135 utenti


Libri.itSUPERCIUCCIO VOL. 1QUANDO DORMO LA NOTTE…ATTILIO - Nuova EdizioneLOTTATORE PER AMOREIL CASO LUPO CATTIVO
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!








Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

19 Luglio 2022 16:13

Borsellino senza retorica

38 visualizzazioni - 0 commenti

di Tonio Dell'Olio

Innanzitutto i nomi: Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina. Perché i nomi sono importanti per non consentire a nessuno di trasformare gli altri in un simbolo disincarnato, in una nicchia di eroismo, in una scatola di naftalina da tirar giù dalla soffitta a ogni anniversario. Non c'è altro modo di onorare quella memoria che ottenere verità e giustizia. Eppure man mano che passano gli anni, sbiadisce anche quello scampolo di possibilità di rispondere in modo coerente: chi, perché, su ordine di quali poteri? E, insieme a quelle, rispondere alle domande più difficili sui depistaggi di giudici che si fa molta fatica a definire colleghi di Falcone e Borsellino. E poi ascoltare in profondità quell'invito dell'arcivescovo Corrado Lorefice: "Se vogliamo cogliere il senso di una ricorrenza senza cadere nella retorica, dobbiamo intendere la memoria come una provocazione che riguarda ognuno di noi da vicino e ci chiama a coinvolgerci in un progetto di liberazione". Senza retorica. Come avrebbero voluto proprio loro. Quei nomi, quelle vite, quel grido verso il cielo e verso le nostre coscienze.

COMMENTA