Arcoiris TV

Chi è Online

102 visite
Libri.itTHE MAGIC BOOKANDO. COMPLETE WORKS 1975TODAYFERRARI - edizione limitataLIVING IN TUSCANY (IEP)LUNGO  IL CAMMINO

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti i filmati di EMERGENCY


1° marzo 2010: primo sciopero degli immigrati

ArcoirisTV
2.8/5 (51 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
NADiRinforma partecipa alla manifestazione in occasione dello sciopero degli immigrati che si è tenuta il 1° marzo 2010 in oltre 60 piazze italiane. Migliaia di persone hanno partecipato pacificamente ai cortei indossando qualcosa di GIALLO, quale colore della protestaCosa succederebbe se i quattro milioni e mezzo di immigrati che vivono in Italia decidessero di incrociare le braccia per un giorno? E se a sostenere la loro azione ci fossero anche i milioni di italiani stanchi del razzismo? La domanda è nata del movimento Primomarzo2010 e ha portato all'organizzazione dello sciopero. Un giorno per far capire quanto vale l’integrazione e quanto contano gli immigrati in Italia. A Milano, Roma, Napoli, Firenze, Bologna immigrati e italiani hanno manifestato "per sostenere l’importanza dell’immigrazione per la tenuta socio-economica del Paese", come ha annunciato il comitato "Primo Marzo 2010 – Una giornata senza di Noi".

Visita il sito: www.mediconadir.it

1 commento


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


12 Marzo 2010
12:48

"una giornata senza noi",questa frase si avverte in modo chiaro all'interno del video.una giornata senza un essere umano immigrato?proviamo a pensare ad una giornata senza gli esseri umani.una giornata in cui si avverte la paralisi del sistema sociale.si invocherebbe senza ombra di dubbio la richiesta di aiuto.Bene perché allora non avere tutti la possibilità di vivere insieme con le proprie diversità?perché non conoscere e allargare la propria cultura e ragione di essere?forse troppo scomodo,forse poco consono allo status del momento?e smettere di credere alle etichette e togliersi fuori da ogni convenzione?ragionare con la propria testa,in base alla propria dignità?ecco forse è questo il problema di fondo.

Giovanna