Chi è Online

Chi è Online

437 utenti
Libri.itMIGRANTIDIAN HANSON’S BUTT BOOK (INT) - #BibliothecaUniversalisFINELINERDE CHIRICO (I) #BasicArtJULIA WATSON. LO—TEK. DESIGN BY RADICAL INDIGENISM
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tutti i filmati inviati da Marco Cortesi

Totale: 20

Nel suo nome - Capitolo 7: Osman

Osman viene da Mostar e la sua fede in Allah è grande. Deportato nel campo di sterminio di Gabela, Osman descrive le torture commesse dai suoi aguzzini: iCroati Cattolici. "Ci tennero senza mangiare per tre giorni. Ogni tanto ci portavano dell'acqua dentro la quale avevano pisciato. Solo il quarto giorno cidiedero da mangiare: una zuppa fatta con i rimasugli dei loro pasti e i loro escrementi. Ci costringevano a mangiarla di fronte a loro e intanto ci picchiavanocon il calcio dei fucili. Ogni giorno due o tre di loro entravano nella cella in cui eravamo rinchiusi. Avevano bastoni o spranghe di ferro, talvolta anchecoltelli. Noi restavamo raggomitolati a terra. Cominciavano a picchiare le persone, passando da uno all'altro senza ordine. Sapevo quale era il loro fine.Cercavano di capire chi era il più debole all'interno della cella. Era un loro modo per testarci. Quando avevano colpito abbastanza prendevano su il piùmalridotto e lo portavano fuori. Lo tiravano lungo tutto il piazzale tenendolo solo per i capelli. Questo urlava e piangeva e loro ridevano. Poi lomettevano in piedi contro il muro del piazzale che era rosso di sangue."
Scritto e interpretato da Marco Cortesi
Consulenza storica di Lucia Zacchini
TRATTO DA UNA STORIA VERA
Guarda il Promo
Guarda il Capitolo 1: Memorie
Guarda il Capitolo 2: Arrivo
Guarda il Capitolo 3: Giustificazioni
Guarda il Capitolo 4: Barbed Wire
Guarda il Capitolo 5: Misery
Guarda il Capitolo 6: Il prof
"Nel Suo Nome" prende il via dal monologo teatrale de "Le donne di Pola" scritto e interpretato da Marco Cortesi, uno spettacolo con oltre 270 repliche,il sostegno di decine e decine di Associazioni e Città, l'intervento del Governo Italiano per la sua messa in scena presso il Consolato in Montenegroin occasione della "Giornata della Cultura Italiana nel Mondo". Da "Le donne di Pola" nasce "Nel Suo Nome" scritto e interpretato da Marco Cortesi ebasato su una storia vera. "Nel Suo Nome" è un monologo-documentario alla ricerca della Verità che si nasconde dietro una delle guerre "di religione"e "di etnia" più sanguinose e terribili della Storia: la Guerra in Ex-Jugoslavia.
Cosa può portare un uomo ad uccidere sua moglie solo perché crede in un Dio differente dal Suo?
Cosa ha spinto vicini, amici, familiari a massacrarsi a vicenda nel nome di una "pulizia etnica" da difendere a tutti i costi?
Cosa si cela dietro la parola "guerra di culture" e cosa potrebbe accadere oggi se questa lezione venisse dimenticata troppo presto?
Picchiano con il calcio del fucile alla nostra porta. C'è un uomo alto, senza capelli con la barba grigia ed una fascia verde al braccio.Dietro di lui due ragazzi giovani, armati. Guarda me, guarda i miei bambini. Poi sorride. "Fuori. Per favore." I miei bambini cominciano a piangere."Andrà tutto bene... andrà tutto bene" continuo a ripetere loro. Ma Dio solo sa cosa ci attendeva oltre la porta.
"NEL SUO NOME": un film-documentario a puntate: 1 capitolo ogni settimana per 10 settimane, in onda tutti i lunedi su Arcoiris TV
"NEL SUO NOME" sostiene Amnesty International Italia
Visita il sito del film: www.marco-cortesi.com
Visita il sito di Amnesty International Italia: www.amnesty.it

