Arcoiris TV

Chi è Online

78 visite
Libri.itFOOD & DRINK INFOGRAPHICS. A VISUAL GUIDE TO CULINARY PLEASURES (IEP)LA MENTE DEL FOTOGRAFO - nuova edizione aggiornataTI CURO IO, DISSE PICCOLO ORSOCHAGALL (I) #BasicArtTHE DOG IN PHOTOGRAPHY 1839TODAY

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

28 Settembre 2017 10:39

LUCI E OMBRE DEL CODICE ANTIMAFIA

209 visualizzazioni - 0 commenti

di Tonio Dell'Olio


Dopo un iter durato quattro anni, finalmente ieri è stato approvata la riforma del Codice Antimafia che contiene importanti cambiamenti e provvedimenti. Riguardano soprattutto la gestione e l'uso dei beni confiscati alle mafie e in particolar modo delle aziende. Era troppo frequente il caso in cui un'azienda, dopo essere stata sequestrata ad un mafioso, non era poi in grado di riprendere la produzione con conseguente perdita di posti di lavoro e l'affermazione dei lavoratori: "Stavamo meglio con la mafia!". Una sconfitta per lo Stato che speriamo sia stata superata. Quello che non riesco a comprendere è come sia possibile che una parte considerevole dell'emiciclo si opponga a una misura per la quale anche ai corrotti vengano confiscati i beni così come ai mafiosi. Questa norma venne bocciata già nel 1996, quando Libera raccolse un milione di firme e la chiedeva insieme alla destinazione sociale dei beni confiscati e ha trovato una forte opposizione anche ieri, tant'è che più di uno degli attenti osservatori sono convinti che quella norma che delega il governo alle verifiche e agli aggiustamenti del Codice sia destinata proprio a correggere quell'articolo del Codice. Insomma, quell'opposizione non fa altro che alimentare quell'antipolitica che pensa e dice che ci siano parlamentari preoccupati del proprio destino. E dei propri beni. Come diceva un altro statista di provata fama: "A pensar male non sta bene, ma tante volte ci si azzecca".


http://www.mosaicodipace.it/mosaico/i/3053.html

COMMENTA