Arcoiris TV

Chi è Online

186 visite
Libri.itFERRARI - edizione limitataOLI ESSENZIALITI CURO IO, DISSE PICCOLO ORSOGRAN VAMPIRO 1THEUERDANK. THE EPIC OF THE LAST KNIGHT

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti i filmati di EMERGENCY


Censura Legale 2: domande senza... risposte?


Tutti i filmati di ARCOIRIS TV BOLOGNA

ArcoirisTV
2.6/5 (63 voti)
Condividi Segnala errore Tutti i filmati di ARCOIRIS TV BOLOGNA

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
NADiRinforma: si riprende la chiacchierata con Paolo Barnard a seguire l'argomentazione trattata nella video-intervista "Censura legale",
in quanto l'evoluzione che ne ha fatto seguito ha destato parecchie polemiche tra gli utenti di diversi forum.
Essendo il nostro ruolo quello di dare voce a chi voce non ha, qualsivoglia sia il motivo, cercando di osservare l'imparzialità e l'astensione di giudizioe nutrendo grande interesse per l'informazione quale fondamento della democrazia e al contempo strumento di crescita individuale e collettiva,non potevamo non dare seguito, cercando di chiarire e sottolineare alcuni punti valutabili quali focali nell'ambito della vicenda in corso.
Si ribadisce che ogni polemica tra Paolo Barnard e Milena Gabanelli, pur nell'ambito del massimo rispetto e della massima considerazione umana,non rientra nella situazione che, invece, assume una forte valenza se osservata e valutata nell'ambito della possibilità per la libera informazione di esistere.La preoccupazione e la solidarietà per quei giornalisti che, malgrado le oggettive difficoltà, persistono nel tentativo di raccontare le verità più scomodeaffinché tutti noi possiamo almeno provare a comprendere le dinamiche del contesto sociale del quale facciamo parte, sono sicuramente i sentimenti che cianimano e che ci spingono a perseverare nella divulgazione. Non possiamo tacere nei confronti della censura espressa da un sistema organizzato ed oligarchico che,temendo ripercussioni quasi sempre di tipo economico, cancella l'etica trasformando i professionisti dell'informazione in "kamikaze" o li imbavaglia sottoponendoliad un regime di paura.
La solidarietà nei confronti di questi professionisti è totale e la speranza di potere, anche in minima parte, contribuire a creare loro una rete salvagente è accesa oltre ogni limite.
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it

2 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


23 Maggio 2008
12:56

Questa è una petizione contro la censura legale della Rai, riguardo alla questione Barnard: http://www.ipetitions.com/petition/Controlacensuralegale01/ Questo è un bannerino da blog poco elegante ma funzionale: -- Flora Nicole Blasi http://ifattisonofatti.blogspot.com/

Flora Nicole

24 Marzo 2008
11:05

I bannati sono stati tutti riammessi ieri mattina (17 marzo). Ognuno può dire ciò che crede sulla libertà d'informazione, è solo pregato di non ripostare più ciò che per un mese è stato su questo forum. La lettera di Barnard e la replica della Gabanelli sono in evidenza. La questione non era posta nei termini corretti e l'unico effetto prodotto è stata una polemica infinita e denigratoria degli autori del programma. Questo non è tollerabile. Quanto rischia questo programma è sotto gli occhi di tutti e la tutela è data prima di tutto dalla qualità del nostro lavoro. La manleva è un aspetto che riguarda il giornalista freelance e la sua rimozione è subordinata ad un rapporto di fiducia con l'editore. Negli anni noi l'abbiamo ottenuta. Ma questo non elimina tutti i problemi che una causa può portare. Nel penale la responsabilità è personale e in caso di condanna a pagare non è l'azienda ma il singolo giornalista, indipendentemente dalla sua posizione. Nel civile il giudice può decidere di applicare una sanzione pecuniaria all'autore, anche in assenza di manleva. Rischi che corrono tutti i giornalisti dipendenti e regolarmente tutelati. Questo per dire che il primo limite alla libertà d'informazione è il desiderio (legittimo) di evitare le rogne giudiziarie. Poi ci sono i limiti imposti dalla politica, dalle clientele, dalla cultura, dall'autocensura. Quindi se volete discutere di questi fatti, benvenga, ma senza usare strumentalmente casi personali. La Redazione di Report. >>>>tratto dal forum di Report

NADIRinforma