Arcoiris TV

Chi è Online

151 visite
Libri.itNYT EXPLORER. CITIES & TOWNSJULIUS SHULMAN. MODERNISM REDISCOVERED (IEP)AUTORITRATTI (I) #BasicArtPICCOLO VAMPIRODALIE

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Totale: 1134

CONFRONTING THE EVIDENCE - Wiederaufnahme der Ermittlungen zum 11. September.




Eine außergewöhnliche Untersuchung wird von Jimmy Walter vorgeschlagen und finanziert, einer außerordentlichen Persönlichkeit, die ihre Zeit, ihre Nachforschungen und IHR GELD in eine positive und wichtige Sache investiert hat: alles in Frage zu stellen, was man über die tragischen Ereignisse des 11. September 2001 wusste oder zu wissen glaubte. Dieser mutige Dokumentarfilm, der endlich mit italienischen Untertiteln versehen ist, wirft ein neues Licht auf die dramatischen Ereignisse, die jenem dramatischen Tag folgten und stellt neue, aber logische Fragen, die von den offiziellen Stellen und den Medien eher vernachlässigt wurden.
Die Gäste im Studio, Journalisten, Schriftsteller, Politiker und Wissenschaftler verreißen anhand unterschiedlicher Quellen wie z. B. Dokumente und audiovisuelles Material die offizielle Version des 11. September 2001 und werfen ernste Zweifel auf bezüglich der korrekten Behandlung der Informationen durch die Massenmedien, der Beteiligung der wahren Verantwortlichen, der Deckung durch die amerikanische Regierung sowie der aktuellen geostrategischen Entwicklungen weltweit. Dieser Videofilm gibt keine Antworten, sondern möchte nur Fragen stellen, möchte aufzeigen, wie viele Fehler gemacht wurden und dass die Untersuchungskommission des 11. September 2001 eine verwerfliche Inszenierung war.
Wir hoffen, dass die Fragen, die dieser Videofilm aufwirft, dieselben sein werden, die zu einer Wiederaufnahme der Ermittlungen über diesen schrecklichen Tag führen werden. Geben Sie weiter, was Sie hier erfahren und tragen Sie dazu bei, den Verstand und die Urteilsfähigkeit der Menschen wach zu rufen.
Visita il sito: www.reopen911.org

01)Libera stampa in libero stato- Tavola rotonda sull'informazione televisiva

Una discussione sulla Rai e sull'assenza di Petruccioli al convegno con:
Sandro Curzi, Nino Rizzo Nervo, Marco Travaglio, Oliviero Beha, Norma Rangeri, Massimo Fini, Carlo Freccero, Paolo Flores d'Arcais.
Riprese effetuate presso l'incontro organizzato da MicroMega e dall'UNiversità degli Studi Roma Tre dal titolo:
LIBERA STAMPA IN LIBERO STATO
Svoltosi a Roma, sabato 1 ottobre 2005 presso l'Aula Magna della Facoltà di Lettere e Filosofia.

Americas Reaparecidas

Americas Reaparecidas. Il primo esaustivo documentario sull'asse del nuovo antagonismo politico e sociale afro-indio-latinoamericano: da Cuba, dove tutto ha inizio e che per molti è un modello, alla grande rivoluzione bolivariana del Venezuela, al nuovo Brasile tra spinte radicali e cautele riformiste, all'Argentina riscattata dai piqueteros, che rivendica giustizia, dignità, sovranità.
Un quadro completo di avanguardie e movimenti di massa che fermentano in Centro e Sud America e che promettono di costruire il fronte avanzato contro l'imperialismo e, quindi, una speranza per tutta l'umanità.
Per ordinazioni e presentazioni con l'autore scrivete a: visionando@virgilio.it
oppure telefonate al numero +39/06/5896991

