Arcoiris TV

Chi è Online

381 utenti
Libri.itN.197 BRUTHER (2012-2018)GARDEN STYLETHE POLAROID BOOK (IEP) - #BibliothecaUniversalisTHE SARTORIALIST. INDIALA POESIA DELLA CARTA

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: nadir

Totale: 206

Giovanni Favia: la Politica in rete

NADiRinforma incontra Giovanni Favia, rappresentante del Movimento Cinque Stelle eletto dal 7% dei cittadini emiliano romagnoli nel corso delle ultime elezioni regionali. Nell'arco di pochi mesi, partendo dal nulla a livello organizzativo e finanziario, Davide Bono e Giovanni Favia hanno guidato le loro liste ad un successo straordinario sia in Piemonte che in Emilia Romagna, ed adesso il Movimento Cinque Stelle potrà contare su due consiglieri regionali in ciascuna di quelle Regioni. L'exploit di questa grossa fetta di cittadini uniti in movimento attivo e partecipativo parrebbe l'unica vera novità di queste ultime elezioni regionali, anche se non possiamo nascondere il fatto che sia stato oggetto di grottesca e sistematica disinformazione confondendo la spinta politica spontanea con il forzoso partitismo. Sarebbe interessante ascoltare con attenzione ciò che i rappresentanti di questo movimento hanno da dire, chiedersi il perché abbiano riscosso tanto successo ... forse il partitismo potrebbe trarne qualche spunto ideativo utile al rinnovamento o almeno al riavvicinamento alla gente.Si ringrazia per la collaborazione l'ufficio stampa del Movimento 5 stelle nella persona di Maria Luisa Cappelli.Intervista a cura di Corrado Zappaterra

Visita: www.mediconadir.it

In difesa della Costituzione

NADiRinforma propone all'attenzione il sit in organizzato in difesa della Costituzione in 120 piazze italiane il 30 gennaio '10 da una rete di cittadini che hanno dato vita all'iniziativa "dal basso" e che hanno assunto la definizione di Popolo Viola.La rete di cittadini attivi è nata in occasione della grande manifestazione del 5 dicembre 2009 a Roma, il "No Berlusconi Day", si definisce un "organo liquido e multiforme, in stato di cantiere, che si propone come contenitore di microorganismi più o meno o per nulla organizzati". Indipendenti e apartitici, i Viola sono un’aggregazione spontanea di privati cittadini in continua espansione e aperta a tutti coloro che desiderino fare qualcosa di concreto per un rinnovamento culturale basato su onestà, legalità, giustizia, tolleranza, uguaglianza.

Visita: www.mediconadir.it

LA VIA DELLA TRASFORMAZIONE DEL CONFLITTO: un laboratorio dentro il labirinto dei conflitti.

Sestola (MO) 13 settembre 2009All'interno del Convegno "DIALOGARE NELL'ERA DELLA COMUNICAZIONE: possibili vie d'uscita nel labirinto dei conflitti" un laboratorio con cinque stanze da attraversare: la violenza della guerra, l'ascolto di sè attraverso il Focusing, Sentimenti e Bisogni, Il Dialogo nella dimensione interculturale e Trovare un accordo nei conflitti internazionali.Promosso da Rocca di Pace, la Scuola di Pace del Monte Cimone (MO)

Visita: www.roccadipace.it

Zanotelli ascolta per la prima volta le parole di De Luca

Padre Alex Zanotelli ascolta per la prima volta le parole di Vincenzo De Luca, candidato PD alla Regione Campania, che parla di lui in tono derisorio, difendendo l'operato di Bertolaso - oggi indagato per corruzione - e diffidando di "incompetenti" che parlano di quello che non conoscono: inceneritori, emergenza rifiuti ed acqua pubblica.

U stisso sangu. Storie più a sud di Tunisi

NADiRinforma propone la visione di "U stissu sangu", storie di immigrazione nella Sicilia sud-orientale. Il documentario ripercorre le tappe fondamentali che, in maniera diversa, affrontano i migranti che approdano sulle coste siciliane: il viaggio e lo sbarco, la prima accoglienza e il problema della casa, il lavoro e l’integrazione. Le storie si incrociano e a volte si scontrano con quelle della nostra realtà: la Guardia Costiera che li recupera in mare, il medico che presta loro i primi soccorsi, il reporter che segue le loro vicende, l’imprenditore che li prende a lavorare nei campi, il personale della comunità che li ospita, lo “sconosciuto” che pure assiste al rito di commemorazione di quelli tra loro che sono morti in mare.

