Arcoiris TV

Chi è Online

243 utenti
Libri.itHOMES FOR OUR TIME. CONTEMPORARY HOUSES FROM CHILE TO CHINALETTERE DA UN TEMPO LONTANOPIRULPLAY WITH MEROCKY: THE COMPLETE FILMS - edizione limitata

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

18 Aprile 2009 12:49

"LA LIBERTà DELLA CARTA IGIENICA", STORIA FRA CARMELO E ROBERTO [DI SAVERIO TOMMASI]

373 visualizzazioni - 0 commenti

di Saverio Tommasi

I migranti muoiono, la carta igienica viaggia, senza problemi. Tutti sono disposti a fare attraccare quintali di carta igienica, nessuno qualche quintale di esseri umani. E' una contesa al contrario: stipati in una barca fra Malta e Lampedusa, prendili tu, no tu, noi non li vogliamo, neanche noi. Le merci viaggiano in tutto il mondo: abiti firmati, vini pregiati, concimi per piante. "Cos'è?" "Merda!" "Avanti!" Le persone no, quelle bisogna controllarle, pesarle e soppesarle. Soppesare le convenienze, le ricadute politiche, i mal di pancia governativi. E i migranti fanno l'unica cosa che può fare un uomo in mezzo al mare, aspetta, aspetta di morire. La morte è un accidente che capita a tutti, ma agli immigrati accade prima. Sono chiamati a sopravvivere a viaggi nel deserto, a sevizie di trafficanti con pochi scrupoli accompagnati da funzionari compiacenti, e poi a trascorrere diciotto mesi nei centri di detenzione maltesi, il viaggio in mare... e molti non ce la fanno, è ovvio. La notizia del giorno aggiunge una grottesca comicità a un recita spietata, la lite fra Malta e l'Italia, fra Carmelo Misfud e Roberto Maroni. Il primo ha dichiarato: "Non è un problema nostro se l'Italia non vuole accettare gli immigrati". Certo, il problema non è loro, è delle donne incinta sopra la nave, dei bambini che urlano e dei padri che impazziscono. Il problema è di Carmelo Misfud e Roberto Maroni, uniti dal disprezzo delle vite. Il problema è nostro, italiani brava gente che gli urli preferiamo non sentirli, o sentirli lontani, in mezzo al mare, l'importante è che non si avvicinino, che la sofferenza non sbarchi, non avessimo un giorno ad accorgerci che quelli che chiamiamo disperati hanno diritto all'asilo politico, come afferma l'articolo 10 comma 3 della Costituzione Italiana: "Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione Italiana ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica".

COMMENTA