBERI


COMMENTA