Nel suo nome - Capitolo 8: Una madre

Una vecchia mamma senza neanche più la forza per parlare ed i suoi occhi in cerca di un figlio che ha perso a causa della guerra e che sogna di rivedere...
"La vecchia cominciò a mugugnare qualcosa e continuava a guardarmi stringendomi il braccio così forte che la mia pelle attorno alle sue dita era diventata bianca."Che sta dicendo?", chiesi all'interprete. Sentivo il viso bollente, sapevo di essere rosso dall'imbarazzo e continuavo a sorridere disperato. "Che cosa stadicendo? Senti... Dille di lasciarmi il braccio, per favore!""Non capisco... non capisco...", rispose nervoso quello mentre cercava di decifrare le parole della donna. Sentivo i miei compagni ridacchiare alle mie spalle.
"Come fai a dirmi che non capisci! Non sei madrelingua tu?! Dille di lasciarmi il braccio! Dille di lasciarmi il braccio!"
"Non capisco... dice: bambino mio... altro non capisco!"
"Non m'importa! Dille di lasciarmi il braccio!"
"Ma dice: bambino mio!"
"Ti ho detto che non m'importa! DILLE DI LASCIARMI IL BRACCIO!"
"
Scritto e interpretato da Marco Cortesi
Consulenza storica di Lucia Zacchini
TRATTO DA UNA STORIA VERA
Guarda il Promo
Guarda il Capitolo 1: Memorie
Guarda il Capitolo 2: Arrivo
Guarda il Capitolo 3: Giustificazioni
Guarda il Capitolo 4: Barbed Wire
Guarda il Capitolo 5: Misery
Guarda il Capitolo 6: Il prof
Guarda il Capitolo 7: Osman
"Nel Suo Nome" prende il via dal monologo teatrale de "Le donne di Pola" scritto e interpretato da Marco Cortesi, uno spettacolo con oltre 270 repliche,il sostegno di decine e decine di Associazioni e Città, l'intervento del Governo Italiano per la sua messa in scena presso il Consolato in Montenegroin occasione della "Giornata della Cultura Italiana nel Mondo". Da "Le donne di Pola" nasce "Nel Suo Nome" scritto e interpretato da Marco Cortesi ebasato su una storia vera. "Nel Suo Nome" è un monologo-documentario alla ricerca della Verità che si nasconde dietro una delle guerre "di religione"e "di etnia" più sanguinose e terribili della Storia: la Guerra in Ex-Jugoslavia.
Cosa può portare un uomo ad uccidere sua moglie solo perché crede in un Dio differente dal Suo?
Cosa ha spinto vicini, amici, familiari a massacrarsi a vicenda nel nome di una "pulizia etnica" da difendere a tutti i costi?
Cosa si cela dietro la parola "guerra di culture" e cosa potrebbe accadere oggi se questa lezione venisse dimenticata troppo presto?
Picchiano con il calcio del fucile alla nostra porta. C'è un uomo alto, senza capelli con la barba grigia ed una fascia verde al braccio.Dietro di lui due ragazzi giovani, armati. Guarda me, guarda i miei bambini. Poi sorride. "Fuori. Per favore." I miei bambini cominciano a piangere."Andrà tutto bene... andrà tutto bene" continuo a ripetere loro. Ma Dio solo sa cosa ci attendeva oltre la porta.
"NEL SUO NOME": un film-documentario a puntate: 1 capitolo ogni settimana per 10 settimane, in onda tutti i lunedi su Arcoiris TV
"NEL SUO NOME" sostiene Amnesty International Italia
Visita il sito del film: www.marco-cortesi.com
Visita il sito di Amnesty International Italia: www.amnesty.it

