Arcoiris TV

Chi è Online

291 utenti
Libri.itTHEODORE DE BRY. AMERICAN.201 CARUSO ST JOHN (2013-2019)IL LUPO CHE AVEVA PAURA DI TUTTOARTE BOTANICANASA ARCHIVES

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

8 Novembre 2019 11:56

TUTTO L'ACCIAIO DEL MONDO NON VALE LA VITA DI UN SOLO BAMBINO

35 visualizzazioni - 0 commenti

di doriana goracci


Quando nelle estati degli anni '80 e nei primi anni '90 portavamo i figli con mio marito, Silvia e Federico, da Roma a Taranto, alla scuola vela... non ci siamo mai posti alcun problema ambientale, eppure l' Ilva c'era già, a Taranto."Lupi di mare" si chiama adesso l'iniziativa ideata e promossa dal CONI Taranto con la collaborazione dalla Lega Navale Italiana - Sezione di Taranto e con il contributo di Camera di Commercio ed INTERFIDI riservata ai ragazzi della 4^ e 5^ classe della Scuola Primaria e 1^, 2^ e 3^ classe della Scuola Media Inferiore. Andare a vela significa rispetto e amore per l'ambiente, crescita di conoscenza anche culturale.
Oggi potrei essere una nonna e non so, se per fortuna o meno, non lo sono, in questi giorni ripenso ai piccoli e grandi malati di tumore, alle lotte dei tarantini a far valere la salute.
A febbraio del 2019 erano migliaia in strada per la mortedi Giorgio Di Ponzio, 15enne morto a causa di un sarcoma contro il quale lottò per tre anni, e scesero in strada per partecipare alla 'Fiaccolata per i nostri angeli' organizzata dall'associazione dei "Genitori tarantini in memoria dei bimbi morti per il cancro e per le malattie connesse all'inquinamento" In uno degli striscioni comparve la scritta: "Tutto l'acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino".
Oggi, che i miei figli hanno entrambi lavoro in Francia, che io abito non più a Roma ma nella Tuscia viterbese, mio marito per parecchi mesi dell'anno,ormai in pensione come me, in una barca a vela in Grecia...potrei stare tranquilla: alla fine dei conti che succede se l' Ilva riparte o rimarrà preistoria industriale? A me che me ne importa?
A marzo del 2019 vedo un video: Ex Ilva, sit-in delle mamme di Taranto: "Chiudete l'Ilva, no le scuole!"
Ecco oggi cosa mi importa...
L'articolo segue su Agoravox Italia a questo link, con molti video, foto e riferimenti: https://www.agoravox.it/Tutto-l-acciaio-del-mondo-non-vale.html

Grazie
Doriana Goracci


COMMENTA