Chi Ŕ Online

270 visite
Libri.itNATIONAL GEOGRAPHIC. AROUND THE WORLD IN 125 YEARS ľ ASIA & OCEANIADISEGNARE MAPPE A MANOLEONARDO DA VINCI. TUTTI I DIPINTI - #BibliothecaUniversalisELLEN VON UNWERTH. HEIMATN.189 ALFREDO PAY┴ - TONI GIRON╚S - JOS╔ MAR═A S┴NCHEZ GARC═A

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: nazzaro

Totale: 9

MilleVoci - puntata n. 02

Spettacolo d'intrattenimento musicale. Regia di Gianni Turco.

Visita il sito: www.millevoci.it

Polisportiva Independiente

"Il calcio nasce come sport popolare, giocato in qualsiasi posto da tutti. Negli ultimi anni a causa dello strapotere delle televisioni e dei miliardi dei presidenti-magnate, si sta vivendo una sua commercializzazione e una sua trasformazione in uno show. Il calcio invece Ŕ e deve rimanere uno sport vissuto con passione e momento di divertimento, di aggregazione ed incontro anche tra culture differenti. E' con questo spirito che vogliamo formare una squadra di calcio a 11 ed iscriverci al campionato Aics amatoriale di Vicenza. E' dal basso, dai quartieri e dalla passione genuina, che pu˛ ripartire un ragionamento su un calcio diverso da quello comandato dagli interessi economici e politici. Questa squadra si chiamerÓ "Polisportiva Independiente" appunto perchŔ vogliamo essere liberi ed indipendenti da quelle logiche ultra competitive, che a volte purtroppo si vivono anche a livello dilettantistico o giovanile. íQue viva el Independiente!"Intervista a Teo Molin Fop e Carlo Francesca, rispettivamente presidente e allenatore della neonata Polisportiva Independiente. Un servizio di Davide Sannazzaro e Daniel Bertacche.

Visita il sito: polindependiente.blogspot.com

VFF: ''Non solo la questione dei Generi nell'era Muller''

"Il Cinema italiano Ŕ morto forse perche' non ci sono piu' i generi?" Docu-Inchiesta dal Venice Film Festival sotto la gestione del bravo Muller con i lucidi contributi dei registi P. Squitieri, Tinto Brass, M. Monicelli, Giulio Questi e dei critici Claudio G. Fava, E. Magrelli, M. Giusti, Gregorio Napoli, A. Dell'Olio, ma anche un po' di leggerezza dall'Hotel Excelsior- luogo simbolo del Festival- con l'avvenente Nela Lucic, fresca co-protagonista del "Monamour" di Brass e con la bellissima Caterina Murino, perfetta interprete dell'almodovariano "Il seme della discordia" di Corsicato; e poi il western raccontato da Alex Zanotti- esperto di cinema di genere- Todd Solondz con un film in concorso, Les Bodyguard e il loro sguardo Overlook sul Festival e Walter Ciusa a mischiare le carte alternando riprese/interviste con voci off ed 1 camera, ad interviste in oggettiva, momenti esilaranti di fiction e paparazzate varie! Special Thanks a Davide Sannazzaro...

Playground Giardini Margherita

'Playground Giardini Margherita' Ŕ un reportage a cura di Davide Sannazzaro, dedicato allo storico campetto di Bologna.Gioco, gags, storia e molto altro condensate in 10 minuti senza pause!Tra i protagonisti Walter Ciusa, l'attore Tommaso Ramenghi, il veterano Manzoni, Fede&Franz e le cicale in sottofondo!Musiche di Zethone e Key Movement!!

Visita il sito: www.youtube.com

Playground Giardini Margherita

Trailer del documentario 'Playground Giardini Margherita'.A Bologna i giardini Margherita sono da sempre un'istituzione e generazioni di cestisti, pi¨ o meno talentuosi, hanno vissuto il campetto con sudore e passione viscerale per la pallacanestro.Questo doc bizzarro e scanzonato contiene presente e passato, si lascia andare in gag e momenti esilaranti tra nuova e vecchia scuola, autoctoni e migranti.Tra le comparse il grande regista Walter Ciusa, l'attore emergente Tommaso Ramenghi, Franz&Fede e tanti altri.Un lavoro di Davide Sannazzaro

Visita il sito: www.myspace.com

La protesta di Don Albino

Vicenza. Nei pressi della rotonda tra via del Verme e viale Ferrarin, incontriamo Don Albino Bizzotto - della comunitÓ 'Beati i costruttori di Pace' - nel corso del settimo giorno del suo digiuno a sola acqua. Una protesta decisa per ricordare le implicazioni etiche legate alla costruzione della nuova Base Usa Dal Molin e alla militarizzazione delterritorio.Servizio a cura di Davide Sannazzaro e Daniel Bertacche.

Visita il sito: www.beati.org

Pedemontana veneta: un'autostrada per chi?

Intervista a Renato Volpiana del Comitato difesa salute e territorio della valle dell'Agno, in provincia di Vicenza, che si batte contro la costruzione del tratto di autostrada pedemontana progettata Montecchio Maggiore e Dueville.Con Renato visitiamo i luoghi che verrebbero devastati da questa arteria a grande scorrimento [a pagamento] che devierebbe parte del traffico pesante della A4, immettendolo in una valle giÓ pesantemente compromessa dal punto di vista del consumo del suolo e della presenza di industrie inquinanti, quali le numerose concerie.Video realizzato da Davide Sannazzaro e Giulio Todescan.

Visita il sito: www.estnord.it

Parco proibito

mediconadir: intervista a Rodrigo Piccoli, multato dalla Municipale, mentre leggeva un libro sdraiato sul manto erboso di Campo Marzio a Vicenza.Intervista a cura di Davide Sannazzaro.

Visita il sito: www.mediconadir.it

Che succede in Italia? cinque cronache dal belpaese smarrito

Arezzo, 18 aprile '08 - Michele De Mieri (Radio 3 Fahrenheit) presenta Sergio Nazzaro e il suo libro Io per fortuna c'ho la camorra, per il ciclo di incontri "Che succede in Italia? Cinque cronache dal Belpaese", organizzato dall'Assessorato alla Cultura della Provincia di Arezzo, in collaborazione con la Biblioteca Comunale CittÓ di Arezzo.C'Ŕ un'altra Italia che vive sul confine tra la provincia di Caserta e Napoli. Posti come Mondragone, Castelvolturno, Arzano, Villa Literno, Aversa, Frattamaggiore. Un mondo a stento registrato dai media che se ne accorgono solo quando ci scappa un morto di troppo. Un mondo fatto di gente che ogni mattina riprende a lottare per la propria dignitÓ. E tra questi mondi allignano le storie di Sergio Nazzaro. Un giornalista scomodo che la Camorra e il Sud se li porta appiccicati nello sguardo e nel furore di una prosa parocca e risentita. Affonda le mani in una realtÓ fatta di sfruttamento, dolore, disoccupazione, morte, violenza, sottosviluppo. Il suo sguardo registra le piccole cose delle grandi tragedie che nessuno vuole vedere. Le storie che nessuno racconta diventano 24 ore in terra di Camorra. Un atto di solidarietÓ e cruda testimonianza scandito con il ritmo serrato del vero romanzo d'azione. Un romanzo duro e bruciante come la vita di tutti i giorni, tra l'Asse mediano e la Domiziana.

Visita il sito: www.provincia.arezzo.it