Nel suo nome - Capitolo 9: Il Ritorno

Con te viaggiano ricordi e parole, ma con te viaggia soprattutto una domanda: Chi è stato? Chi i buoni e chi i cattivi? E prima di tutto: cosa si nasconde dietro la parola: Guerra Etnica? "Quando quell'estate finì tornai in Italia pieno di angoscia ma soprattutto di domande.
Pensavo alle persone che avevo conosciuto e a ciò che mi avevano raccontato. Di fronte agli orrori dei quali ero stato reso partecipe la rabbia in me cresceva nel desiderio fremente di trovare un colpevole, qualcuno contro cui levare il dito e poter dire: "è stato lui!". Ma c'è una frase, semplice e scarna, che nel tumulto dei singhiozzi quasi passava inosservata e di certo colpiva molto meno dei raccapriccianti racconti di guerra.
Questa frase venne ripetuta identica da tutti, da tutti gli uomini che incontrammo, da tutte le donne che conoscemmo, con qualsiasi inflessione, con qualsiasi cadenza, serba, croata, bosniaca, con la medesima convinzione, con la stessa lucidità folle negli occhi, con la medesima sicurezza con la quale si afferma che il fuoco brucia, con la stessa voce con la quale i miei nonni la ripetono ai loro nipoti..."
Scritto e interpretato da Marco Cortesi
Consulenza storica di Lucia Zacchini
TRATTO DA UNA STORIA VERA
Guarda il Promo
Guarda il Capitolo 1: Memorie
Guarda il Capitolo 2: Arrivo
Guarda il Capitolo 3: Giustificazioni
Guarda il Capitolo 4: Barbed Wire
Guarda il Capitolo 5: Misery
Guarda il Capitolo 6: Il prof
Guarda il Capitolo 7: Osman
Guarda il Capitolo 8: Una Madre
"Nel Suo Nome" prende il via dal monologo teatrale de "Le donne di Pola" scritto e interpretato da Marco Cortesi, uno spettacolo con oltre 270 repliche,il sostegno di decine e decine di Associazioni e Città, l'intervento del Governo Italiano per la sua messa in scena presso il Consolato in Montenegroin occasione della "Giornata della Cultura Italiana nel Mondo". Da "Le donne di Pola" nasce "Nel Suo Nome" scritto e interpretato da Marco Cortesi ebasato su una storia vera. "Nel Suo Nome" è un monologo-documentario alla ricerca della Verità che si nasconde dietro una delle guerre "di religione"e "di etnia" più sanguinose e terribili della Storia: la Guerra in Ex-Jugoslavia.
Cosa può portare un uomo ad uccidere sua moglie solo perché crede in un Dio differente dal Suo?
Cosa ha spinto vicini, amici, familiari a massacrarsi a vicenda nel nome di una "pulizia etnica" da difendere a tutti i costi?
Cosa si cela dietro la parola "guerra di culture" e cosa potrebbe accadere oggi se questa lezione venisse dimenticata troppo presto?
Picchiano con il calcio del fucile alla nostra porta. C'è un uomo alto, senza capelli con la barba grigia ed una fascia verde al braccio.Dietro di lui due ragazzi giovani, armati. Guarda me, guarda i miei bambini. Poi sorride. "Fuori. Per favore." I miei bambini cominciano a piangere."Andrà tutto bene... andrà tutto bene" continuo a ripetere loro. Ma Dio solo sa cosa ci attendeva oltre la porta.
"NEL SUO NOME": un film-documentario a puntate: 1 capitolo ogni settimana per 10 settimane, in onda tutti i lunedi su Arcoiris TV
"NEL SUO NOME" sostiene Amnesty International Italia
Visita il sito del film: www.marco-cortesi.com
Visita il sito di Amnesty International Italia: www.amnesty.it

Nel suo nome - Introduzione

"Tu vuoi spettacolarizzare una tragedia"... questa è una critica che spesso mi sento muovere. "Tu spettacolarizzi una tragedia e questo non è giusto!".Io porto in scena una pagina di storia di cui sono stato diretto testimone; racconto cose che ho visto con i miei stessi occhi oltre i confini italianiin Terra Jugoslava al termine di una guerra che il Mondo intero sembra aver dimenticato. Credo che il significato della critica che talvolta mi viene mossacon espressione tanto gentile quanto generica e fumosa possa tradursi in un più semplice e grezzo "metti in piedi uno spettacolo o un film sfruttando ildolore della gente". Hai ragione, sai? Hai davvero ragione. Questo è esattamente quello che faccio e che continuerò a fare. Perché in questo modo,almeno nella società dei Grandi Fratelli, dei calciatori e delle veline, qualcuno ora si ferma a sentire questa Storia e forse capisce che non è ilcaso di dimenticarla così facilmente.
Scritto e interpretato da Marco Cortesi
Consulenza storica di Lucia Zacchini
TRATTO DA UNA STORIA VERA
Guarda il Promo
Guarda il Capitolo 1: Memorie
Guarda il Capitolo 2: Arrivo
Guarda il Capitolo 3: Giustificazioni
Guarda il Capitolo 4: Barbed Wire
Guarda il Capitolo 5: Misery
Guarda il Capitolo 6: Il prof
"Nel Suo Nome" prende il via dal monologo teatrale de "Le donne di Pola" scritto e interpretato da Marco Cortesi, uno spettacolo con oltre 270 repliche,il sostegno di decine e decine di Associazioni e Città, l'intervento del Governo Italiano per la sua messa in scena presso il Consolato in Montenegroin occasione della "Giornata della Cultura Italiana nel Mondo". Da "Le donne di Pola" nasce "Nel Suo Nome" scritto e interpretato da Marco Cortesi ebasato su una storia vera. "Nel Suo Nome" è un monologo-documentario alla ricerca della Verità che si nasconde dietro una delle guerre "di religione"e "di etnia" più sanguinose e terribili della Storia: la Guerra in Ex-Jugoslavia.
Cosa può portare un uomo ad uccidere sua moglie solo perché crede in un Dio differente dal Suo?
Cosa ha spinto vicini, amici, familiari a massacrarsi a vicenda nel nome di una "pulizia etnica" da difendere a tutti i costi?
Cosa si cela dietro la parola "guerra di culture" e cosa potrebbe accadere oggi se questa lezione venisse dimenticata troppo presto?
Picchiano con il calcio del fucile alla nostra porta. C'è un uomo alto, senza capelli con la barba grigia ed una fascia verde al braccio.Dietro di lui due ragazzi giovani, armati. Guarda me, guarda i miei bambini. Poi sorride. "Fuori. Per favore." I miei bambini cominciano a piangere."Andrà tutto bene... andrà tutto bene" continuo a ripetere loro. Ma Dio solo sa cosa ci attendeva oltre la porta.
"NEL SUO NOME": un film-documentario a puntate: 1 capitolo ogni settimana per 10 settimane, in onda tutti i lunedi su Arcoiris TV
"NEL SUO NOME" sostiene Amnesty International Italia
Visita il sito del film: www.marco-cortesi.com
Visita il sito di Amnesty International Italia: www.amnesty.it

