Arcoiris TV

Chi è Online

203 visite
Libri.itREBECCAFOOD & DRINK INFOGRAPHICS. A VISUAL GUIDE TO CULINARY PLEASURES (IEP)FASHION DESIGNERS A–ZMASSIMO LISTRI. THE WORLDBESTIARIO MEXICANO

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

22 Giugno 2018 08:56

TRUMP è QUI PER RESTARE

38 visualizzazioni - 0 commenti

di Roberto Savio


Donald Trump, 45esimo e attuale presidente degli Stati Uniti, è stato visto in molti illustri ambienti come un'anomalia che non può durare. Bene, è tempo di guardare alla realtà.
Se mettiamo gli occhiali di persone che hanno visto il loro di reddito ridursi e che hanno paura del futuro, Trump è qui per restare, ed è un risultato e non una causa. Nel suo anno e mezzo di governo, Trump non ha perso neanche una delle sue battaglie. Ha cambiato l'attualità politica in tutto il mondo, ha imposto nuovi standard etici, un nuovo significato di democrazia, e le sue basi elettorali non si sono affatto ridotte. I suoi critici sono i media (che non piacciono alla maggior parte degli americani), l'élite (che è odiata) e i professionisti (che sono considerati profittatori a spese della classe medio bassa).
Ora c'è un forte divario con il mondo rurale, le parti deindustrializzate degli Stati Uniti, i minatori, ecc. Inoltre, gli americani bianchi si sentono sempre più minacciati da immigrati, minoranze, corporazioni e industrie che hanno sfruttato il governo a loro vantaggio. Ad ogni elezione il loro numero dei bianchi si riduce del due percento. Non dimentichiamo che Trump è stato eletto dalla maggioranza delle donne bianche, in un paese deve è nato il femminismo.
 So che queste affermazioni potrebbero creare delle reazioni infastidite. Gli Stati Uniti sono la patria di alcune delle migliori università del mondo, dei ricercatori più brillanti come dimostrato dal numero di premi Nobel assegnati, di ottime orchestre, biblioteche, musei, di una vivace società civile e così via. Ma la triste realtà è che quelle élite sono, nel migliore dei casi, non più del 20 percento della popolazione.
Nell'80 percento dei casi, le notizie TV sono l'unica fonte di informazioni sugli affari internazionali. I giornali sono di solito solo locali, ad eccezione di pochi (Wall Street Journal, New York Times, Washington Post, Los Angeles Times, in tutto meno di dieci) e hanno un pubblico di lettori del 35% della popolazione.
Basta viaggiare nell'hinterland degli Stati Uniti per osservare due fatti sorprendenti: è molto raro incontrare qualcuno che conosca anche minimamente la geografia e la storia, e tutti sono convinti che gli Stati Uniti hanno aiutato il mondo intero, di cui nessuno è grato.
Un'inchiesta del New York Times ha scoperto che gli americani erano convinti che il loro paese avesse dato almeno il 15% del budget per il sostegno e la filantropia. In effetti, negli ultimi decenni la cifra reale è stata inferiore allo 0,75%. Allo stesso tempo, ha un numero di istituti di studi internazionali di altissimo livello con brillanti analisti, oltre a un gran numero di ONG internazionali. Ma solo il 34% dei membri del Senato e il 38% dei membri della Camera dei rappresentanti hanno un passaporto.
Il paese è diviso in due. Certo, lo stesso accade in ogni paese, e in Africa o in Asia la divisione tra élite e popolazione di basso livello è ancora più estrema. Ma gli Stati Uniti sono un paese benestante, dove da oltre due secoli sono stati compiuti sforzi sul fronte dell'educazione e dell'integrazione in quello che è stato anche definito il "melting pot", e dove è opinione diffusa che ci sia la migliore - se non l'unica - democrazia al mondo. Trump ha quindi un elettorato facile e succube, composto da forti credenti, e non riusciamo a capirne il perché, se non ripercorriamo la storia della politica americana, che è in realtà parallela alla storia politica dell'Europa. La richiesta di una analisi approfondita che è ciò che manca nei media di oggi, da cui risulta che la recente politica statunitense può essere divisa (molto approssimativamente) in tre cicli storici.
I tre cicli storici
Il primo va dal 1945 al 1981 e ha avuto una classe politica convinta che la priorità era evitare una nuova guerra mondiale. Per questo è stato necessario costruire istituzioni per la pace e la cooperazione, con popoli felici del loro status e del loro destino.
