Emergency

votare è abdicare (Élisée Reclus) - traduzioni

votar es abdicar (Élisée Reclus) - traduzioni

Fondazione Logos
Arcoiris TV

Chi è Online

93 visite
Libri.itPETER LINDBERGH. SHADOWS ON THE WALLBETTINA RHEIMSFRÉDÉRIC CHAUBIN. CCCP (IEP) - #BibliothecaUniversalisRENOIR. PITTORE DELLA FELICITÀDISEGNARE MAPPE A MANO

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: interviste

Totale: 114

Atypicalmovie al 64° Festival del Cinema di Venezia: Pasquale Squitieri e il ciclone Tarantino

Pasquale Squitieri, lucido e disponibile come sempre, dà a Walter Ciusa, qualche pillola di saggezza sullo stato del cinema in Italia.Ne viene fuori un quadro drammatico, nonostante il tentativo di Tarantino di rinnovare l'attenzione verso il cinema di genere, la cui somparsa ha decretato, secondo Pasquale, la morte del cinema in Italia. Ai posteri l'ardua sentenza. Promosso da Arcoiris tv Bologna

Visita il sito: www.atypicalmovie.blogspot.com

Atypicalmovie: Dante Casagrande: storia di un alcoolista

Dante Casagrande ci racconta la sua schiavitù dall'alcool, l'unica sostanza di cui non può fare a meno. Una volta c'erano anche le donne. Una volta. E' anche un grido disperato verso la comunità di recupero che l'ha costretto ad una vita morigerata, senza gli eccessi a cui era abituato. Ora Dante è senza casa.Nel prossimo episodio, Casagrande ritroverà sè stesso, o una parte di sè. Sarà una ragazza di 25 anni a risvegliargli antiche emozioni. Promosso da Arcoiris tv Bologna

Visita il sito: www.atypicalmovie.blogspot.com

Cittadini per Bologna: Riccardo Lenzi

Riccardo Lenzi, dopo diversi anni di attività politica e una deludente esperienza come "costituente" del PD, si candida al consiglio comunale con la lista civica "Cittadini per Bologna" che sostiene il candidato sindaco Gianfranco Pasquino. In questo breve video Riccardo ci spiega i motivi che lo hanno spinto a occuparsi si politica e a candidarsi.Promosso da Arcoiris tv Bologna

Visita il sito: www.riccardolenzi.info

Decreto legge sulla sicurezza 2009: la parola a Davide Perlini

NADiRinforma incontra ...in occasione dell'incontro "La guerra dei padri raccontata dai figli" Davide Perlini scambia due chiacchiere con noi circa il neo approvato Decreto sicurezza: "la storia non ci ha insegnato niente, se ci sentissero i nostri vecchi, coloro che hanno dato la vita per conquistare la libertà, si rivolterebbero nella tomba. Non siamo all'altezza di quello che hanno fatto loro, forse è arrivato il nostro momento per fare qualcosa a nostra volta, per conquistare almeno un po' di equità, in altro modo feriremo solo noi stessi"

Visita il sito: www.mediconadir.it

Decreto legge sulla sicurezza 2009: la parola ad Alessandro Baldi.

NADiRinforma incontra ... in occasione dell'incontro "La guerra dei padri raccontata dai figli" abbiamo rivolto un paio di domande ad Alessandro Baldi su il neo approvato Decreto sicurezza: "Io sono stato un migrante e posso raccontarvi la differenza tra la situazione che ho vissuto in Germania quale migrante e quello che vedo intorno a me oggi in Italia. Perché non possiamo aiutare chi ha meno di noi ? perché si continua a dire che non viviamo in una società multietnica?"

Visita il sito: www.mediconadir.it

Atypicalmovie al 64° Festival del Cinema di Venezia: Pasquale Squitieri e la politica

