Arcoiris TV

Chi è Online

173 visite
Libri.itARTE FLOREALENEW YORK. PORTRAIT OF A CITYEDIFICI E MONUMENTI DAL MONDOGUSTAV KLIMT. TUTTI I DIPINTI1000 CHAIRS. UPDATED VERSION (IEP)

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

Soggetti interessati: utenti sezione "Lettere ad Arcoiris"

In conformità all'art. 13 D.lgs 196/2003 la informiamo che FONDAZIONE LOGOS con sede in Via Curtatona 5/2 - 41126 Modena (MO) - in qualità di Titolare, tratta i Suoi dati per riconoscerla e consentirle di pubblicare le sue opinioni all'interno della pagina http://www.arcoiris.tv/lettere/ nel completo rispetto dei principi di liceità e correttezza e delle disposizioni di legge. Il suoi dati personali saranno trattati con modalità manuali, elettroniche e/o telematiche, attraverso sistemi automatizzati come previsto nell'art. 130 del Codice e mediante l'utilizzo dei cookies (per maggiori informazioni si rimanda alla informativa sito web e cookie disponibile nel sito) nel rispetto delle modalità di cui agli artt. 11, 31 e seguenti del Codice della Privacy e mediante l'adozione delle misure minime di sicurezza previste dal disciplinare Tecnico All.B. Il conferimento dei Suoi dati personali è sempre facoltativo, tuttavia, in mancanza dei dati contrassegnati come "obbligatori" nel sovrastante form, non sarà possibile procedere alla sua iscrizione. I suoi dati saranno conservati dal Titolare e saranno trattati solo dalle categorie di incaricati debitamente autorizzate (per conoscere le categorie contattare il Titolare) e non saranno comunicati all'esterno. I suoi dati non saranno diffusi. Nella sua qualità di interessato Lei gode dei diritti di cui all'art.7 del Codice fra cui il diritto di accedere gratuitamente ai dati, di ottenerne senza ritardo l'aggiornamento o la cancellazione per violazione di legge di opporsi al trattamento dei suoi dati per finalità di informazione commerciale o pubblicitaria.

Il Titolare del trattamento è FONDAZIONE LOGOS con sede in Via Curtatona 5/2 - 41126 Modena (MO) nella persona del legale rappresentante pro-tempore.

Decreto Legislativo n. 196/2003: Art. 7 - Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1.L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:

  • a) dell'origine dei dati personali;
  • b) delle finalità e modalità del trattamento;
  • c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
  • d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
  • e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3.L'interessato ha diritto di ottenere:

  • a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
  • b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
  • c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:

  • a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta,
  • b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

26 Gennaio 2018 10:39

ABUSI, FUORI E DENTRO CASA, LA PAURA

75 visualizzazioni - 0 commenti

di Doriana Goracci

"NON RESTARE MAI SOLA CON TUO PADRE" E poi?
In una recente drammatica, terribile storia di violenza sessuale, fisica e psicologica, c'è un groviglio di donne che tacciono ma qualcosa hanno detto e la maggior parte ha visto di tutto, sopportato di tutto, taciuto quasi tutto.Vogliamo farne una colpa, anche di questo alle donne?
Dal Messaggero: «Sono state dette tante cose non vere: quello che avete detto ieri e l'altro ieri l'hanno portato a questo». Così la moglie dell'uomo trovato suicida questa mattina in seguito alle accuse di presunti abusi sulla figlia 14enne commenta la notizia della morte del marito ai microfoni del Gr1. La donna in lacrime dice di essere «tanto, tanto arrabbiata» e conclude: «non si sapeva ancora se era vero».

http://www.agoravox.it/Abusi-fuori-e-dentro-casa-la-paura.html

Vorrei esprimere la mia, da adulta che è stata figlia come tutti, studentessa come tutti, una che nel '68 aveva 18 anni e zitta non c'è stata mai, come glistudenti di Napoli che vanno per strada e si oppongono alla violenza, vogliono emanciparsi.
Nella vicenda a Cassino c'èun tema in cui una 14enne riesce a raccontare a scuola, alla sua insegnante, di essere stata violentata più volte dal padre. La mamma sapeva,aveva raccomandato alle sue cinque figlie di non restare mai da sole con il padre che aveva già fatto soffrire la figlia più grande, che oggi ha 30 anni.Le raccomandazioni della mamma alle figlie, non sono una supposizione ma quantoviene riportato nell'ordinanza del Gip:«non restare mai sola con il padre».
Può bastare questa atroce minacciosa solitudine a una ragazzina? Perchè non denunciarlo subito? Era colui che portava i soldi a casa? Mi pare che molti li spendesse nel gioco.Le avrebbero tolto le figlie? Non credo. Sarebbe stata aiutata.Mi rendo conto che il giudizio che esprimo è duro e io non voglio parlare di questo avanzo di uomo, la cui definizione di padre è solo uno sbaglio anagrafico...desidero parlare da donna che è stata ragazzina, che poi è diventata madre, che potrei essere nonna, che ascolto e conosco voci di donne da ogni parte mi giri...Angosce ansie piccole felicità speranze in un domani migliore.
Mi dispiace per quelle madri che non trovano il coraggio di denunciare la violenza, non solo su di loro, ma sui loro figli. Non riesco a trovare nessuna possibile giustificazione, anche se si riesce a trovarne decine di giustificazioni. Piuttosto cerchiamo noi una possibile strada perchè questo non accada. Il silenzio è il nemico peggiore, sempre.Fin dai tempi di scuola sono stata invitata dalle peggiori persone al silenzio, zitta a scuola, zitta in chiesa, zitta al lavoro, e poi zitta a casa?
Come può una madre tacere? Una mamma protegge, può invitare a non rimanere sola una figlia con una persona adulta...e non basta. Al minimo segnale di turbamento comportamentale, puoi anche lavorare 10 ore al giorno fuori casa che ti accorgi che qualcosa opprime, turba...Che metti al mondo a fare cinque creature, se non riesci a tutelare neanche te?
Domenica 21 gennaio, sono stata accolta per un intervento a Prima Pagina Rai3 Filo Diretto , proprio su questo caso, ritengo importante intervenire se ne abbiamo la possibilità, non rimanere attoniti di fronte a uno schermo un video una radio.... Speravo di dare valore a quella insegnante che aveva intuito il dramma di questa ragazzina, a Paolo Pisciotta che da anni a Napoli ha aperto la scuola fino a sera tardi ai suoi studenti del tecnico e di agraria, sono dei fari accesi nella notte buia.
L'avvocato della famiglia a Cassino sostiene: "era pur sempre il padre. Si stanno adoperando per un funerale dignitoso. È una situazione surreale" Surreale? C'è solo l'amara realtà dei fatti.
Mi auguro che la stampa possa parlare di quelle straordinarie persone, donne e uomini, bambine e bambini che sostengono la vita e l'amore, con tutti i mezzi, anche poveri mezzi. Diventano grandi, grandi messaggeri di speranza e dignità, aiutando tutti noi a sorridere e non solo piangere su questo sfacelo famigliare. Perchè è pure vero che la porta di casa non chiude fuori tutto il male del mondo.
Liberiamoci, liberiamoli dalla paura.
Da ultimo La violenza ha tante parole, noi vogliamo sentire le tue,
sblocca il coraggio chiama IL 1522
Doriana Goraccivideo foto e riferimenti su http://www.agoravox.it/Abusi-fuori-e-dentro-casa-la-paura.html

COMMENTA