Spectacular - Rototom Sunsplash 2005

Spectacular un emergente della nuova scena musicale reggae, arriva al Sunsplash in sostituzione di Pincher. Ha inciso per l'etichetta di Anthony B.
Concerto registrato alla seconda serata dell'edizione 2005 del Rototom Sunplash.
Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Video mesaggio di Luca de Biase

Luca de Biase parla dei biglietti falsi.
Visita il suo sito: blog.debiase.com

Burro Banton - Rotototom Sunsplash 2006

Burro Banton è un deejay quasi leggendario: la sua stentorea voce ha risuonato in centinaia e centinaia di serate inna dancehall style a Kingston negli anni Settanta e Ottanta, ma in quei tempi ha lasciato pochissime testimonianze su disco e l'unico modo per sentirlo era attraverso le 'yard tapes' e cioè le preziose cassette registrate direttamente alle serate. Ispirato da personaggi come Dillinger, Trinity, U Roy e Ranking Trevor, ha esordito a sedici anni nel 1976 ad un contest per nuovi talenti nella famosa yard dello Skateland. Le sue gesta sono proseguite poi con il Roots Unlimited Sound a fianco di Josey Wales e successivamente al Gemini Sound. Divenne poi deejay del maggior sound system del periodo e cioè il Volcano Sound, sound legato all'omonima etichetta. Insieme a Rankin' Toyan, Peter Metro, Little John e Billy Boyo ha sconfitto People's Choice sound quando ancora le sfide erano decise dalla presenza in carne ed ossa dai cantanti e dai deejays. Al mike di People's Choice c'era il suo vecchio compagno Josey Wales: poco tempo dopo la sconfitta anche Josey passerà in forza a Volcano. Proprio Junjo Lawes, proprietario del Volcano Sound e produttore che lancia in quel periodo Barrington Levi e Yellowman produce 'Burro', il debutto del deejay nel 1983: purtroppo è proprio l'enorme successo del deejay albino che fa quasi scomparire tutti gli altri deejays della scena compreso Burro Banton. All'abbandono di Volcano, Burro lavora per un po' con il Stereo Mars Sound e nei primi anni Novanta lascia la Giamaica per New York dove lavora in pianta stabile con Bobby Konders, sound man e produttore per il suo marchio Massive B. Nel 1995 esce su questa label il suo secondo CD 'The original Banton' ed il suo nome è rilanciato alla grande da vari nuovi singoli tra cui il potentissimo 'Boom wa dis', prodotto da Steelie & Clevie sul loro Street Sweeper riddim. Ora Burro Banton incide regolarmente con vari produttori ed è tornato ad esibirsi dal vivo: al Sunsplash arriva con il sound romano One Love Hi Powa.
Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Telejato: la controinformazione che arriva dalla Sicilia

Questo video racconta alcuni pezzi della vita di telejato, un progetto di televisione comunitaria che nasce
nel 1999 con Pino Maniaci, il fondatore.
Un'emittente locale tra le poche in Sicilia a fare della controinformazione.
"Noi siamo liberi di dire quello che vogliamo,ma lasciamo anche gli altri liberi di dire tutto ciò che vogliono."
Un progetto mon amour film.
Visita il sito: www.telejato.it

002)- Deaglio: è iniziata la grande fuga da Berlusconi. E il Diario ricorda Saul Bellow

Dopo la tempesta delle elezioni regionali, è cominciata la transumanza: uomini politici, giornalisti e specie varie di trafficoni stanno già prendendo le distanze dalle sorti di Silvio Berlusconi. Il Diario in edicola approfondisce l'argomento con la rubrica di Furio Colombo, che vede la fuga già iniziata anche nel mondo dei media, e con un'inchiesta sugli ultimi affari e affaretti di Claudio Cirino Pomicino, ex ministro dc, grande ondeggiatore della seconda repubblica, ora corteggiato dalla Margherita...
Ma la copertina è dedicata a un grande uomo, bello di fama e di scrittura: è Saul Bellow, uno dei maggiori romanzieri del Novecento. Scomparso il 5 aprile scorso, il Diario lo commemora, tra l'altro, con un saggio di Alessandro Piperno.
Visita il sito: www.diario.it

13 Variazioni su un tema barocco, Ballata ai petrolieri in Val di Noto



Un film prodotto dal basso grazie al sostegno di 641 coproduttori che hanno finanziato il film con 10 Euro!!!
Noi produciamo dal basso! - Con la gente non con i capitali!

