Arcoiris TV

Chi è Online

209 visite
Libri.itFRANOISE GILOT. THREE TRAVEL SKETCHBOOKS: VENICE, INDIA, SENEGALTI CURO IO, DISSE PICCOLO ORSOURBAN PIONEERDANIEL KRAMER. BOB DYLAN: A YEAR AND A DAYDARK CITY. THE REAL LOS ANGELES NOIR

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

3 Marzo 2018 19:34

FACEBOOK MI PUNISCE E BLOCCA IL MIO ACCOUNT PER 30 GIORNI

295 visualizzazioni - 0 commenti

di Doriana Goracci


Accade il 2 marzo: "Di recente hai pubblicato un contenuto che non rispetta le normative di Facebook, pertanto ti è stato impedito temporaneamente di usare questa funzione. Il blocco sarà ancora attivo per 29 giorni e 23 ore."E che avrò fatto mai?
Era l'ultimo giorno di propaganda elettorale (che non ho mai fatto, come non ho mai pubblicato parole violente e/o razziste, contenuti e foto volgari) che Facebook blocchiil mio accountin piedi da molti anni e con una discreta rete di persone che mi seguono (più di 5.000) superiore alle amicizie consentite...
Si tratta della pubblicazione sulla mia pagina FB, di una poesia di Andrea Ivaz Melis "Ma dimmi tu questi negri"- che ho ovviamente citato-aggiungendo due video trovati su You tube che recitavano la stessa poesia antirazzista convoce maschile efemminile, e ho allegato anche due foto emblematiche di una donna e un uomo di origini africane.
Mi conoscono e riconoscono un po' tutti quelli che avvertono che chi scrive lo fa per amore della comunicazione, da pensionata che ha più tempo libero per seguire la Rete, l'informazione, le storie di gente vera...Solitamente accompagno i miei post, da una quasi maniacale cura nel legare i riferimenti, le persone citate e con foto che non siano mai aggressive.
Senza alcun preavviso, o suggerimento sia pure deciso..., Facebook mi ha dunque improvvisamente bloccata per 30 giorni, non tenendo in alcun conto di chi io sia e come partecipo con la mia pagina, di cosa era stato pubblicato oltre il titolo della poesia di Andrea Ivaz Melis Segundo che è ricorso anche a una petizione: STOP alla censura della poesia "Ma dimmi tu questi negri" su Facebook
Sono quindi completamente isolata dalle persone amiche, non posso usare neanche messenger per parlare con persone lontane o vicine, non posso mettere un like, aggiungere una foto...esisto ma è come se non esistessi.
Niente di irreparabile o grave ma molto molto fastidioso, dal momento che io stessa ho fatto centinaia di segnalazioni al Team di Assistenza Facebook per persone che mi chiedevano l'amicizia ed erano appartenenti ad organizzazioni criminali per adescamento a sfondo di pishing, appropriazione di soldi, foto a sfondo sessuale, violento, viceversa rimasti tutti tranquillamente in piedi con i loro account...
Credo sia necessario denunciare quanto mi è accaduto, ho peraltro anche inviato una mail a vari indirizzi del Team Facebook, chiedendo l'immediato ripristino della mia operatività Facebook, e se tanto ci tengono rimuovessero pure per sempre la succitata poesia, perchè per quanto mi riguarda lotterò sempre per la libertà e l'uguaglianza, contro ogni violenza e guerra, anche quella apparentemente stupida fatta da eserciti di "segnalatrici e segnalatori nostrani" ben pagati anche da gruppi internazionali di malfattori che ci guadagnano ad usare tutte le armi possibili, anche quelle informatiche.
Come detto tante volte, scherzando seriamente...zitta ci starò da morta.Grazie anche a chi vorrà condividere, comeAgoravox Italia, questa mia denuncia.
Doriana Goracci
chiedo nel possibile la massima diffusione, prendendo come riferimento il blog di giornalismo partecipativo Agoravox Italia dove troverete foto riferimenti video.Grazie
 https://www.agoravox.it/Facebook-mi-punisce-e-blocca-il.html

COMMENTA