Chi è Online

133 visite
Libri.itHUNDERTWASSERIL CERVELLO IN 30 SECONDIMICHELANGELO (I)LA CASA DELLE BAMBOLE DI CARTATHE BEAUTIFUL GAME. IL CALCIO NEGLI ANNI

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Mafia, politica e appalti: ne parliamo con Ivan Cicconi

ArcoirisTV
3.3/5 (119 voti)

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
NADiRinforma incontra l'Ing. Ivan Cicconi, esperto di infrastrutture e lavori pubblici. Già direttore di ITACA, presidente del Comitato di sorveglianza della "Stazione Unica Appaltante" della Regione Calabria. Dirigente d'azienda per 25 anni; l'ultimo incarico ricoperto è stato quello di direttore generale di "Nuova Quasco", società a maggioranza pubblica con sede a Bologna. Le nuove frontiere della questione (im)morale italiana. Dal ponte sullo Stretto, alla "truffa" dell'Alta Velocità. Dal cosiddetto "project financing", alla privatizzazione dell'acqua.
In questa intervista Cicconi spiega come è cambiato (in peggio) il rapporto tra politica ed economia dai tempi di Tangentopoli. Con la "Seconda Repubblica" le vecchie tangenti hanno lasciato il posto al sistema delle nomine: la spartizione di posti (e di ricchi "gettoni") nei consigli di amministrazione di gruppi e società, spesso quotate in Borsa. Chi ci rimette, pagando tariffe alte per servizi scadenti, sono i cittadini, spesso inconsapevoli. Cicconi, che dal 2009 collabora con la Rete Ecologista Bolognese, ricostruisce anche il caso Cosentino/Hera SpA.
Intervista a cura di Riccardo Lenzi.

Visita il sito: www.mediconadir.it

1 commento


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


18 Gennaio 2010
20:03

....peccato non ci sia commenti...per i cittadini e soprattutto per noi bolognesi è un servizio molto importante.Ogni situazione che viene vissuta non è mai dichiarata apertamente e con questa intervista riesce facile capire perchè...Il silenzio è ciò che chiude il cerchio della corruzione.

Giovanna