Nel suo nome - Promo

Una guerra oltre il mare così lontana ed allo stesso tempo così vicina. L'angoscia di una tragedia che si consuma alle porte di casa. "Tutto questo è per rispettare una promessa fatta ad una donna durante la guerra. Ricordo gli occhi celesti di Ramiza che sembravano leggerti l'anima.""Torna a casa e racconta! Torna a casa e racconta! Perchè cose del genere non devono mai più succedere!" - Va bene, Ramiza... lo farò... lo farò."Ramiza morì poche settimane dopo. A questa donna musulmana e a tutte le donne di ogni etnia e religione decedute in quell'assurda guerra è dedicato tutto questo.
"Il Mondo sembra voler dimenticare. Noi cerchiamo di rendergli la cosa meno facile"
Scritto e interpretato da Marco Cortesi
Consulenza storica di Lucia Zacchini
TRATTO DA UNA STORIA VERA
Guarda l'introduzione
Guarda la prima puntata: Memorie
Guarda il Capitolo 1: Memorie
Guarda il Capitolo 2: Arrivo
Guarda il Capitolo 3: Giustificazioni
Guarda il Capitolo 4: Barbed Wire
Guarda il Capitolo 5: Misery
Guarda il Capitolo 6: Il prof
"Nel Suo Nome" prende il via dal monologo teatrale de "Le donne di Pola" scritto e interpretato da Marco Cortesi, uno spettacolo con oltre 270 repliche,il sostegno di decine e decine di Associazioni e Città, l'intervento del Governo Italiano per la sua messa in scena presso il Consolato in Montenegroin occasione della "Giornata della Cultura Italiana nel Mondo". Da "Le donne di Pola" nasce "Nel Suo Nome" scritto e interpretato da Marco Cortesi ebasato su una storia vera. "Nel Suo Nome" è un monologo-documentario alla ricerca della Verità che si nasconde dietro una delle guerre "di religione"e "di etnia" più sanguinose e terribili della Storia: la Guerra in Ex-Jugoslavia.
Cosa può portare un uomo ad uccidere sua moglie solo perché crede in un Dio differente dal Suo?
Cosa ha spinto vicini, amici, familiari a massacrarsi a vicenda nel nome di una "pulizia etnica" da difendere a tutti i costi?
Cosa si cela dietro la parola "guerra di culture" e cosa potrebbe accadere oggi se questa lezione venisse dimenticata troppo presto?
Picchiano con il calcio del fucile alla nostra porta. C'è un uomo alto, senza capelli con la barba grigia ed una fascia verde al braccio.Dietro di lui due ragazzi giovani, armati. Guarda me, guarda i miei bambini. Poi sorride. "Fuori. Per favore." I miei bambini cominciano a piangere."Andrà tutto bene... andrà tutto bene" continuo a ripetere loro. Ma Dio solo sa cosa ci attendeva oltre la porta.
"NEL SUO NOME": un film-documentario a puntate: 1 capitolo ogni settimana per 10 settimane, in onda tutti i lunedi su Arcoiris TV
"NEL SUO NOME" sostiene Amnesty International Italia
Visita il sito del film: www.marco-cortesi.com
Visita il sito di Amnesty International Italia: www.amnesty.it

