Chi è Online

157 visite
Libri.itLA STREGA E LO SPAVENTAPASSERI - nuova edizioneFOTOGRAFIA IN BIANCO E NEROLEONARDO DA VINCI. TUTTI I DIPINTI - #BibliothecaUniversalisELLEN VON UNWERTH. HEIMATNYT. 36 HOURS. BEACHES, ISLANDS, & COASTS

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: fiat

Totale: 6

Pani e pesci MIRACOLO

E' bastato un lievissimo aumento dell'occupazione per scatenare gli entusiasmi dei sostenitori dell'attuale governo. In effetti la precarietà sta creando lavoratori con un futuro oscuro quando i loro genitori non ci saranno più.

Fiom. Viaggio nella base dei metalmeccanici

NADiRinforma propone la visione del documentario

FIOM. Viaggio nella base dei metalmeccanici
di Giuliano Bugani e Daniele Marzeddu

Il film nasce da un progetto di Giuliano Bugani in seguito all'Accordo sulle Rappresentanze Sindacali firmato da CGIL, CISL, UIL e dalla Confindustria il 28 giugno 2011, e, contro il quale, la base FIOM sciopera per la prima volta nella sua storia contro il Segretario Generale della CGIL, Susanna Camusso. Il documentario attraversa città di tutta Italia nelle voci e nelle immagini di lavoratrici e lavoratori FIOM e RSU di fabbrica, portando alla luce il disagio e la rabbia degli iscritti sulle conseguenze dell'Accordo del 28 giugno 2011. Simbolica la figura di Giorgio Cremaschi, storico sindacalista e leader della FIOM, che fa da filo conduttore tra le tematiche delle lavoratrici e dei lavoratori intervistati.

CREDITS
Soggetto e sceneggiatura GIULIANO BUGANI.
Fotografia e montaggio DANIELE MARZEDDU.
Interviste in manifestazione GIOVANNA ALBANO.
Supervisione al montaggio MARCO SORRENTINO.
Suono CORRADINO "DINDO" CORRADO.
Musiche ASSALTI FRONTALI / GIANNI PACI e DARIO BALDINI.
Fotografo di scena ETTORE SALVIATO.
Autoprodotto da GIULIANO BUGANI e DANIELE MARZEDDU

Visita il sito: www.mediconadir.it

Rototom 2010 - Fiat Lifestyle

Rototom 2010 - Fiat Lifestyle

TRANSIZIONE DAL LAVORO UMANO A QUELLO AUTOMATIZZZATO

Iniziamo con la giornata odierna una serie di Video a cadenza settimanale, di volta in volta potrete ascoltare le nostre Opinioni su tematiche di grandi interesse.Riprese realizzate nella Sede della Scuola di Formazione di Via dei Levii di RomaE' vietata la riproduzione e qualsiasi altro utilizzo diverso dalla visione privata.All rights reservedBy Segreteria Organizzativa dei Popolari GlocalizzatiResponsabile: Maurizio Compagnone

Visita il sito: www.ipopolari.it

MANIFESTAZIONE NAZIONALE DELLA FIOM - NO ai Ricatti, SI ai Diritti - Roma 16/10/2010

16/10/2010 L' AD FIAT Sergio Marchionne con il patto di Pomigliano oltre che ledere la dignità degli operai, ha ridotto lo statuto dei lavoratori stracciandone i diritti tanto conquistati nel passato, ma oggi gli stessi supportati da centinai di migliaia di cittadini, hanno alzato la testa, contro un modo di fare business e creare redditività (non competitività) a spese di operai e famiglie.In piazza moltissime realtà della società, dalla scuola alle femministe, dal popolo viola, agli operai di tutta italia, dai precari a chiunque abbia sentito la necessità di scendere in piazza per reagire ad un governo che prevarica i bisogno ed i diritti dei cittadini a proprio uso e consumo...

Visita il sito: www.youtube.com

FIATo sul collo

"FIATo sul collo" racconta la vita di Antonio e Angela. Lavorano nello stabilimento lucano della Fiat-Sata di Melfi. Vivono ad Acerenza (PZ) e quando nel 1994 la Fiat seleziona gli operai da assumere attraverso contratti di formazione lavoro, parte il loro "sogno americano": entrare in Fiat ed avere lo stipendio fisso.La realizzazione del sogno, che festeggiano con torta e candeline, li porta al matrimonio, all'acquisto, attraverso mutui bancari, di una piccola casa e di una fiat Punto. E' tale l'illusione della raggiunta tranquillità economica che subito mettono al mondo due bambine.La vita quotidiana in fabbrica però, a poco a poco, trasforma il loro sogno in incubo. Attraverso la loro vita scopriremo cosa significano formule come "doppia battuta": la fatica di 12 notti consecutive di lavoro anche per le donne; ritmi impossibili da sostenere e salari striminziti che provocavano focolai di protesta e conseguenti licenziamenti e provvedimenti disciplinari.

Visita il sito: www.uldericopesce.com