A livello internazionale ciò significava la creazione delle Nazioni Unite, il multilateralismo come modo di negoziare sulla base della partecipazione e del consenso e la cooperazione internazionale come mezzo per aiutare i paesi poveri a svilupparsi e ridurre le disuguaglianze. A livello nazionale, questo doveva essere fatto dando al lavoro priorità sul capitale. Furono creati sindacati forti e nel 1979 il reddito da lavoro rappresentava il 70% del reddito totale. Una tendenza simile si è verificata anche in Europa.
Il secondo ciclo si è svolto dal 1981 al 2009, l'anno in cui Barack Obama è stato nominato presidente. A nome del mondo delle imprese, Ronald Reagan aveva lanciato l'onda neoliberale. Ha iniziato chiudendo il sindacato dei controllori del traffico aereo, e ha continuato smantellando gran parte della rete sociale e di benessere costruita negli ultimi quattro decenni, eliminando le regole, dando libera circolazione al capitale, creando libero scambio senza restrizioni, e così via.
Ciò ha portato alla delocalizzazione delle fabbriche, al declino dei sindacati e alla loro capacità di negoziare e ad una dolorosa riduzione della quota di lavoro nella ricchezza, che è scesa dal 70% nel 1979 al 63% nel 2014 e ha continuato a diminuire da allora .
Disuguaglianze senza precedenti sono diventate normali e accettate. Oggi, un dipendente di Live Nation Entertainment, un'azienda di promozione e biglietteria di spettacoli, che guadagna in media 24.000 dollari all'anno, avrebbe bisogno di 2.893 anni per guadagnare i 70,6 milioni di dollari guadagnati l'anno scorso dal suo AD, Michael Rapino.
Reagan aveva una controparte in Europa, Margaret Thatcher, che smantellava i sindacati, ridicolizzava il concetto di comunità, beni comuni e obiettivi ("... non esiste una cosa come la società, esistono gli individui, uomini, donne e famiglie .. . "), in parte seguita da Gerard Schroeder in Germania. La globalizzazione divenne l'indiscussa nuova visione politica, lontana dalle rigide ideologie che avevano creato il comunismo e il fascismo, responsabili della Seconda Guerra Mondiale. Il mercato avrebbe risolto tutti i problemi e i governi avrebbero dovuto tenere via le mani.
Reagan fu seguito da George H. W. Bush senior, che moderò un po' le politiche di Reagan. Iniziò la guerra con l'Iraq, ma non ha continuato a invadere l'intero paese. E fu seguito da un democratico, Bill Clinton, che non sfidò la globalizzazione neoliberista, ma cercò di cavalcarla, dimostrando che la sinistra (in termini americani) poteva essere più efficiente della destra. Per fare solo un esempio, fu Clinton a completare la deregolamentazione delle banche abrogando la Glass-Steagall Act che separava il risparmio dal settore delle banche di investimento. Ciò ha portato al trasferimento di miliardi di dollari dai risparmi agli investimenti o alla speculazione, con il risultato che oggi le banche considerano l'attività commerciale meno redditizia degli investimenti e la finanza è diventata un settore completamente separato dalla produzione di beni e servizi. Ora ci sono in un giorno 40 volte più transazioni finanziarie della produzione dell'industria e dei servizi, e la finanza è l'unico settore dell'attività umana senza alcun organismo di controllo internazionale.
I mercati sono ora più importanti del voto dei cittadini, dato che in molti casi sono loro che decidono la fattibilità di un governo. Inoltre, questo è diventato un settore senza etica: dalla crisi finanziaria del 2008, le banche hanno pagato una somma enorme di 321 miliardi di dollari in sanzioni per attività illegali.
La convinzione di Clinton che la sinistra potesse avere successo aveva anche la sua controparte in Europa, come Reagan aveva Thatcher. Fu Tony Blair, che costruì un disegno teorico per spiegare la sottomissione della sinistra alla globalizzazione neoliberista: questa era la cosiddetta Terza Via che era, in realtà, una posizione centrista che cercava di riconciliare centro-destra economico e lasciato politiche sociali.
