Arcoiris TV

Chi è Online

280 utenti
Libri.itMICHAEL FREEMAN LA BIBBIA DEL FOTOGRAFOWALT DISNEYLA MAGIA DEL MANOSCRITTO. COLLEZIONE PEDRO CORRA DO LAGOPICCOLO VAMPIRO 3LOGO DESIGN. GLOBAL BRANDS

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: farc

Totale: 2

Di lutto vestono gli eroi

Il I° Marzo 2008 l'esercito colombiano bombarda l'accampamento diplomatico del comandante delle Farc-EP Raùl Reyes, situato nella regione di Sucumbios in Ecuador, con l'intento di far fallire l'intercambio Umanitario dei prigionieri di guerra e la liberazione della franco-colombiana Ingrid Betancourt.Il leader insorgente viene assassinato insieme a 15 guerriglieri ed a 4 studenti messicani che si trovavano lì per realizzare studi accademici.Questo video smaschera tutte le menzognere dichiarazioni fatte dal governo colombiano sull'operativo criminale organizzato in piena violazione del Diritto Internazionale e violando la sovranità dello Stato vicino.Promosso da Arcoiris tv BolognaVisita il sito: www.nuovacolombia.net

Colombia: comunità indigene in lotta di pace

"Lo sviluppo di un’identità collettiva aiuta a rafforzare e rendere partecipe tutta la collettività; e questo è fondamentale per potere combattere sia le ingiustizie e la violenza compiuti dai paramilitari e dai guerriglieri delle Farc, sia l’indifferenza che il governo dimostra nei confronti delle comunità indigene, dove fame, povertà e sopratutto violenza sono all’ordine del giorno". Questo il messaggio di Gilberto Muñoz Coronado, sindaco del municipio colombiano di Corinto, nella Regione del Cauca. Che insieme a una delegazione di colleghi amministratori pubblici e rappresentanti delle comunità indigene in lotta di pace, è stato recentemente in Italia per denunciare la difficile situazione vissuta dalle popolazioni indigene del nord della Colombia, strette tra la guerriglia delle Farc e i soprusi del Governo centrale. Un situazione difficile, dalla quale, secondo la collega Enelia Salinas Chivatá, sindaco del municipio di Caldono, è possibile uscire solo grazie alla partecipazione attiva della società civile locale e all’appoggio internazionale, attraverso la pressione diplomatica dei paesi stranieri sul governo colombiano. «Affinché guerra, inciviltà, soprusi e disinteresse – sottolinea Enelia Salinas Chivatá - possano esseri messe da parte per costruire un paese in cui siano finalmente le persone a decidere sul proprio futuro».

Visita: www.volontariperlosviluppo.it