Racconti Paralleli - ''Divina''

5 racconti da ascoltare, scritti da Paolo Cortesi, letti e interpretati da Marco Cortesi
"Antonio alzò un po' lo sguardo e vide la faccia del commendatore; i suoi occhi erano come quelli dei serpenti tropicaliche aveva visto in un film di Tarzan. Erano mostruosi, perché erano occhi che avevano guardato solo bestie spaventate, bestie che cercavano di fuggire e vivere."
Una delle prime cose che un bambino vi chiederà dopo che ha compreso che può fidarsi di voi è: "raccontami una storia".
Se, poi, gli racconterete davvero la storia richiesta, e se lo farete meglio che potete, allora il momento della narrazione diventerà un'abitudine duratura,irrinunciabile.
E questo accade, da secoli, perché ascoltare una storia è una peculiarità della specie umana, ed è tanto atavica e necessaria quanto raccontare.
Non so perché sia così, ma sono contento che sia così, perché credo che la narrativa sia non solo fonte di vero piacere, ma anche un grande strumento per capire,per conoscere e per giudicare.
I racconti sono creature straordinarie, piccole cose potenti, belle nicchie in cui una realtà si crea e si dispiega con una misteriosa, artificiosa naturalezza:tutto è quasi reale, ma non lo è fino in fondo, e non lo è proprio come nella realtà vera, dura, scavata nel tempo e nella nostra carne.
Ciò che accade in un racconto potrebbe davvero accadere domani, oggi; eppure l'azione è come diluita, stemperata in una dimensione diversa, verosimile ma eccezionale.
Così sono questi Racconti paralleli: storie ben ancorate alla realtà che da questa nascono e a questa tornano, storie con personaggi che ciascuno può immaginarecome se li avesse davvero incontrati, ma resi distanti - e perciò meglio visibili, messi a fuoco - dal diaframma delle parole, dal filtro della libera invenzione.
Visita il sito: www.marco-cortesi.com

Racconti Paralleli - ''L'Offerta''

5 racconti da ascoltare, scritti da Paolo Cortesi, letti e interpretati da Marco Cortesi
"Ora che ci penso, era come se ciascuno stesse su un gradino di una scala altissima, e per quanto si fosse su un gradino alto, c'era qualcuno sopra,e qualcuno ancora più sopra. Sopra di tutti, a quel tempo, c'era Mussolini, il duce."
Una delle prime cose che un bambino vi chiederà dopo che ha compreso che può fidarsi di voi è: "raccontami una storia".
Se, poi, gli racconterete davvero la storia richiesta, e se lo farete meglio che potete, allora il momento della narrazione diventerà un'abitudine duratura,irrinunciabile.
E questo accade, da secoli, perché ascoltare una storia è una peculiarità della specie umana, ed è tanto atavica e necessaria quanto raccontare.
Non so perché sia così, ma sono contento che sia così, perché credo che la narrativa sia non solo fonte di vero piacere, ma anche un grande strumento per capire,per conoscere e per giudicare.
I racconti sono creature straordinarie, piccole cose potenti, belle nicchie in cui una realtà si crea e si dispiega con una misteriosa, artificiosa naturalezza:tutto è quasi reale, ma non lo è fino in fondo, e non lo è proprio come nella realtà vera, dura, scavata nel tempo e nella nostra carne.
Ciò che accade in un racconto potrebbe davvero accadere domani, oggi; eppure l'azione è come diluita, stemperata in una dimensione diversa, verosimile ma eccezionale.
Così sono questi Racconti paralleli: storie ben ancorate alla realtà che da questa nascono e a questa tornano, storie con personaggi che ciascuno può immaginarecome se li avesse davvero incontrati, ma resi distanti - e perciò meglio visibili, messi a fuoco - dal diaframma delle parole, dal filtro della libera invenzione.
Visita il sito: www.marco-cortesi.com

Racconti Paralleli - ''La gravida''

