Arcoiris TV

Chi è Online

204 visite
Libri.itLA MALEDIZIONE DELLFOOD & DRINK INFOGRAPHICS. A VISUAL GUIDE TO CULINARY PLEASURES (IEP)CAVALLI DREBECCAMERT ALAS AND MARCUS PIGGOTT

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: intercultura

Totale: 9

Escuela intercultural en la Araucanía

¿Sabías que en La Araucanía existen establecimientos que han optado por la educación intercultural? Enseñan mapuzungún y parte de la cosmovisión mapuche. Este es el reportaje a cargo del periodista Carlos Hernández y las imágenes de Gabriel Burgos.

Objetivo fomentar la cultura mapuche.

Muy buena inciativa, sin embargo debería aplicarse obligatoriamente en todo el país, que a penas la gran mayoría de la gente sabe hablar en chileno, ni siquiera bien en castellano. y un idioma aporta la riqueza de quienes lo hablan... como los mapuche, son muy sabios y prefieren cuidar la naturaleza y no destruirla como la mentalidad winka capitalista lo impone, es una de las razones para no enseñar el idioma y la cultura en todo el país y de manera ¡oficial y obligatoria!

Periodista: Carlos Hernández

Imágenes: Gabriel Burgos

La Strage dei Clandestini

28 gennaio 2008 storie di vittime dei naufragi, dei tir carichi di uomini, delle nevi sui valichi, dei campi minati... Incontro con Gabriele Del Grande, giornalista, fondatore dell’osservatorio sulle vittime dell’immigrazione Fortress Europe (fortresseurope.blogspot.com) e p. Gianni Nobili, missionario combonianoevento.
Realizzato con il contributo dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna ed in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione.

Visita il sito: www.centrostudidonati.org

Visita il sito: www.mediconadir.it

Congresso Universale di Esperanto - Copenhagen 23-30 Luglio 2011

Sono stati circa 1500 i congressisti di 66 nazioni, provenienti dai 5 continenti,che hanno parteciapto, dal 23 al 30 Luglio,al 96° Congresso Universale di Esperanto a Copenhagen la capitale della Danimarca.Nella serata di Sabato 23 Luglio,il giorno degli arrivi,si è svolta la "Movada Foiro"-la fiera dei movimenti esperantisti e delle loro attività- durante la quale tutti i gruppi di esperanto del mondo hanno presentato le loro associazioni e le loro attività.Domenica mattina, 24 Luglio, Probal Dasgupta presidente dell’UEA-Universala Esperanto-Asocio - ha presieduto la solenne inaugurazioned el congresso. All’inizio ha chiesto un minuti di silenzio per commemorare le vittime del grave attacco terroristico ad Oslo.Stefano Keller ha letto il messaggio di saluto di Irina Bukova, generale direttore dell’UNESCO. A seguire, il saluto, in lingua danese, della rappresentante delle Nazioni Unite in Copenhagen Pernille Fenger,che ha trattato nel suo discorso,l’attività per gli obiettivi evolutivi del millennio perseguiti dalle nazioni Unite, riguardanti in particolare la gioventù.Probal Dasgupta,nel dare il benvenuto ai presenti, ha sottolineato come l’amore per l’ospitalità e l’accoglienza siano anche i fondamenti del movimento dell’Esperanto.Con il canto dell’inno “La Espero”è finita la cerimonia di apertura.Il congresso è proseguito tra, importanti temi di discussione,relazioni, musiche,danze e piacevoli escursioni.Il Congresso Universale di Esperanto si terrà nel 2012 ad Hanoi.

Visita il sito: www.uea.org

You Reporter - Corso di muliculturalità e videogiornalismo

I giovani vivono quotidianamente la multietnicità presente nei vari contesti sociali, soprattutto a livello scolastico, dove entrano in contatto in prima persona (più da vicino rispetto agli adulti) con le problematiche e le opportunità ad essa connesse. Allo stesso tempo sono più vulnerabili ed esposti al clima di tensione sociale acuitosi in particolar modo negli ultimi anni anche in Italia, non avendo peraltro gli strumenti adatti a prendere coscienza autonomamente della situazione, essendo spesso soggetti passivi dei media.Il progetto You Reporter, ideato dal gruppo locale Yap di Bologna e realizzato assieme all’associazione culturale NADiRinforma e con il sostegno del Comune di Zola Predosa e della Provincia di Bologna, ha visto la partecipazione di circa 20 ragazzi in età compresa tra i 12 e i 18 anni. I giovani reporter hanno preso parte ad un laboratorio di videogiornalismo partecipativo e usato le conoscenze tecniche apprese per realizzare un reportage/inchiesta sull’integra

