Arcoiris TV

Chi è Online

154 visite
Libri.itDALÍ. LES VINS DE GALAPARIS MIRABILIA. VIAGGIO NELLDAVID LACHAPELLE. GOOD NEWS. PART IIPONTI (I) #BasicArtPALEOART. VISIONS OF THE PREHISTORIC PAST

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: greenpeace

Totale: 13

UN BIDONE DI ATTIVISTI PERICOLOSI AL PINCIO

Alcuni attivisti di greenpeace si sono chiusi in un bidone gigante di rifiuti atomici, per protestare con la linea persistente del governo di disinformazione ed evasione dal referendum sul nucleare del 12 e 13 giugno.Gli attivisti, di un numero imprecisato rimarranno chiusi dentro il bidone fino al giorno del referendum quando usciranno per andare a votare, sono riuscito ad intervistarli, chiedendo loro perchè è importante andare a votare "SI" per dire No al nucleare il 12 e 13 giugno 2011

Visita il sito: www.youtube.com

VOGLIAMO IL SOLE, NON CHIEDIAMO LA LUNA

L'attuale governo ha fatto del nucleare il suo obiettivo principale nella politica energetica del suo programma, una scelta totalmente in controtendenza con il resto del mondo, che vuole mantenere un atteggiamento monopolista nel mercato dell'energia, proprio oggi dove il mercato e l'evoluzione globale sta portando il mondo verso una produzione e distribuzione diffusa e democratica dell'energia. Il decreto del Ministro Romani il 3 marzo scorso aveva come obiettivo quello di limitare la crescita dell'unico settore in positivo del nostro paese in tempo di crisi, per evitare che in pochi anni lo sviluppo di questo settore potesse rendere sempre più improbabili le motivazioni di una scelta nucleare.

Visita il sito: www.youtube.com

Greenpeace contro il nucleare

Terrafutura VI edizioneLa temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall'inizio della rivoluzione industriale.Ma possiamo fare qualcosa per risolverlo. Non è una minaccia che proviene dallo spazio. Sono gli esseri umani ad aver causato i cambiamenti climatici immettendo nell'atmosfera quantità eccessive di anidride carbonica (CO2) e di altri gas serra. In questo siamo fortunati. Se abbiamo iniziato noi tutto questo, siamo anche in grado di fermarlo. Le tecnologie necessarie già esistono.

Visita il sito: www.greenpeace.it

L'impatto ambientale delle nostre scelte alimentari

Attraverso il cibo che noi scegliamo di mangiare, possiamo avere un impatto potente sul risparmio di energia, di acqua, di emissioni di gas serra, di sostanze chimiche, di terreni, di risorse alimentari... Le nostre scelte a tavola contano più delle nostre scelte in altri settori (trasporti, consumi domestici di energia). La conferenza, con Marina Berati (responsabile ufficio stampa e portavoce del NEIC - Nutrition Ecology International Center), chiarisce i motivi di questa situazione, presenta gli studi più recenti e consiglia le soluzioni da applicare a livello individuale. Durante la conferenza verrà mostrato anche il documentario "La terra divorata".La conferenza fa parte del progetto Saicosamangi TV, un progetto di videoconferenze in streaming via web in diretta:http://tv.saicosamangi.info http://tv.saicosamangi.info

Visita il sito: www.nutritionecology.org

Greenpeace Renewable Energy

Due miliardi di persone nel mondo non hanno energia elettrica.
Il petrolio, il carbone, il nucleare non sono indispensabili: l'energia del sole sulla terra è sufficiente a soddisfare tutte le necessità umane.

Greenpeace - 30 anni di attività

Deforestazione, ingegneria genetica, caccia alle balene, cambiamento climatico: su questi e altri temi Greenpeace si batte da anni in modo attivo e spettacolare.
Il video mostra momenti forti delle più importanti azioni di Greenpeace.

GREENPEACE - MAYAK

Un documentario sconvolgente sul disastro nucleare di Mayak in Russia: centinaia di morti e migliaia di persone colpite da gravissime deformazioni e malattie dovute alle radiazioni. Ancora oggi la popolazione colpita da questa tragedia è a rischio a causa dell'intenzione del governo russo di realizzare una immensa discarica di scorie nucleari provenienti dall'Europa e dal Giappone.

Visita il sito: www.greenpeace.it

Green Reach

Televisori e lettori dvd, t-shirt e giocattoli... moltissimi oggetti che abbiamo in casa contengono sostanze chimiche nocive. Si chiamano ftalati, alchilfenoli, muschi sintetici, ritardanti di fiamma, e dall'ambiente esterno entrano nel nostro sistema alimentare: i test effettuati da Greenpeace dimostrano la presenza di veleni nella polvere domestica, nell'acqua piovana e nel nostro sangue. Le aziende produttrici continuano a immettere nel mercato questi prodotti, al più mantenendo un controllo sulle loro quantità: bisognerebbe invece sostituirle.
Un caso eclatante è quello delle magliette Disney, che vengono stampate con composti che contengono queste sostanze: i bambini le ingeriscono facilmente, e sono ancora più vulnerabili degli adulti a quei veleni. H&M ed Elettrolux, invece, hanno cercato e trovato colorazioni con sostanze alternative.
Visita il sito: www.greenpeace.it

Greenpeace contro le deforestazioni illegali in Africa

Bulldozer che sventrano la giungla, lasciando dietro di sé - oltre che piste per le motoseghe- scimmie mutilate e cadaveri di vari animali? il video mostra i tragici effetti della deforestazione selvaggia che sta spogliando la foresta africana, la cui estensione è ormai ridotta all?8% della superficie originaria. Oltre che privare l?Africa del suo immenso meraviglioso polmone verde, l?industria del legno toglie agli animali il loro habitat, e mette a serio rischio la sopravvivenza di scimpanzè, gorilla, elefanti e migliaia di altre specie di mammiferi e uccelli. Gran parte delle compagnie agisce illegalmente: in Cameroun la più importante società di produzione del legname - che per il 75% taglia senza autorizzazione - appartiene al figlio del presidente della Repubblica! Anche l?Europa, però, ha forti responsabilità e l?Italia - che insieme a Francia, Spagna e Portogallo è tra i principali acquirenti di legno africano - è il maggiore esportatore di mobili al mondo. L?appello di Greenpeace è esplicito: ci vogliono, anche da noi, leggi severe, che puniscano la compravendita di legnami tagliati illegalmente.Il video è stato realizzato da Luca Chianca e Giacomo del Buono.
Visita il sito: www.greenpeace.it

Decidi

Stiamo attaccando la Terra. Se non la smettiamo e se non iniziamo a difenderla, si difenderà da sola, come ha mostrato di saper fare: forte ed efficace il messaggio di Greenpeace.
Visita il sito: www.greenpeace.it