Chi è Online

Chi è Online

345 utenti
Libri.itCINEMA DEGLI ANNI I CAPOLAVORI DEL CINEMA DEGLI ANNI JOHN FORDNICHOLSONCINEMA DEGLI ANNI
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

30 Ottobre 2020 18:02

Senza maschera

73 visualizzazioni - 0 commenti

di Doriana Goracci


"Oggi io sono cristiano Aujourd'hui je suis chrétien", dichiara Otmane Aissaoui, l'imam di Nizza, dopo l'attentato. Grazie senza se ma e però. Io aggiungo.
Oggi vorrei che tutte le persone di potere, perché tale è, all'interno delle loro religioni, della loro politica, delle loro associazioni si sentissero per sempre umani e avessero rispetto per le donne e gli uomini.
Oggi sono stanca di fare da spugna alla moltiplicazione dei dolori per gli stupri e le violenze subite dalle donne, che continuano imperterrite nel mondo, e non è stato mai il dolore del parto a fare paura ma l'istinto secolare del dominio degli uomini sulla mia testa e sul mio corpo.
Sono stanca di ricordare quando dovevo mettere il fazzoletto sulla testa entrando in chiesa e venni redarguita nel 1964 perchè entrando per la messa in quella del mio quartiere romano non lo portavo... sono stanca di fare da bersaglio a ignobili e volgari vignette barzellette pubblicità sul e con il mio corpo di donna, sono stanca che un qualsiasi uomo di questa terra si arroghi il diritto di dirmi quali sono i miei doveri privati e quindi pubblici, cosa io, donna, non possa fare. Sono stanca di precisare che anche se non sono diventata madre,o lo sono, io so cosa significa dare la vita e sono stanca di piangere chi la vita la perde perchè un qualsiasi uomo, non degno di questo nome, la toglie.
Mio padre lo ricordo fare i piatti e le faccende domestiche quando, seppure molto raramente, mia madre stette male e noi tre sorelle e sue figlie, eravamo ancora piccoline nei primi anni '60: non si vergognò mai di mettersi il grembiule... a lui figlio unico, la mamma aveva insegnato che nel tempo perso si possono lucidare anche le maniglie di casa e magari l'unico paio buono di scarpe. Suo padre gli aveva insegnato l'amore per gli animali e le piante da coltivare anche in un terrazzo se sei diventato un cittadino, da che eri un contadino emigrato dalla terra toscana. Non sempre sono stata così fortunata con gli uomini ma ricordo, e ho memoria dei reciproci tentativi che andavano fatti e portati avanti, malgrado tutto. I diritti si prendono e pretendono in una società che si vanta di definirsi civile.
Doriana Goracci
Video  e foto su https://www.agoravox.it/Senza-maschera.html

COMMENTA