Arcoiris TV

Chi è Online

324 utenti
Libri.itARTE BOTANICANYT. 36 HOURS. WORLD. 150 CITIES FROM ABU DHABI TO ZURICHTHE DAVID BAILEY SUMO - edizione limitataMIGUEL RIO BRANCO. MALDICIDADEPICCOLO VAMPIRO 3

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

15 Ottobre 2013 22:26

CALCIO PULITO

634 visualizzazioni - 1 commento

di FRANCESCO LENA


  Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto, Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.


Calcio povero e polito
E' appena iniziato il campionato di calcio di tutte le categorie, subito sono incominciati dei disordini, dei scontri tra tifoserie e forze dell'ordine, in questo mio scritto vorrei fare alcune considerazioni generali e alcune in particolare, sulla categoria di serie A.
vorrei un calcio povero economicamente, cioè che girassero meno soldi, ma più ricco di contenuti sociali, culturali, sportivi,e sia creativo, pulito, trasparente, contenuti che sappiano unire, divertire, giocatori, organizzatori, tifosi,cittadini.
Vorrei che il gioco del calcio, fosse un mercato di valori veri,di alta civiltà, di legalità e di onestà, oltre che di soldi e di valore economico commerciale. Lasciatemelo dire, non è più possibile sentire vedere, constatare, che un calciatore venga pagato 120 milioni di euro, e che anche tanti altri prendono stipendi ultra milionari, è una vera vergogna nei confronti di tanti bambini nel mondo, che muoiono di fame e qui in Italia nel nostro bel paese, ci sono tanti cittadini che devono campare con 500 o 600 euro al mese e altri ancora con meno. penso sia arrivato il momento di interrogare le nostre coscienze. Vorrei che partisse qualche buon esempio dai giocatori, incominciare a rifiutare stipendi multimilionari e portare avanti idee, proposte per fissare un limite massimo degli stipendi e delle cifre di quando si compra un giocatore, cifre che siano accettabile anche dalla gente e mettere fine a questa decenza. Cari calciatori, prima di essere dei giocatori, siete persone e dev'essere messa al primo posto, al centro il valore umano della persona, della vita.
Poi vorrei che negli stadi e fuori, finisse ogni forma di violenza, gli ultrà, i tifosi, siano si allegri, vivaci, ma corretti, rispetto delle regole civili e sociali, senza striscioni e slogan razzisti o offensivi, dispregiativi, vorrei vederli sostituiti con slogan positivi, culturali, sportivi e di pace. Vorrei che a vedere le partite di calcio allo stadio si potesse andare tranquillamente, serenamente con la famiglia, con i bambini per divertirsi.
Infine vorrei che il gioco del calcio, che è lo sport più bello del mondo, riscoprisse i valori, di unità, dell'amicizia, dello stare bene insieme, in un divertimento sano e creativo, per questo vorrei che in ogni piccolo e grande paese in Italia ci fosse un centro sportivo, un campo di calcio, per dare la possibilità a tutti i ragazzi di giocare.
Per ultimo, sogno un calcio più bello, più povero, più pulito, più trasparente, più onesto, che contribuisca a costruire la pace nel mondo e a salvare tanti bambini dalla fame, un calcio dove tutti i bambini del mondo abbiano la possibilità di poter giocare.


Francesco Lena
Via Provinciale,37
24060 Cenate Sopra ( BG ) Tel. 035/956434

COMMENTI

17 Ottobre 2013 06:52

D'accordissimo su tutto. Il calcio oggi e' un'ideologia di separazione e violenza tra le persone e i gruppi, ed è un'imponente attività non sportiva (che vorrebbe dire fair play, saper perdere, saper vincere senza sussiego e alterigia, rispetto per avversari, pubblico, arbitri e regole), bensì prettamente un investimento finanziario e commerciale che muove interessi da capogiro e favorisce un gioco ultra veloce che penalizza il gesto tecnico in favore di una fisicita' esasperata ed ultrastimolata (di qui la necessità di farmaci antifatica e la tentazione di ricorrere a stimolanti). Per non parlare dei tifosi dei grandi club, ormai da tempo condizionati, ipnotizzati da un calcio televisivo e giornalistico che li ha da tempo resi anestetizzati ai veri valori  sportivi e li ha resi psicologicamente drogati, cioè dipendenti dai successi della loro squadra, che così "deve" vincere ad ogni costo e con ogni mezzo, lecito e illecito.

Stefano Bovero

COMMENTA