Tuttavia, divenne chiaro che la globalizzazione neoliberale stava di fatto portando vantaggi solo a pochi e che il capitale senza regolamentazione stava diventando una minaccia. Le ingiustizie sociali continuarono ad aumentare e le legioni di persone nella zona rurale sentirono che le città stavano succhiando tutte le risorse e che l'élite li stava ignorando, e i lavoratori disoccupati e la classe media impoverita non sentivano più vecchie lealtà a sinistra, che ora erano considerate rappresentante dell'élite e dei professionisti.
Negli Stati Uniti il Partito Democratico, che aveva anche una visione neoliberale con Clinton, iniziò a cambiare la sua agenda da un approccio economico a quello dei diritti umani, difendendo le minoranze, gli afroamericani e gli immigrati, e sostenendo la loro inclusione nel sistema.
La lotta non era più tra corporazioni e sindacati, e Obama era il risultato di quella lotta, il campione dei diritti umani anche come strumento di affari internazionali. Infatti, mentre aveva un brillante programma sui diritti umani, ha fatto ben poco sul fronte sociale ed economico, oltre alla legge sulla salute nazionale. Ma la sua alleanza di minoranze e bianchi progressisti era un bagaglio personale, che non poteva trasmettere una figura emblematica del potere come Hillary Clinton.
Ciò ha portato a una nuova situazione nella politica americana. Quelli a sinistra cominciarono a vedere la difesa della loro identità (e del loro passato) come la nuova lotta, ora che la divisione tradizionale tra sinistra e destra era diminuita. L'identità religiosa, l'identità nazionale, la lotta contro il sistema e coloro che sono diversi diventano azione politica.
Va sottolineato che lo stesso processo è avvenuto in Europa, anche se in una situazione culturale e sociale totalmente diversa. Quelli lasciati fuori abbandonarono il tradizionale sistema politico per votare per coloro che erano contrari al sistema e promisero cambiamenti radicali per ripristinare le glorie del passato.
Il loro messaggio era necessariamente nazionalista, per denunciare che tutti i sistemi internazionali erano solo a sostegno delle élite, che ne erano unici beneficiari. Doveva anche trovare un capro espiatorio, come gli ebrei negli anni Trenta. Gli immigrati erano perfetti, perché suscitavano paura e percepivano la perdita dell'identità tradizionale, una minaccia in un periodo di grande disoccupazione.
Il nuovo messaggio politico dei nuovi arrivati era quello di dare potere a chi era rimasto indietro, chi aveva paura, chi avevano perso ogni fiducia nella classe politica, e promettere di restituire loro la sovranità, respingere gli intrusi e togliere il potere alle élite tradizionali, i professionisti della politica, per portare persone vere.
Dalla fine della crisi finanziaria nel 2008 - che ha provocato un ulteriore peggioramento della situazione sociale ed economica) - quei partiti conosciuti come populisti hanno iniziato a crescere e ora praticamente dominano il panorama politico.
Negli Stati Uniti, i repubblicani del Tea Party, i legislatori della destra radicale, furono in grado di cambiare il partito repubblicano, spingendo fuori quelli chiamati conservatori compassionevoli perché avevano preoccupazioni sociali. In Europa, i media furono sorpresi nel vedere i lavoratori votare per Marine Le Pen in Francia, ma la sinistra aveva perso ogni legittimità come rappresentante dei redditi più bassi; il cambiamento tecnologico ha portato alla scomparsa delle identità sociali come i lavoratori.
In un periodo di crisi, non c'era possibilità di ridistribuzione. La sinistra si era trovata nel bel mezzo di una crisi di identità e non ne uscirà presto.
Passiamo ora a oggi. Nel novembre 2016, con stupore universale, (e il suo) Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti, e solo quattro mesi dopo, nel marzo 2017, la Brexit è arrivata come un brusco risveglio per l'Europa. Il risentiti e i paurosi andarono alle urne per far uscire la Gran Bretagna dall'Europa. Il fatto che la campagna sia stata afflitta dalle menzogne - riconosciute dai vincitori dopo il referendum - era irrilevante. Chi era contro Brexit? Il sistema finanziario, le corporazioni internazionali, le grandi città come Londra, i professori universitari: in altre parole, il sistema. È bastato questo.
