Chi è Online

Chi è Online

401 utenti
Libri.itWHAT GREAT PAINTINGS SAY. 100 MASTERPIECES IN DETAIL - FPGREAT ESCAPES MEDITERRANEAN. THE HOTEL BOOK. 2020 EDITIONHADID. COMPLETE WORKS 1979-TODAY (IEP) - Edizione 2020PETER LINDBERGH. DIOR (INT) - XLDAVID HOCKNEY. MY WINDOW - edizione limitata
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

8 Ottobre 2020 12:41

Schizofrenia, indifferenza e cura

32 visualizzazioni - 0 commenti

di Tonio Dell'Olio


Che strano mondo è quello in cui viviamo. Drammaticamente strano. Ieri Derek Chauvin, il poliziotto accusato di aver ucciso l'afroamericano George Floyd, è stato liberato su cauzione dietro pagamento di un milione di dollari. Gli altri tre suoi colleghi che assisterono all'omicidio senza fiatare erano stati scarcerati nei giorni scorsi con 750mila dollari. Nello stesso giorno per Patrick Zaky viene prolungata la reclusione preventiva in un carcere egiziano per altri 45 giorni. Sempre ieri da Amnesty apprendo che Yahaya Sharif-Aminu un giovane nigeriano di 22 anni è stato condannato a morte per impiccagione dall'Alta corte della Shari'a dello Stato di Kano in Nigeria per aver diffuso tramite WhatsApp una canzone considerata blasfema. "Poco dopo la narrazione della creazione del mondo e dell'essere umano, la Bibbia presenta la sfida delle relazioni tra di noi. Caino elimina suo fratello Abele, e risuona la domanda di Dio: «Dov'è Abele, tuo fratello?» (Gen 4,9). La risposta è la stessa che spesso diamo noi: «Sono forse io il custode di mio fratello?». Con la sua domanda, Dio mette in discussione ogni tipo di determinismo o fatalismo che pretenda di giustificare l'indifferenza come unica risposta possibile. Ci abilita, al contrario, a creare una cultura diversa, che ci orienti a superare le inimicizie e a prenderci cura gli uni degli altri" (Fratelli tutti, 57). 


https://www.mosaicodipace.it/mosaico/a/48039.html

COMMENTA