Nel marzo 2004 l'Assessore all'Industria della Regione Siciliana autorizza quattro giganti del petrolio ad effettuare ricerche di idrocarburi in quattro zone differenti della Sicilia. Una di queste è il Val di Noto, nella Sicilia sud-orientale, talmente bello e culturalmente importante da essere inserito nella World Heritage List dell'UNESCO.
Questo film-inchiesta racconta la storia della gente del Val di Noto che da due anni si oppone con determinazione a questo progetto di devastazione.
Un film-inchiesta che agli strumenti giornalistici affianca quelli sensoriali: 13 variazioni di tema su un territorio che deve rimanere Patrimonio di tutti e non bottino di alcuni.
Visita il sito:www.malastradafilm.com/
Sostieni il comitato: www.notriv.it
Firma la petizione contro le trivellazioni:www.petitiononline.com/sicily/


Una nuova produzione dal basso è in corso - DIVENTA COPRODUTTORE: http://www.produzionidalbasso.com/pdb_202.html

Ken Boothe - Rototom Sunsplash 2005

Ken Boothe è uno dei più straordinari cantanti dal passato della storia del reggae: è nato nel 1948 a Kingston ed ha iniziato come cantante sin da giovanissimo in duo con Stranger Cole ai tempi dello ska. Risalgono infatti al biennio 1963-65 i loro primi successi come "Artibella", "World's fair", "Hush" e "All your friends". Con il passaggio dallo ska al rocksteady emerse la calda e profonda vena soul di Ken che registrò materiale straordinario per Studio One tra cui grandissimi brani come "The train is coming", "I don't want to see you cry", "Puppet on a string" e "Moving away".
Acclamato come uno dei migliori cantanti del suo tempo Ken collaborò con la produttrice Sonia Pottinger per un ottimo hit come "Say you" nel 1968. Pur lavorando con altri produttori ed incidendo un buon numero di brani, all'inizio degli anni settanta questo cantante entrò a far parte della scuderia di Leslie Kong arrivando nelle zone alte delle classifiche giamaicane con "Freedom street" e "Why baby why". Oltre che dalla sua voce favolosa ed a doti interpretative superlative il suo successo in quegli anni è dovuto anche al suo bell'aspetto che ne fa un beniamino del pubblico femminile anticipando il successo di cantanti confidenziali come per esempio Gregory Isaacs. Oltre a collaborazioni con produttori come Herman Chin-Loy, Randys, Bunny Lee, Keith Hudson e Phil Pratt, si lega artisticamente per un certo periodo al cantante BB Seaton registrando un album sotto il nome di The Messengers. Il suo successo più clamoroso arriva comunque nel 1974 con "Everything I own", prodotta da Lloyd Charmers: la popolarità di questo brano esce dai confini degli appassionati di reggae ed arriva addirittura in testa alle classifiche pop inglesi nello stesso anno. Lo stesso brano arriverà nuovamente in cima alle classifiche negli anni '80 riproposto dai Culture Club. Nel 1975 Ken Boothe torna nelle classifiche pop in UK grazie a "Crying over you" che arriva all'undicesimo posto. Come tanti altri cantanti Ken stenta a trovare il successo negli anni successivi a causa di un frenetico cambio generazionale che porta alla luce decine e decine di altri cantanti più giovani. Continua comunque a registrare musica ed ad esibirsi fino ai giorni nostri in cui la sua voce vellutata è rimasta praticamente quella di sempre.
Visita il sito: www.rototomsunsplash.com