5 racconti da ascoltare, scritti da Paolo Cortesi, letti e interpretati da Marco Cortesi
"Saralvo, voi avete l'abbacchio in casa e lo nascondete.- esclamò Anzuini; aveva ritrovato la sua arroganza e ora, qualunque cosa avesserodetto l'ebreo e sua moglie, avrebbe continuato ripetendo la stessa pretesa, aumentando la furia."
Una delle prime cose che un bambino vi chiederà dopo che ha compreso che può fidarsi di voi è: "raccontami una storia".
Se, poi, gli racconterete davvero la storia richiesta, e se lo farete meglio che potete, allora il momento della narrazione diventerà un'abitudine duratura,irrinunciabile.
E questo accade, da secoli, perché ascoltare una storia è una peculiarità della specie umana, ed è tanto atavica e necessaria quanto raccontare.
Non so perché sia così, ma sono contento che sia così, perché credo che la narrativa sia non solo fonte di vero piacere, ma anche un grande strumento per capire,per conoscere e per giudicare.
I racconti sono creature straordinarie, piccole cose potenti, belle nicchie in cui una realtà si crea e si dispiega con una misteriosa, artificiosa naturalezza:tutto è quasi reale, ma non lo è fino in fondo, e non lo è proprio come nella realtà vera, dura, scavata nel tempo e nella nostra carne.
Ciò che accade in un racconto potrebbe davvero accadere domani, oggi; eppure l'azione è come diluita, stemperata in una dimensione diversa, verosimile ma eccezionale.
Così sono questi Racconti paralleli: storie ben ancorate alla realtà che da questa nascono e a questa tornano, storie con personaggi che ciascuno può immaginarecome se li avesse davvero incontrati, ma resi distanti - e perciò meglio visibili, messi a fuoco - dal diaframma delle parole, dal filtro della libera invenzione.
Visita il sito: www.marco-cortesi.com

Racconti Paralleli - ''La raccomandazione''

5 racconti da ascoltare, scritti da Paolo Cortesi, letti e interpretati da Marco Cortesi
"C'era chi entrava timoroso, cauto, spaventato e buttava le parole a poco a poco, come fosse sangue da una ferita. E tutti, tutti avevano in mano buste, lettere,fogli piegati. Erano le raccomandazioni. Erano scritte tutte su fogli di carta intestata: la curia, l'ospedale, la caserma, il tribunale, il partito."
Una delle prime cose che un bambino vi chiederà dopo che ha compreso che può fidarsi di voi è: "raccontami una storia".
Se, poi, gli racconterete davvero la storia richiesta, e se lo farete meglio che potete, allora il momento della narrazione diventerà un'abitudine duratura,irrinunciabile.
E questo accade, da secoli, perché ascoltare una storia è una peculiarità della specie umana, ed è tanto atavica e necessaria quanto raccontare.
Non so perché sia così, ma sono contento che sia così, perché credo che la narrativa sia non solo fonte di vero piacere, ma anche un grande strumento per capire,per conoscere e per giudicare.
I racconti sono creature straordinarie, piccole cose potenti, belle nicchie in cui una realtà si crea e si dispiega con una misteriosa, artificiosa naturalezza:tutto è quasi reale, ma non lo è fino in fondo, e non lo è proprio come nella realtà vera, dura, scavata nel tempo e nella nostra carne.
Ciò che accade in un racconto potrebbe davvero accadere domani, oggi; eppure l'azione è come diluita, stemperata in una dimensione diversa, verosimile ma eccezionale.
Così sono questi Racconti paralleli: storie ben ancorate alla realtà che da questa nascono e a questa tornano, storie con personaggi che ciascuno può immaginarecome se li avesse davvero incontrati, ma resi distanti - e perciò meglio visibili, messi a fuoco - dal diaframma delle parole, dal filtro della libera invenzione.
Visita il sito: www.marco-cortesi.com

Testimoni - Primo Levi - Auschwitz 1944

TESTIMONICHI HA VISTO, CHI HA VISSUTOE CHI HA VOLUTO RACCONTAREdi e con Marco CortesiCi sono eventi che hanno cambiato la storia. Ci sono uomini e donne che sono stati testimoni diretti di questi eventi e che con le loro stesse parole hanno voluto raccontare ciò che hanno visto e vissuto. E ci sono parole che sono state in grado di cambiare il nostro mondo, parole che sono la sintesi delle idee, delle aspirazioni e talvolta degli sconvolgimenti di un’epoca. Questo è “Testimoni”: una serie di brevi documentari dove le immagini ed i documenti video di eventi determinanti della storia contemporanea sono accompagnati dalle parole di chi tale storia l’ha vista, l’ha vissuta in prima persona ed in molti casi l’ha fatta.For more info:info@marco-cortesi.com

Visita: www.marco-cortesi.com