Arcoiris TV

Chi è Online

78 visite
Libri.itBRAUN/HOGENBERG. CITIES OF THE WORLDCHRISTO AND JEANNE-CLAUDE. THE FLOATING PIERS - edizione limitataPARIS MIRABILIA. VIAGGIO NELLRENOIR. PITTORE DELLA FELICITÀNIEMEYER (I) #BasicArt

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: centro studi donati

Totale: 4

Figli di boss: storie di mafia e di riscatto

NADiRinforma Il 30 novembre 2010 presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bologna si tiene l'incontro "Figli di boss: storie di mafia e di riscatto" con:
Fabrizio Valletti, gesuita, del centro "Alberto Hurtado" di Scampia, Napoli
Vincenzo Carrozza, medico, autore di "Figli di Boss" e "Fiori Recisi"
introdotto da: Antonio Monachetti, referente di LIBERA Bologna.

La presentazione del libro "Figli di boss", edito da Pontari Editore, è a cura del Centro Studi "G. Donati", in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione, Ass. Medica N.A.Di.R., Centro Poggeschi, EMI, LIBERA con il contributo dell''Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. "Ho avuto la gioia di seguire Vincenzo Carrozza per tanti anni(...) Chi cade nella rete della malavita, infatti, o ne resta avviluppato e schiacciato. Con tutte le tristi conseguenze per sé e per la propria famiglia. Ed anche questo triste aspetto è qui lucidamente narrato..."(Mons. G.M. Bregantini)

Visita il sito: www.centrostudidonati.org

"La febbre" di Wallace Shawn

NADiRinforma propone la lettura de "La febbre", un monologo teatrale scritto da Wallace Shawn (attore di Woody Allen, protagonista di Cechov nella 42esima strada, di Louis Malle nonché sceneggiatore e interprete di My dinner with Andrè, sempre di Malle). Shawn con La febbre racconta del confronto fra il benessere occidentale e la povertà del terzo mondo, vissuto in diretta: un borghese in viaggio nel sud - accasciato nella sua stanza d'hotel tra vomito e scarafaggi - è vittima di tutto ciò che ha visto (soprattutto il dolore degli altri), un impatto durissimo per via della realtà da cui proviene.Questa rappresentazione fa parte del progetto "Officina I Care". Nato nel 2008 ha lo scopo di proporre tematiche di dibattito affrontandole con una metodologia orizzontale, senza l'esperto della situazione: ognuno diventa "esperto" di se stesso potendo raccontare la propria esperienza o condividere il proprio pensiero sull'ARGOMENTO trattato.E' un invito al VIAGGIO per conoscere i luoghi dell'oppressione, dello sfruttamento e dell'esclusione nel sud del mondo e a Bologna.E' un LABORATORIO di idee, incontro, DISCUSSIONE e impegno sociale.Tutto questo attraverso LETTURE di testi teatrali e non, CONCERTI, incontri con TESTIMONI.Il Centro Studi "Giuseppe Donati" è nato grazie all'intuito e al lavoro di don Tullio Contiero. Da molti anni propone alla Città e all'Università momenti culturali quali incontri, seminari, conferenze e viaggi-studio nei paesi del Sud del Mondo.Dall'esperienza di d. Contiero sono nate due associazioni una che raggruppa i suoi ex allievi (lavoratori, religiosi, professionisti, docenti universitari e non, ...) l'altra è costituita da studenti dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna.L'associazione studentesca Centro Studi politici e sociali "Giuseppe Donati" ha sede in via di Corticella 179/4 - 40128 Bologna presso un locale di proprietà dell'Editrice Missionaria Italiana.L'associazione Centro Studi "Giuseppe Donati" degli "adulti" ha sede in via Marsala 33 - 40126 Bologna (entrata da Vicolo Luretta 3/A) ed ha anche il compito di sostenere l'associazione studentesca.Scopo delle due associazioni è concorrere alla formazione degli studenti universitari negli ambiti culturale, sociale, politico e spirituale, sui temi della Giustizia e della Pace.Voce narrante: Andrea MontuschiPianoforte: Davide NicodemiAdattamento Testo: Mariangela Cofone

Visita il sito: www.mediconadir.it

Università - Reciprocità - Sud del Mondo

1 aprile 2009: NADiRinforma propone la Conferenza "Università - Reciprocità - Sud del Mondo" organizzata dal Centro Studi "G.Donati" in collaborazione con Facoltà di Scienze della Formazione, Facoltà Medicina Veterinaria, Facoltà di Agraria, Percorsi di Pace, AIDU-Ass.ne Italiana Docenti Universitari, Editrice Missionaria Italiana, Centro Poggeschi, Ass. Medica N.A.Di.R.con il contributo dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bolognarelatori:Giancarlo Maria Bregantini - Arcivescovo di Campobasso-BoianoAndrea Segrè - Preside Facoltà di Agraria, Presidente Last Minute MarketEcco, faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia...

Visita il sito: www.mediconadir.it

Guardie e Migranti

NADiRinforma propone l'incontro organizzato dal Centro Studi G.Donati in collaborazione con EMI e con la Facoltà di Scienza della Formazione dell'Università di Bologna: "Guardie e Migranti", storie di frontiera, diversità culturali e solidarietà (16 febbraio 2009)Sono intervenuti:l'on. Jean-Léonard TOUADI - giornalista e scrittore di origine congolese, in Italia dal 1979. Laureato in Filosofia all'Università "La Sapienza" e in Giornalismo e Scienze politiche all'Università Luiss di Roma. Ha insegnato filosofia in un liceo romano. È stato autore del programma di RaiDue "Un mondo a colori". E' stato eletto alla Camera dei Deputati nel 2008 ed è il primo parlamentare della Repubblica Italiana di origine africana. Il Vice Questore di Verona Gianpaolo TREVISI autore del libro "FOGLI DI VIA - Racconti di un Vice Questore" (EMI Ed.). Trevisi dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza e dopo la nomina a Vice Commissario viene assegnato alla Questura di Verona. Per cinque anni Dirigente dell'Ufficio Immigrazione e ora è il Vice Dirigente della Squadra Mobile. Con il suo racconto "L'africa in un cassonetto" ha ottenuto il primo posto al concorso letterario nazionale della rivista "Polizia Moderna".Ha introdotto il dibattito il Questore di Bologna Luigi MEROLLA -"Se voi avete diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni son la mia patria, gli altri i miei stranieri." Don Lorenzo Milani

Visita il sito: www.mediconadir.it