Arcoiris TV

Chi è Online

100 visite
Libri.itOLI ESSENZIALIFOOD & DRINK INFOGRAPHICS. A VISUAL GUIDE TO CULINARY PLEASURES (IEP)LA GALLINA PIRIPIRIBESTIARIO MEXICANOI SEGRETI DEI DIPINTI. I VOLTI DEL POTERE #BasicArt

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

9 Ottobre 2017 08:28

CESARE BATTISTI: CHI L'HA VISTO?

225 visualizzazioni - 0 commenti

di DORIANA GORACCI


Io nel 2004 non sapevo assolutamente chi fosse Cesare Battisti ma mi avventurai solerte a firmare unappello per la sua liberazione, ero tra le prime 1500 firme, in cui si diceva:"Lo scrittore Cesare Battisti, rifugiato politico a Parigi, è stato arrestato dalle forze di polizia francesi il 10.2.04, ed è trattenuto in carcere in attesa di estradizione. Protestiamo contro questo scandalo giuridico e umano, e chiediamo l'immediata liberazione di Battisti." Mi bastò.

Non mi basta oggi che avevo scordato di aver posto quella firma con tanta leggerezza,e non perchè avesse un peso che la mia non conta niente tra tanti intellettuali e politici  che l'arricchirono. Oggi ho voluto capire meglio chi fosse e leggoda wikipedia: "Cesare Battisti (Cisterna di Latina, 18 dicembre 1954 è un ex terrorista e scrittore italiano.È noto principalmente per un caso giudiziario internazionale. Già membro del gruppo Proletari Armati per il Comunismo, è stato condannato in contumacia all'ergastolo, con sentenze passate in giudicato, per quattro omicidi, due commessi materialmente, due in concorso con altri, secondo la legislazione d'emergenza degli anni di piombo, oltre che per vari reati legati alla lotta armata e al terrorismo. Egli afferma la propria innocenza per quanto riguarda gli omicidi, oltre ad aver richiesto una soluzione di amnistia per il periodo 1969-1990.Dagli anni '90 si è dedicato alla letteratura, ottenendo un discreto successo con romanzi noir e ispirazione autobiografica. "
E' un po' diverso.

Continuando nell' acquisire infomazioni biografiche, ne trasmetto della sua prima parte: "Cesare Battisti nacque a Cisterna di Latina, ma crebbe nella vicina Sermoneta; la sua era una famiglia di estrazione contadina e operaia, con tradizioni comuniste...Da adolescente si iscrisse al Partito Comunista Italiano e fece parte della FGCI, il gruppo giovanile del PCI, ma ne uscì poco dopo. Nel 1968 si iscrisse al liceo classico, ma già nel 1971 abbandonò la scuola. Fu quindi protagonista di una fase giovanile piuttosto burrascosa, segnata da atti di teppismo e di piccola delinquenza, che lo segnalarono più volte all'attenzione delle forze dell'ordine; venne infatti arrestato due volte per rapina.Battisti fu per la prima volta arrestato nel 1972, per una rapina compiuta a Frascati. Nel 1974 venne nuovamente tratto in arresto per una rapina con sequestro di persona compiuta a Sabaudia ma non scontò la pena. Venne denunciato anche per essere scappato in albergo con due ragazze di 16 e 13 anni (lui all'epoca ne aveva 20), ma non venne condannato.Dopo aver raggiunto la maggiore età, nel 1977 fu arrestato per aver aggredito un Sottufficiale dell'Esercitomentre svolgeva il servizio militare, e quindi rinchiuso nel carcere di Udine dove entrò in contatto con Arrigo Cavallina, ideologo dei Proletari Armati per il Comunismo, che lo accolse nell'organizzazione; nei PAC era presente anche Pietro Mutti, futuro aderente a Prima Linea, poi collaboratore di giustizia e principale accusatore di Battisti e di altri, e sulla cui testimonianza si basa la quasi totalità delle condanne comminate.In base a questa sua politicizzazione, descrisse le rapine precedenti come espropri proletari, compiute secondo la prassi e l'ideologia dei gruppi armati dell'epoca."
Non vado avanti perchè non sta a me stabilire se fosse vera la sua innocenza in merito a 4 omicidi di cui 2 in concorso con altri. Non sta a me esprimere un giudizio sulla sua latitanza, sui reati prescritti, sulle colpe o i meriti, sulle scarcerazioni,espulsioni e fughe.
Mi compete scusarmi, perchè in quel 2004 non ho pensato bene a prendere distacco da un invito a sottoscrivere un appello: usavo ancora poco internet e ho preso per buone tante notizie.

Di sicuro, rimane in piedi il mio infinito distacco da ogni forma di violenza, tantopiù armata, contro la guerra.Io Cesare Battisti, non l'ho mai visto e neanche ci tengo a vederlo e conoscerlo meglio. Preferisco dedicare la mia attenzione ad altre persone.
Doriana Goracci
https://www.agoravox.it/Cesare-Battisti-chi-l-ha-visto.html

COMMENTA