Arcoiris TV

Chi è Online

332 utenti
Libri.itWALT DISNEYSIGNOR SINGHIOZZOLA FOCA BIANCAPIANO. COMPLETE WORKS 1966-TODAY (INT)WINSOR MCCAY. THE COMPLETE LITTLE NEMO 19101927

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

23 Ottobre 2009 13:14

"LA VITA CHE CONOSCO E CHE VIVO ...NON è UNO SPOT!"

308 visualizzazioni - 0 commenti

di Virginia

Bè che dire di temi ed argomenti che riguardano il mondo del lavoro, del sociale,dei lavoratori,dei politici,delle famiglie,delle bugie e delle verità...che già non siano stati  affrontati e di cui trasmissioni televisive,radiofoniche, riviste e quotidiani più o meno autorevoli non ci bombardino, pro o contro la nostra volontà quotidianamente, entrando (e forse è giusto così....) nei nostri pensieri come spot pubblicitari e creando divisione e non fusione tra le persone, che sempre di più si trovano all'interno di schieramenti creati dai grossi, grandi TITOLI che ci vengono paventati nei TG o nei primi fogli cartacei dei giornali.
A sentirli ogni parte, ogni shieramento,ogni gruppo detiene le proprie ragioni, le proprie motivazioni chiare, nitide ma anche nebbiose e a volte false e sporche.Tutto è il contrario di tutto.
Nel mio lavoro la relazione è importante, quindi i miei strumenti primari sono l'osservazione e l'ascolto.
E sempre più faticoso parlare di valori morali senza essere indicati come persone "bachettone", senza che la laicità o la religione,senza che lo stato o la chiesa cerchino di titolare come loro i pensieri e le azioni del singolo, che cerca come può di portare ancora avanti concetti  educativi vitali quasi da "giovani marmotte", dove non esiste solo il grande IO, ma a cominciare dal proprio nucleo familiare, dove esiste il NOI, a partire dai piccoli gesti quotidiani senza per questo sentirsi come in uno spot pubblicitario.
Tra la gente, tra gli adolescenti, tra i piccoli artigiani, si sente che oltre al soggetto economia, soldi, lavoro,ciò di cui quasi nessuno parla è l'ENTUSIAMO nel proprio quotidiano, nel fare la mamma, nel fare l'insegnante,il benzinaio, il gommista, la moglie, il marito, lo studente,la coordinatrice dei nidi,la nonna, il nonno,la parrucchiera,ecc.......
Non voglio , non posso credere che tutto debba girare solo sui guadagni, sullle posizioni sociali da raggiungere e ....su grandi sacchi di denaro spesi , accumulati per comprare oggetti che non riusciranno in alcun modo a colmare quel senso di VUOTO,di ANSIA,di INSODDISFAZIONE...che non permetterà di sentirsi felici ed ancora sorpresi quando si incontrano persone che ti sorridono o che ti ascoltano, che ti ringraziano e che riconoscono il tuo lavoro, senza secondi fini e dove "il sentirsi bene" con sè stessi e con gli altri diventa la cosa più importante.

COMMENTA