Ho deliberatamente messo insieme gli Stati Uniti e l'Europa (l'Unione Europea) per dimostrare che la globalizzazione ha avuto un impatto globale. Gli Stati Uniti, che erano stati i creatori e i garanti del sistema internazionale, iniziarono a ritirarsi quando Reagan sentì che questo stava diventando una camicia di forza per gli Stati Uniti.
Ciò ha dato inizio al declino delle Nazioni Unite: su iniziativa americana, il commercio è stato sottratto alle Nazioni Unite ed è stata creata l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC). La globalizzazione ha due motori, commercio e finanza, ed entrambi sono ora fuori dalle Nazioni Unite, che è diventata un'istituzione per la salute, l'istruzione, i bambini, la donna e altri settori non produttivi, dal punto di vista del mercato. Non è un caso che Trump ora stia combattendo contro la globalizzazione inventata dagli Stati Uniti e uno dei suoi principali nemici è l'OMC.
Una vecchia massima dice che le persone hanno il governo che meritano. Ma dovremmo anche essere consapevoli che sono stati spinti da una nuova alleanza: l'alleanza della destra alternativa. In tutti i paesi ha lo stesso scopo: distruggere ciò che esiste. Questa rete è alimentata contemporaneamente dalla Russia e dagli Stati Uniti. Gli ideologi americani come Steve Bannon si rivolgono al pubblico europeo per promuovere la fine dell'Unione Europea, con il chiaro sostegno della Casa Bianca. I populisti al potere, come Viktor Orban in Ungheria o Matteo Salvini in Italia (come pure quelli non al potere, come Le Pen) considerano tutti Trump e Vladimir Putin come i loro punti di riferimento. Tali alleanze sono nuove e diventeranno molto pericolose.
E ora veniamo al signor Trump. Dopo ciò che è stato detto, è chiaro perché dovrebbe essere considerato un sintomo e non una causa, mentre la sua personalità sta ovviamente giocando un importante ruolo aggiuntivo. Va notato che non ha perso nessuna battaglia importante da quando è salito al potere. È stato in grado di conquistare completamente il partito repubblicano, che è ora di fatto il partito di Trump.
Nelle primarie per le elezioni di novembre 2017 (per tutti i seggi della Camera dei Rappresentanti e il 50 per cento di quelli del Senato), è intervenuto per sostenere i candidati che gli piacevano e gli avversari hanno sempre perso. Nella Carolina del Sud, la conservatrice Katie Arrington, che vinse contro un avversario molto più forte, Mark Sanford, dichiarò nel suo discorso di accettazione: il nostro partito è il partito di Trump.
Trump sa esattamente cosa pensano i suoi elettori, e agisce sempre in un modo che rafforza il loro sostegno, indipendentemente da quello che fa. È un sessista noto ed è ora coinvolto in uno scandalo con una porno star? Ha trasferito l'ambasciata degli Stati Uniti in Israele a Gerusalemme e ora ha il sostegno degli evangelisti, un gruppo protestante molto grande e puritano che è un'importante fonte di voti. (È interessante notare che Guatemala e Paraguay che hanno deciso di trasferire le loro ambasciate a Gerusalemme sono anch'essi gestiti da evangelisti).
Trump si è rifiutato di rivelare i suoi redditi e le sue tasse, e non si è separato formalmente dalle sue aziende. Negli Stati Uniti, questo è di solito sufficiente per costringere le persone a dimettersi.
Ha rimosso dal suo gabinetto tutti i rappresentanti della finanza e dell'industria che aveva messo al suo arrivo (per essere accettato dalle istituzioni) e li ha sostituiti con falchi di destra, altamente efficienti e non idioti, dal Consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton al Segretario di Stato Mike Pompeo. È riuscito a far eleggere Gina Hastel, una famigerata torturatrice, alla direzione della CIA con i voti dei democratici.
Ha voltato le spalle a un trattato molto strutturato con l'Iran (e altri quattro principali paesi) per stringere un accordo totalmente oscuro con la Corea del Nord, creando problemi con il Giappone, un alleato americano per definizione. Ha deciso di schierarsi con Israele e Arabia Saudita contro l'Iran, perché questa mossa ha il sostegno di un grande settore americano.
