Chi è Online

219 visite
Libri.itIL LIBRO DEI MIRACOLI (IE)RCR ARQUITECTES 1998-2012NIEMEYER (I) #BasicArtFONTANA (I) #BasicArtBERLINO NEGLI ANNI

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Niente da nascondere

ArcoirisTV
2.7/5 (42 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
Le menzogne e la ricerca della verità sulla morte di Federico Aldrovandi.
Un'altro video prodotto dalla Feedback Video in collaborazione con Comitato "Verità per Aldo" sulle vicende legate alla morte diFederico Aldrovandi, morto tragicamente il 25 settembre 2005 a Ferrara.Il video contiene immagini crude e impressionanti, adatte esclusivamente a un pubblico adulto.

Visita il sito: federicoaldrovandi.blog.kataweb.it

5 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


2 Agosto 2007
10:13

Così, in quest'alba triste, nel dopo-Storia, guardo l'affaccendarsi dei generi e degli stili del consumo, ascoltando ex ministri nani che vivono sotto croci alzate nel medioevo, parlare in difesa dei diritti dei più deboli... difendere il loro sacrosanto diritto di uccidere (noi, così forti... arsenali di estintori e di ambulacri ferraresi letali). Eppure, eppure... ragazzetto, non sai, in quanti siamo ad avere lo stomaco stretto sul tuo dolore, il cuore come una porta sfracassata... a volerti così bene, senza averti mai conosciuto.

Eutopyiade

20 Aprile 2006
05:18

una fiaccolata...ma che gente siamo se il fuoco ci spegne?

jump

15 Aprile 2006
19:16

Mi pare, dalla visione del filmato, dalle dichiarazioni, dalle testimonianze, dal succedersi dei fatti, quelli emersi, di capire l'inaudita violenza subita dal giovane Federico. Federico è morto a causa di un intervento di polizia fuori dai limiti di una società civile e democratica. E' morto a causa di intervento poliziesco, che nulla ha in comune con le regole di comunicazione che di solito si dovrebbero applicare in casi come questo. Cioè di giovani in difficoltà che devono essere aiutati e non picchiati brutalmente. Federico come Carlo sono state le vittime, ognuno per situazioni diverse, ma con identico comun denominatore, di repressione poliziesca di stampo fascista, che nulla ha in comune con le tradizioni democratiche del nostro paese e della nostra civiltà.

Lorenzo

13 Aprile 2006
08:30

Non dobbiamo dimenticare. L'omertà può essere sconfitta soltanto in questa maniera.

Luigia Oberrauch Madella

12 Aprile 2006
17:29

Ho bisogno di dirvi che questo video è stato il frutto di una lotta che non finirà presto... Ho scelto un titolo forte per questo video perchè di fronte alla crudeltà e alla violenza perpetrata da quattro poliziotti nei confronti di Federico la politica istituzionale ha saputo mostrare una freddezza incredibile. O forse non è così incredibile? Siamo di fronte all'ennesimo caso di omertà da parte delle istituzioni che non vogliono e non possono mostrare il loro vero volto. Tutti - questura, procura, ministero- a dichiarare all'unanimità che non c'è niente da nascondere. "Già visto" dice Giuliano Giuliani, il padre di Carlo. E chissà cosa penseranno i famigliari delle vittime di piazza Fontana, che da poco hanno visto chiudere il processo su quella strage -di Stato- vedendosi presentare il conto da pagare. Generalizzare è sempre rischioso, ma sono sicuro che la storia di Federico, nella sua enormità, sia una delle tante. Resta a noi reagire a questo pensiero con rabbia o abbattimento, oppure con una nuova e forte voglia di dire "Basta stragi!". Noi di Feedback Video esistiamo per fare informazione vera e ricercare una giustizia giusta. Fate girare questo video e inventatevi sempre nuove forme di lotta! La politica è quello che è, ma non è l'unico modo per impegnarsi! L'autorganizzazione indipendente forse può essere meglio... Un abbraccio, Paolo.

Paolo Bertazza