Walter Ciusa incontra Pasquale Squitieri al Lido di Venezia, in concomitanza con il Festival del Cinema. Squitieri parla dei giovani, della politica, della mancanza di identità del nostro Paese. Ore e ore di monnezza, dibattiti politici vuoti, campanilismo esasperato, parole al vento, perdita di senso, giornalisti schierati, Media schierati, discussioni senza un inizio ed una fine. Insomma è un grande bluff e una grande perdita di tempo questo "Politically Trash" in TV.Poi capita di girare random al Festival di Venezia e di incontrare il Cavaliere Solitario.Pasquale Squitieri. Questa volta percepisco in lui un fascino strano, diverso rispetto alla prima intervista che gli ho fatto. Gli punto la camera e lui parte.10 minuti di sostanza, 10 minuti di analisi lucida, fredda, di ricerca di un senso, nelle cose e nella vita politica.Non pensavo. Avevo conosciuto lo Squitieri grande masticatore di linguaggi cinematografici, lo Squitieri per nulla demagogico nell'analizzare la necessità di riaprirsi al mercato a 360 gradi come negli anni 50/70 - la stagione d'oro del cinema italiano - e ora conosco lo Squitieri analista politico e storico di questo Paese, il grande malato dell'Occidente. Pasquale buca il video, la sua voce è ferma, lo sguardo è ipnotico, gli argomenti di discussione alti e profondi.Sopra a tutti, c'è la mancanza di identità culturale di un Paese ormai frammentato e diviso in tante parrocchiette, ognuna che rivendica una propria fetta di potere, e la citazione dell'amico Toni Negri che ha suddiviso i poteri forti in Italia in : Mafia al sud, Vaticano al centro, banche e finanza al nord (e quando questi 3 poteri si uniscono, sono cazzi amari per tutti).Poi casualmente incontreremo Toni Negri. I 2 Cavalieri Solitari se ne andranno, soli, a cenare insieme all'Hotel Excelsior. Il fedele scudiero li accompagnerà.... Promosso da Arcoiris tv Bologna

Visita il sito: www.atypicalmovie.blogspot.com

Tra passato e presente: un momento nel tempo con Armando Gasiani

NADiRinforma incontra il partigiano Armando Gasiani (classe 1927), ex deportato nel campo di concentramento di Mauthausen . Il desiderio di confrontarsi con Armando nasce da quel sottile sentimento di paura che sta emergendo a seguire l'approvazione del Decreto Legge sulla sicurezza. Il dubbio: si stanno forse riesumando le leggi razziste, come se non ci fosse bastato quello che abbiamo subito 60-70 anni fa ? Armando e uomini come lui possono, attraverso le loro testimonianze, farci comprendere un po' meglio... per tranquillizzarci ? per allertarci ? Chi meglio di coloro che hanno vissuto sulla loro pelle la persecuzione e gli orrori dei regimi totalitari può aiutarci spiegandoci che cosa significa respirare aria di regime, aria di razzismo ?Il collegamento all'attuale Decreto Sicurezza è d'obbligo visto che nei confronti degli immigrati, vissuti come diversi, secondo l'accezione spaventevole del termine, si mostra piuttosto duro. Sarà questo l'atteggiamento giusto per fronteggiare l'ondata migratoria in essere ?"noi cercammo la libertà per tutti, ma oggi pianino, pianino... ce la stanno togliendo, la Libertà è cara e la si può difendere solo con la presenza, con la partecipazione" dice Gasiani Quella Libertà di cui godiamo e che uomini come lui ci hanno regalato va difesa ad oltranza e il primo passo verso la salvaguardia è il ricordo, è quella memoria storica che ha il potere di porci nella posizione di vedere oltre

Visita il sito: www.mediconadir.it

un treno per Auschwitz

Come una volta si parte dal binario 21 e si ripercorre lo stesso tragitto dei deportati. Sensazioni e umori per non dimenticare con gli studenti delle scuole Superiori e la Provincia di Milano.

Visita il sito: www.corto16.net

116)- Intervista a Silvia Tebaldi - Leggere negli occhi

Silvia Tebaldi è un'esordiente, autrice di Vuoto centrale (Perdisa editore), un romanzo appunto d'esordio ma impressionante per originalità narrativa e personalità di scrittura. Silvia, ferrarese, ha sempre lavorato in mezzo ai libri, essendo una bibliotecaria, ma si occupa di formazione, di fotografia, di documentazione biomedica. Ha pubblicato racconti su riviste e vinto alcuni premi. Ma questo suo romanzo ci introduce in un futuro cupo e livido che vorremmo proprio non fosse quello delle nostre città, anche se si sa che i profeti parlano del presente, non del futuro. Una conversazione ricca di fascino, di rimandi culturali, di riflessioni umane e politiche sul presente e sul suo destino.

Visita il sito: www.scrittoribologna.com

Tra passato e presente un momento nel tempo... verso il futuro

"Se non sappiamo da dove veniamo ... come possiamo sapere dove stiamo andando?" NADiRinforma passeggia nel tempo ed incontra i protagonisti della storia, perché solo chi ha la costanza e la perseveranza di cercare ha la possibilità di trovare sulla sua strada le indicazioni che lo portino verso la conoscenza più approfondita.Oggi incontriamo la storia di Amedeo Marchese, classe 1914, che ci racconta il suo mondo con la semplicità e l'immediatezza di chi della storia è davvero protagonista. Abbiamo perso il valore delle storie credendo di proiettarci meglio nel futuro, in realtà dovremmo comprendere che solo attraverso il tempo narrato da chi quel tempo l'ha vissuto è possibile tracciare un futuro.

Visita il sito: www.mediconadir.it