Arcoiris TV

Chi è Online

151 visite
Libri.itHOLMES. TRAVELOGUES. THE GREATEST TRAVELER OF HIS TIMEGREEN ARCHITECTURE (IEP) - #BibliothecaUniversalisJEAN-MICHEL BASQUIAT - Extra LargeJACQUES DEVAULX. NAUTICAL WORKS REMBRANDT. COMPLETE DRAWINGS AND ETCHINGS

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: MUSICA

Totale: 670

03)Centro Sociale Autogestito - Barattolo- Lorenzo Riccardi

Lorenzo Riccardi col suo bellissimo nuovo lavoro autoprodotto si inserisce a pieno titolo nella migliore canzone d?autore italiana. Un disco stilisticamente eccellente. Una voce capace di accostarsi ai grandi cantautori italiani. Le canzoni di Lorenzo sono una perla di raffinata tessitura musicale e di profonda coscienza etica, la sua indignazione colpisce nel segno. La matrice acustica valorizza i versi in una ricercata simbiosi che una volta tanto al di fuori dai cliché cantautorali chiusi in schematici mondi interiori di minimalismo sentimentale.

Fotos e intimidades de Tito Fernández

Mientras se preparaba el concierto en Suiza de El Temucano organizado por la Asociación Chile Cultura, sus seguidores aprovecharon de sacarse fotos con él y pedirle autógrafos. En la prueba de sonido, en cambio, el folclorista chileno, entre guitarreo y guitarreo, comienza a contar sabrosas anécdotas espontáneamente.

Concierto de Tito Fernández Suiza 2005
Concierto de Tito Fernández Suiza 1989

Cámara:
Sergio Medina
Producción: CdS Producciones
www.correodelsur.ch

Giorno della Memoria al Conservatorio di Milano

Il Conservatorio di Milano e l'associazione "Figli della Shoah" celebrano insieme a centinaia di studenti il sesto "Giorno della Memoria". Nell'occasione si é tenuto un concerto con musiche di Ernest Bloch (Three pictures of chassidic life per violino e pianoforte), Mario Castelnuovo Tedesco (Concerto op.93 per arpa e orchestra da camera), Hans Kràsa (Kammermusik per clavicembalo e sette strumenti).
Nedo Fiano, deportato e unico sopravvissuto della sua famiglia, porta la sua drammatica e commossa testimonianza.

Kiam alvenos la fino


La canzone in Lingua Internazionale Esperanto, scritta a quattro mani dalmusicista Valerio Vado (musiche e arrangiamenti) e dall'esperantista AndreaFontana (testi).
Filmato è stato realizzato in occasione della manifestazione musicale Eastis West (8 luglio 2006, Cascina Monlué, Milano), alla quale hanno presoparte i Reverie (il gruppo musicale "progressive folk" fondato da Vado), enel corso della quale le due canzoni sono state eseguite per la prima voltain pubblico.
Andrea Montagner, presidente di ARCI Esperanto (di cui Fontana è socio), nelpresentare i Reverie ha indicato in questa lingua un'opportunità formidabiledi comunicazione egualitaria fra le persone, e nelle due canzoni eseguitedai Reverie una testimonianza delle notevoli potenzialità artistichedell'Esperanto, paragonabili (se non superiori) a quelle delle altre lingue.
Visita il sito:
www.arciesperanto.it

Wailing Soul @ Rototom Sunsplash 2012

Con su larga discografía de varios decenios, Wailing Souls son uno de los grandes grupos vocales de la historia del reggae y han trabajado con varios productores, atravesando diferentes fases creativas notables.Sus primeras afirmaciones llegan a Studio One a través de grandes canciones como 'Back out with it' o 'Mr. coal man'. Es interesante notar que el mismo grupo bajo el nombre de Pipe & The Pipers (del sobrenombre del cantante solista Winston 'Pipe' Matthews) grabó dos temas para la etiqueta Tuff Gong de Bob Marley en 1971.Tras dejar Studio One, tuvieron un intenso período marcado por el roots reggae en los años setenta en Channel One, aunque en esa época brillan también por excepcionales autoproducciones como por ejemplo 'Bredda gravalicious'.Sus inmejorables armonías vocales se adaptan a la perfección al estilo dancehall de principios de los ochenta con el éxito de temas como 'Firehouse rock' y 'Upfront', bajo la dirección de Junjo Lawes. Su discografía continúa a buen nivel hasta nuestros días.

Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Visita il sito: www.rototom.tv

A Silva

Idea, regia e produzione: Stefano Florio
Montaggio: Stefano Pento
Illustrazioni: Elena Meneghetti
Tratto dall'omonimo brano del cantautore Luca Bassanese (ispirato al libro"lacrime e favole della mia terra" dello scrittore Renzo Cappozzo), presentenel suo ultimo concept album dal titolo "Al Mercato".
"A Silva" è un video-clip intenso, che ripercorre come in un film ambientatoall'epoca della seconda guerra mondiale, le ultime ore di vita di unragazzo: Francesco Zaltron, studente di medicina presso l'Università diPadova.
Le immagini si susseguono, disegnate su tavole di legno dalle manidell'illustratrice Elena Meneghetti, mentre scorre la vita del paese, dellagente, delle terre dove il Partigiano Francesco Zaltron "Silva" vive ancoraoggi nel ricordo.
Un video apparentemente semplice, ma denso di emozioni; da vedere masopratutto da "sentire"
Visita il sito:
www.lucabassanese.it

Visita il sito:
www.buenaondapromotion.com

Entrevistas exclusivas a Daniel Cantillana y Juan Flores de Inti Illimani



Los músicos del grupo chileno narran sus experiencias como nuevos integrantes de Inti Illimani, opinan de la difusión cultural de Chile y de la evolución de "La nueva canción chilena". El video incluye algunas de las canciones que tocaron en la IV edición de la Reseña Internacional de Música y Géneros "Le Vie dei Suoni" - Alto Frignano, Pievepelago-(Módena-Italia)

Cortesía de Inti Illimani

Visita el sitio: www.inti-illimani.cl

Versi dal Metaverso

Sono 2500 oggi in Italia i giovani reduci dalle varie missioni di pace in Kossovo e nei Balcani che aspettano di vedere riconosciuta, come causa di servizio, la loro malattia contratta in seguito alla contaminazione da uranio impoverito. 164 di loro sono già morti… il governo se può tace…Purchè se ne parli… in sostegno a questa iniziativa, gli autori di questo spettacolo si sono affiancati al blog di Franca Rame e all’Osservatorio Militare Italiano, offrendo il loro piccolo talento per una raccolta di fondi quanto mai indispensabile.In una sala, dove tutti urlano le proprie ragioni, forse la sola voce in grado di farsi sentire è un sussurro di donna che dice “ho voglia di fare l’amore”. Questo il pretesto per attirare l’attenzione attraverso il gioco delle antitesi, dall’amore e dal piacere, passare al racconto del dolore e della morte.

ENSEMBLE DISSONANZEN - 1° parte

ENSEMBLE DISSONANZEN
Tommaso Rossi - flauto
Claudio Lugo - sax
Ciro Longobardi - pianoforte
Nicholas Robinson - violino
Andrea Tarantino - viola
Manuela Albano - violoncello
Musiche di Mozart, Lugo
Visita il sito: www.amicidellamusica.info

L'amore al tempo del telefono fisso

Il videoclip della canzone è una parodia della saga di Superman. Ilprotagonista, un novello Clark Kent, percepisce con il suo grande udito cheuna ragazza, tenuta prigioniera da due brutti ceffi, ha bisogno del suoaiuto. Clark Kent scatta in piedi e si immagina per un attimo quello chedeve fare: andare in una cabina telefonica, cambiarsi e diventare Superman,per poi poter correre dalla ragazza. Clark Kent inizia allora a cercare unacabina telefonica, ma vede solo persone con il cellulare... Niente piùcabine telefoniche! Ma dove sono finite?!? Quando vede un bagno, gli siilluminano gli occhi. Purtroppo c'è la fila, ma lui non ha tempo da perdere.Così prova a passare davanti alla fila, ma le persone in coda non sono moltod'accordo e lo stendono per terra prendendolo a botte. Clark Kent riesce ascappare e continua a cercare una cabina telefonica. Non trovandola, decidedi andare lui stesso senza il costume a cercare la ragazza. Il viaggio èmolto lungo e Clark Kent arriva stanchissimo davanti al covo dei cattivi.Per distrarli e per poter quindi liberare la ragazza, chiama uno dei duebrutti ceffi al cellulare: quelli escono fuori per sentire meglio e ClarkKent li stordisce con un bastone di legno. Libera poi la ragazza e se nevanno via. Alla fine, ripassano davanti al bagno di prima che finalmente èlibero: Clark Kent entra dentro ed esce vestito finalmente da Superman:prende per mano la ragazza e volano via. In conclusione, mentre sono incielo, a Superman suona il cellulare e lui lo prende con la mano con laquale stava tenendo la ragazza, che purtroppo precipita nel vuoto. Ilvideoclip, in sostanza, come la canzone, parla di com'era il mondo prima delcellulare e di come è diventato adesso. Un mondo in cui le cabinetelefoniche stanno davvero scomparendo e un mondo in cui la gente, piuttostoche telefonarsi, preferisce scriversi degli SMS.Autore della canzone:
Jocelyn Pulsar
Soggetto del videoclip: Francesco Pizzinelli
Montaggio, fotografia e regia: Luca Coralli
Contatto e-mail: lucacoralli@tin.it
Visita i siti: www.jocelynpulsar.it
www.millerpictures.eu