Arcoiris TV

Chi è Online

363 utenti
Libri.itMATRIOSKALA SIGNORINA PEPPINAPISTOLE, PUGNALI E VELENILEONARDO DA VINCI. TUTTI I DIPINTI E DISEGNI (GB)LEE SHULMAN. MIDCENTURY MEMORIES. THE ANONYMOUS PROJECT

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

9 Ottobre 2019 09:36

GLI EFFETTI DEI DECRETI "SICUREZZA"

31 visualizzazioni - 0 commenti

di Tonio Dell'Olio


Mi si stringe il cuore e contemporaneamente cresce la rabbia. Non la semplice indignazione ma la rabbia. Lamin, Kofi, Abdul, Ibrahim sono solo alcuni dei giovani immigrati che conosco e che sono disperati perché in base ai decreti "sicurezza" varati dalla genialità diabolica del precedente governo, non gli è stato rinnovato il permesso di soggiorno. Tra l'altro almeno alcuni di loro hanno argomenti più che validi e concreti per dimostrare di non essere semplici migranti economici ma di correre seri pericoli se dovessero rientrare nei loro luoghi di origine. Peccato che nessuna commissione li abbia ascoltati davvero! Eppure oggi sono costretti a lavorare in nero perché nessuno potrebbe intestargli un contratto di lavoro, vivono per strada perché i luoghi di accoglienza che conosciamo non possono più ospitarli e, soprattutto, sono molto a rischio. Kumi l'altro giorno mi ha confidato di essere stato avvicinato da certi brutti ceffi che gli hanno chiesto di iniziare a spacciare. Finora ha avuto la forza di dire di no, ma domani? Questa è la realtà generata dai decreti "sicurezza". Una realtà che crea maggiore insicurezza per gli stessi immigrati e per noi. Le mafie, ovviamente, ringraziano. E proliferano.




http://www.mosaicodipace.it/mosaico/i/3053.html

COMMENTA