Oltre al narcisismo, ciò che muove Trump non sono valori ma soldi. Ha litigato con tutti gli alleati storici degli Stati Uniti e ora sta affrontando una guerra tariffaria con loro, mentre ne inizia una con la Cina, semplicemente sulla base del denaro. Comunque, per quanto discontinuo, Trump non è imprevedibile. Tutto quello che ha fatto, lo aveva annunciato durante la sua campagna elettorale.
Trump crede di non dover rendere conto a nessuno e ha creato un rapporto diretto con i suoi elettori, aggirando i media. Secondo il blog Fact Checker del The Washington Post, che tiene traccia dei numerosi errori, falsità e menzogne di Trump, Trump ha superato le 3000 affermazioni false o fuorvianti nei suoi primi 466 giorni - in media, 6,5 menzogne al giorno. Non importa a nessuno, e pochissimi sono in grado di giudicare.
Quando un presidente degli Stati Uniti annuncia che sta abbandonando il trattato con l'Iran, perché sono il principale finanziatore di ISIS e Al Qaida, la mancanza di reazione del pubblico è la misura della totale ignoranza della maggior parte degli americani.
Gli americani non hanno idea che l'Islam sia diviso tra sunniti e sciiti, e che i terroristi siano sunniti e basati su un'interpretazione estrema dell'Islam, del wahhabismo o del salafismo. Gli iraniani, che non sono arabi, sono sciiti e sono considerati apostati dagli estremisti sunniti; L'Iran ha perso migliaia di uomini nella lotta contro l'ISIS. Questa ignoranza aiuta Trump a conquistare gli elettori repubblicani, qualunque cosa accada.
Il fatto che Trump sappia esattamente ciò che i suoi elettori sentono e pensano alimenta il suo narcisismo. Dopo il suo incontro con Kim Jong-un della Corea del Nord, Trump in una conferenza stampa ha detto dei precedenti presidenti degli Stati Uniti: "Francamente, non credo che abbiano mai avuto la fiducia che hanno adesso in alcun presidente, per fare le cose e avere la capacità di fare le cose ".
Non tollera alcuna critica o dissenso, come ben sa il suo staff. Il risultato è che è circondato da yes-men, come nessun presidente prima. Il suo assistente al commercio, Peter Navarro, ha dichiarato che dovrebbe esserci un posto speciale all'inferno per i leader stranieri che non sono d'accordo con Trump.
Secondo la stragrande maggioranza degli economisti, la guerra tariffaria che ora ha iniziato ora con gli alleati degli Stati Uniti e la Cina ridurrà la crescita in tutto il mondo, ma nessuno reagisce negli Stati Uniti. È tutto irrilevante per i suoi elettori. Ora ha un tasso di fiducia del 92%, il più alto da quando esistono gli Stati Uniti.
Considerando che tutto ciò che ha fatto in meno di due anni contro l'ordine esistente ci porta a considerare che il vero pericolo è che sarà rieletto e lascerà l'incarico solo nel 2024. A quel punto, i cambiamenti di etica e stile saranno diventati davvero irreversibili.
Con molti candidati in vari paesi che guardano a lui come un esempio politico, sarà certamente in grado di cambiare il mondo in cui siamo cresciuti e che, pur con molte colpe, è stato in grado di portare crescita e pace.
È vero che il tradizionale sistema politico ha bisogno di un rinnovamento radicale, e sembra in grado di farlo. Nel frattempo, è difficile prevedere come sarà in grado di vivere senza conflitti un mondo basato sul nazionalismo e la xenofobia - con un forte aumento delle spese militari in tutto il mondo, e molti altri problemi globali dal cambiamento climatico alla mancanza di una politica per la migrazione e un debito globale che raggiungerà il 225% del PIL tra dieci anni.
Quello che sappiamo è che il mondo che è emerso dalla seconda guerra mondiale, basato sull'idea di pace e sviluppo, il mondo che è nelle nostre costituzioni, scomparirà.
La democrazia può essere uno strumento perfetto per la legittimità di un dittatore. Questo è ciò che sta accadendo in vari paesi: Russia, Turchia, Ungheria o Polonia. Un uomo forte vince le elezioni e poi inizia a modificare la costituzione per avere più potere. Il passo successivo consiste nel collocare i compari in posizioni istituzionali, ridurre l'indipendenza della magistratura, controllare i media e così via. A ciò segue poi l'agire in nome della maggioranza, contro le minoranze.
Questa non è una novità nella storia. Hitler e Mussolini furono inizialmente eletti, e oggi molti "uomini di provvidenza" si stanno mettendo in fila.

COMMENTA