Arcoiris TV

Chi è Online

87 visite
Libri.itN.195 CARMODY GROARKE (2009-2018)THE DOG IN PHOTOGRAPHY 1839TODAYIMPRESSIONISMO (I) #BasicArtN.194 BRANDLHUBER+ (1996-2018)AUTORITRATTI (I) #BasicArt

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

Linvio della "Lettera ad Arcoiris" richiede linserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

2 Ottobre 2017 10:13

FIGLIO MIO IN FONDO AL MARE HO VISTO L'ORRORE E PIANGO ANCORA

303 visualizzazioni - 0 commenti

di Tonio Dell'Olio


Da "la Repubblica" del 1 ottobre 2017 Il maggiore Renato Solustri, cheoggi ha 56 anni, è il comandante dei carabinieri subacquei di Roma che con isuoi uomini riportò a galla i cadaveri rimasti prigionieri nel barconeaffondato davanti a Lampedusa il 3 ottobre 2013. All'epoca, subito dopo averfinito il suo lavoro, scrisse questo messaggio via Facebook al figlio. 
Ciao Tommy, siamo appena usciti dall'acqua. Questa mattina ci siamoalzati molto presto perché il mare è piatto e ci permette di lavorare in sicurezza.Ne mancano all'appello 3 e, su 517, è un successo anche se, si parla sempre divite umane. È molto strano che un padre scrive al proprio figlio tramite mex o,in questo caso, tramite Fb. Un tempo c'erano le lettere e le cartoline. Questoera un modo molto più affascinante di comunicare, anche se, la rispostaarrivava almeno dopo una settimana! Come sai, mi sento molto spesso con lamamma. I primi due giorni è stato terribile: ho mandato sms anche a lei perchénon riuscivo a parlare dalla commozione. Ti chiedo scusa per non aver provato afare una chiacchierata con te ma, avresti sentito un papà singhiozzare senzaspiccicare una parola. Mi rode il fatto di aver dovuto recuperare decine diragazzi della tua età, che scappavano da una nazione dove il loro futuro erasolamente la morte. Sono ragazzi che non potranno mai giocare alla Play o avereun cellulare "figo" o magari, andare a vedere un film con amici. Non potrannomai più sentire le risate di gioia tantomeno, le congratulazioni per aver presoun bel voto a scuola. Non sentiranno nemmeno la stretta delle braccia dellamamma... come quella stretta che stava dando una mamma al suo bambinoall'interno della cabina del peschereccio. Sai una cosa, mi viene da sorriderequando, ogni volta che stiamo per qualche giorno lontani, ci abbracciamo tuttie tre e ci diciamo: «... la mia famiglia...». Solo ora riesco a capirel'importanza di queste semplici parole. Camminiamo per le strade di Lampedusae, i superstiti al naufragio, ci salutano e ci chiamano eroi. Non credo aquest'ultima parola ma, di certo, vedo nei loro sorrisi, la speranza che deveavere obbligatoriamente qualsiasi ragazzo della tua età. Vabbè, ti lascio allatua giornata. Torno a casa il 16. Mi raccomando, non perdiamo la tradizione delnostro abbraccio e, della nostra straordinaria frase «la mia famiglia». Tivoglio bene. Papà
 http://www.mosaicodipace.it/mosaico/i/3053.html

COMMENTA