Visita il sito: www.mediconadir.it

Scoprirsi Vicini di Casa

I condomini sono i luoghi dove il contatto,talvolta il conflitto, interculturale e intergenerazionale avviene frequentemente e in modo inevitabile. Le aree cittadine maggiormente coinvolte dai problemi di relazione tra gli abitanti sono state quelle a maggiore afflusso di immigrati stranieri, in ragione della rapidità del fenomeno, del grande numero di persone coinvolte, delle differenze linguistiche, di usi e costumi. Per fare fronte a tali situazioni l’Assessorato Coesione e Sicurezza Sociale del Comune di Reggio Emilia, grazie ad un finanziamento della Regione Emilia Romagna, ha realizzato il progetto “Le regole del gioco” con l’obiettivo di migliorare la vita quotidiana degli abitanti i condomini della zona stazione. La convinzione di fondo è che vivere bene tra e con i propri vicini di casa, il ricostruire un senso di comunità sempre più a rischio di disgregazione, abbiano come effetti la percezione di non essere soli nell’affrontare i problemi e di sentirsi più sicuri. Il video presenta gli atti del convegno "Scoprirsi Vicini di Casa", realizzato a conclusione del progetto le regole del gioco.

Visita il sito: www.ceriss.it

Si moschea a Genova

Venerdì 13 Febbraio 2009 via B.Bianco, Genova ore 16:20' L'isola dell'accoglienza e dei diritti Costruiamo un'isola di dialogo e integrazione! Alla paura, all'odio e all'ignoranza creata dalla Lega Nord noi rispondiamo con una festa in piazza invitando a partecipare il quartiere e la città. Resistiamo alle fiaccolate xenofobe e razziste! Vogliamo una città laica, antirazzista, antifascista e multiculturale! Chi non riconosce i diritti di tutti non passerà! FERMIAMO LA CROCIATA DELLA LEGA ! E' TEMPO DI INTEGRAZIONE E DIALOGO ! E' TEMPO DI FESTA ! Musica, dibattito, vino, focaccia. CSOA TDN, Comunità di San Benedetto al Porto, ARCI e altre realtà del quartiere e della città.

Bruskoi Triu

Nel giugno 2005 Manuela Almonte (fisarmonica e voce) e Marco Ghezzo (violino) si incrociano ad Alba; Marco è lì con il gruppo occitano Pas de beton, Manuela è tornata da un lungo soggiorno napoletano, dove aveva suonato con La Mescla e Les travailleurs de la nuit. Entrambi sono stati in Romania presso i loro amici della compagnia itinerante Croquemule, giunti fin là dalla Francia, con carrozze trainate da muli e ormai considerati bravissimi musicisti. In quello stesso inizio d'estate, Florin Tanas "Stufulica", zingaro "original" di Piatra Neamt, emigrato in Italia e rispedito presto in patria, chitarrista e sassofonista strepitoso, dopo varie vicissitudini si stabilisce a Dogliani. Un pomeriggio Marco lo accompagna a casa di Manuela, suonano insieme per circa un'ora, dopodiché si avviano a Le Macabre di Bra per il loro primo concerto: nasce così il Bruskoi Triu. In seguito il gruppo si arricchisce di tre nuovi componenti, Zita Kovacs e Stefano Protto, che in precedenza viaggiavano nella carovana dei Croquemule, e Benki, ballerino zingaro che durante l'anno vive nel villaggio transilvano di Csavas e raggiunge i Bruskoi per le date estive. Zita (voce e danze), ungherese di nazionalità rumena, per anni ha cantato e ballato le musiche della sua tradizione; Stefano, ex torinese, buon conoscitore del repertorio occitano e violinista alla Baïa del Villar di Sampeyre, nei Bruskoi è contrabbassista.

Visita il sito: www.babelmed.net

Lingua madre

Premiazione e intervista alle tre vincitrici della terza edizione del concorso letterario Lingua madre, rivolto alle donne straniere residenti in Italia. Tra le vincitrici Nanà, donna proveniente dal Ghana, detenuta presso il carcere di Trapani.

Visita il sito: www.babelmed.net

Nhollywood sbarca a Torino

“20 euro per una giornata di lavoro. Sono pochi, ma sono bastati per assicurare la presenza e la puntualità degli attori”. Al suo secondo film, il gruppo di Gvk Cultural Film Production di Torino, nato nel 2006, ha messo a punto le strategie per ottimizzare tempi ed energie nel processo tutto nigeriano di produzione cinematografica. “All’inizio il cast, formato su base amicale, lavorava gratis. Ma gli attori arrivavano sul set con quattro ore di ritardo”, piega Vincent, sceneggiatore e regista della Gvk Production. “È stato sufficiente dare un rimborso simbolico per ottenere la massima disponibilità”. Il primo film, “Efe-Obomwan”, è iniziato nel 2006 e si è concluso nel 2007. “Ho scritto io soggetto e sceneggiatura – spiega Vincent -, senza aver avuto esperienze precedenti nel campo del cinema”. Vincent ha girato l’Italia per distribuire in modo capillare il suo film, attraverso gli African Market. La Gvk ha appena finito il suo secondo film, con sottotitoli in italiano. Verrà distribuito sul mercato nigeriano, italiano ed europeo.

Visita il sito: www.paralleli.org