Regia: Francesco Di Martino
Soggetto e sceneggiatura: Francesco Di Martino e Sebastiano Adernò
Montaggio: Corrado Iuvara
Musiche: Trio Migrantes, con la partecipazione dei Trinakant
Suono: Angelo Moncada ustissosangu.com

Visita: www.mediconadir.it

Visita: www.ustissosangu.com

Visita: www.ustissosangu.com

Pane e alfabeto. Per la dignità degli ultimi

NADiRinforma propone l'iniziativa "Pane e Alfabeto" che si è svolta a Bologna il 6 gennaio 2010 in Piazza Nettuno vendendo pane e scambiando libri e parole della Costituzione italiana. Un'iniziativa destinata alla riflessione sull'origine e la natura del nostro ben-essere, una riflessione su noi stessi e su chi ci vive accanto: un guardarci allo specchio per riuscire a vedere gli altri, quegli altri che... emarginati, ultimi o rinnegati sono parte della comunità cui apparteniamo e per questo inscindibili da noi e dalle nostre coscienze. Prendendo spunto dalle parole del Sindaco Francesco Zanardi (dicembre 1915): "Fra i prodotti che debbono essere sottratti ad ogni speculazione mettiamo in prima linea il pane quotidiano; già l'invocazione mistica dei credenti e l'affermazione proletaria dei diritti al pane, affermano la necessità che questo elemento sia distribuito a tutti sano, igienico, abbondante; e la preparazione del pane, che ha un grande valore fisiologico ed una grande importanza politica deve costituire un servizio pubblico. Con questa parola s'intende una organizzazione che deve servire ai cittadini di ogni fede e di ogni classe, e siamo contrari a coloro che vorrebbero restringere la distribuzione del pane, preparato dal Comune, soltanto a qualche ristretta categoria di persone, ché invece siamo fautori della libertà più assoluta per il cittadino anche più ricco di fare acquisto negli spacci pubblici, così come si sale liberamente sul tram senza presentare nessun certificato di stato civile?"

Visita: www.mediconadir.it

De Luca: "Denunceremo Zanotelli per procurato allarme"

De Luca sbraita nei confronti di padre Alex Zanotelli e di chi si oppone al suo pallino: l'inceneritore. Giugno 2007.

"Mi è capitato di sentire le dichiarazioni di tale padre Zanotelli, che sembra più un attore su un set cinematografico che un prete, parlare di questioni tecniche con un'irresponsabilità che avrebbe davvero meritato una denuncia all'autorità giudiziaria. E' come se qualcuno dicesse pubblicamente: 'Guardate che se bevete l'acqua prendete il tumore...'. Siamo a questi livelli.
Questo signore parlava di impianti per il trattamento dei rifiuti citando tumori, deformazioni per i bambini... Ma cose dell'altro mondo, di una tale idiozia e di una tale irresponsabilità che davvero noi stiamo valutando se procedere ad una denuncia per procurato allarme, perché qui si tratta veramente di essere irresponsabili.
E questo atteggiamento continua, con le conseguenze che vediamo... E poi si creano situazioni di tensione. Ovviamente la gente sente qualche notizia che circola, fa fatica ad ascoltare valutazioni più meditate sul piano tecnico scientifico.
E così continuiamo in questo atteggiamento di pulcinellismo a raccontare buffonate e a fare buffonate. Mentre il resto d'Europa ci guarda sconcertato, e mentre nel resto d'Italia questi problemi sono stati risolti da persone civili e ragionevoli. Senza allarmismi, deformazione dell'informazione, falsità, senza idioti autentici che ascolto in televisione dire proprio bestialità inimmaginabili. Si sta legando il problema dei termovalorizzatori a quello della salute: non c'entra assolutamente niente."

NADiRinforma incontra Gioacchino Genchi

Venerdì 29 gennaio 2010 in occasione della presentazione del suo libro "Il caso Genchi storia di un'uomo in balia dello Stato" presso le librerie Irnerio a Bologna, lo stesso autore risponde ad alcune domande sul caso Hera-Cosentino e sul rapporto tra l'azienda Manutencoop e gli "amici" di Dell'Utri: "Questo è un sistema che non vuole farsi processare, non vuole farsi indagare e contemporaneamente si vanta delle vittorie sulle mafie""Quando la mafia è al Governo e ha il potere, non ha più bisogno di servirsi di quelli che sparano".
Intervista a cura di Riccardo Lenzi.

Visita: www.mediconadir.it

Il caso Genchi. Storia di un uomo in balia dello Stato

NADiRinforma propone la registrazione dell'incontro avvenuto venerdì 29 gennaio '10 c/o la Libreria Irnerio (Bo) di Gioacchino Genchi e Valerio D'Alessio in occasione della presentazione del libro di Eduardo Montolli "IL CASO GENCHI. STORIA DI UN UOMO IN BALIA DELLO STATO" (Aliberti). Genchi, protagonista di una stagione burrascosa appena trascorsa sulle pagine dei quotidiani, e' ora totalmente oscurato dall'informazione. Le sue inchieste, Why Not e via D'amelio, tra le tante, hanno pestato piu' di un callo, e su di lui è ora calato il silenzio... prova del controllo cui e' sottoposta l'informazione nel nostro Paese. "In Why Not avevo trovato le stesse persone sulle quali indagavo per la strage di via D'Amelio. L'unica altra indagine della mia vita che non fu possibile finire". "La storia sconvolgente che spiega perché tanti potenti hanno paura del contenuto dell'archivio Genchi". Dalla prefazione di Marco Travaglio
Guarda l'intervista

Visita: www.mediconadir.it

Aquila estate 2009

Piccolo video per un piccolo viaggio ai confini e nella città dell’Aquila. La velocità dei tagli porta immagini brevi, quasi rubate, tra meravigliosi paesaggi e la desolazione di case distrutte che rimandano a tutto quello che si può immaginare e che si è già visto, breve testimonianza della situazione 4 mesi e mezzo dopo il terremoto che devastò la città abruzzese.

Visita: www.mediconadir.it