Arcoiris TV

Chi è Online

153 visite
Libri.itMASSIMO LISTRI. THE WORLDAIRES MATEUS 2002-2018LUCIALEROY GRANNIS. SURF PHOTOGRAPHY (IEP)THE DOG IN PHOTOGRAPHY 1839–TODAY

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lingua: FRANCESE

Totale: 133

WSFDakar 2011: opening march

6 Febbruary 2011 - The opening march of the world social forum in Dakar gathered more then 30 thousand people, from 123 countries.Women, small farmers , fishermen, homeless, migrants, activists from all over Africa and the rest of the world walked through the capital of Senegal, from the Mosque to the University where the Forum takes place.Women chanting "No violence, no violence" marched together with farmers of Via Campesina. Bolivian president Evo Morales marched as well.

Visita il sito: www.wsftv.net

FSMDakar2011:Dakar's Communication Commission ready for the World social forum

Interviste con i volontari Ignatienne Habimana, Tidiane Kasse coordinatore generale della comunicazione della Commissione di Dakar e Hyppolite Dossou - Yovo Panos Institute Africa occidentale Dakar, ci parlano gli ultimi preparativi per organizzare la comunicazione e dei media per il forum.

Visita il sito: www.wsftv.net

FSMDakar2011: tvspot

spot realizzato dalla commissione comunicazione del WSF Dakar 2011 e DJAwadi creative factory, per il lancio del prossimo Forum Sociale Mondiale che si terrà in Senegal i prossimi 6-11 Febbraio 2011.Altro su: WSF - Dakar 2011

Visita il sito: www.wsftv.net

Caravan to Dakar WSF 2011

Il 25 Gennaio dopo che il gruppo dei "sans papiers", dalla Francia e l'ultimo gruppo di attivisti tedeschi è arrivato ha avuto luogo la prima grande assemblea dei 230 attivisti provenienti da Mali, Congo, Francia, Spagna, Paesi Bassi, Germania, Austria.

Visita il sito: fsm2011.org

Sul sentiero per Dakar world social forum 2011 - Atchaka Tamadaho Emilie- Benin

Madame Atchaka Tamadaho Emilie parla della situazione nel suo paese e l'importanza del forum in Africa, anche perché uno degli assi principali sarà la diaspora, la diaspora che ha fatto del Benin uno dei porti principali delle migrazioni forzate da cui la schiavitù ha avuto luogo.Intervista realizzata da: Focuspuller con Ciranda e E-Jossour Maroc . "Shared coverages for Another Possible World"

Visita il sito: www.worldsocialforum.info

Sul sentiero per Dakar world social forum 2011 - Samir Sabi - Togo

Samir Sabi di Attac Togo parla del processo di movimento sociale in Africa.Intervista realizzata da: Focuspuller con Ciranda e E-Jossour Maroc . "Shared coverages for Another Possible World"

Visita il sito: www.worldsocialforum.info

Les Contes d'Hoffmann (I racconti di Hoffmann ) Seconda parte

Opera incompiuta del compositore Jacques Offenbach, su libretto di Jules Barbier dall'omonimo romanzo. La vicenda, incorniciata da un prologo e un epilogo, deriva da un lavoro teatrale del 1851 nel quale il poeta E.T.A. Hoffmann, protagonista di alcuni dei suoi stessi racconti, attraversa tre storie d'amore: l'infatuazione per una bambola meccanica, l'amore puro ma contrastato per una cantante e la frivola passione per una cortigiana. Da questo percorso verso il declino morale, il poeta potrà riscattarsi solo attraverso l'arte. PERSONAGGI ED INTERPRETI:HOFFMANN - Manrico Tedeschi, tenoreOLIMPIA - Niki Chaziraki, sopranoANTONIA - Emiljana Palushaj, sopranoGIULIETTA - Eriona Gjyzeli, mezzoLINDORF, COPPELIUS, DAPERTUTTO, MIRACLE -Armando LikajNICKLAUSSE - Vikena KamenicaOrchestra e Coro del Teatro dell'Opera di Tiranadirige Andre Bernardregia - Stephane Rochescenografia - Nicolas de LajartreGuarda la prima parte

Les Contes d'Hoffmann (I racconti di Hoffmann ) Prima parte

Opera incompiuta del compositore Jacques Offenbach, su libretto di Jules Barbier dall'omonimo romanzo. La vicenda, incorniciata da un prologo e un epilogo, deriva da un lavoro teatrale del 1851 nel quale il poeta E.T.A. Hoffmann, protagonista di alcuni dei suoi stessi racconti, attraversa tre storie d'amore: l'infatuazione per una bambola meccanica, l'amore puro ma contrastato per una cantante e la frivola passione per una cortigiana. Da questo percorso verso il declino morale, il poeta potrà riscattarsi solo attraverso l'arte. PERSONAGGI ED INTERPRETI:HOFFMANN - Manrico Tedeschi, tenoreOLIMPIA - Niki Chaziraki, sopranoANTONIA - Emiljana Palushaj, sopranoGIULIETTA - Eriona Gjyzeli, mezzoLINDORF, COPPELIUS, DAPERTUTTO, MIRACLE -Armando LikajNICKLAUSSE - Vikena KamenicaOrchestra e Coro del Teatro dell'Opera di Tiranadirige Andre Bernardregia - Stephane Rochescenografia - Nicolas de LajartreGuarda la seconda parte

CLOC Campesina - Victor Nzuzi

Victor Nzuzi è un coltivatore ed attivista, e membro di Via Campesina, del Congo.Nonostante minacce di morte ricevute, ha lottato per il debito assistenziale nel suo paese, sfidando il governo, società multinazionali, istituzioni finanziarie ed internazionali e governi stranieri.Parla dell'impatto di capitalismo nel Congo, e come il consumismo e le società multinazionali che l'alimentano, sta saccheggiando le risorse del suo paese e le persone costrette ad emigrare in Europa. Chiede un sistema nuovo per sostituire il capitalismo selvaggio.

Visita il sito: www.wsftv.net

L'atelier TOKAPU (El Taller Audiovisual Tokapu)

L'atelier TOKAPU c'est déroulé à Villa El Salvador, à la périphérie de Lima au Pérou, d'octobre 2004 à juin 2005. Il visait à réunir de jeunes issus de l'immigration andine autour d'une réflexion collective sur l'image et l'identité.Il s'agissait pour les participants de se réapproprier leur histoire, leur quartier et leur identité, en rompant avec un ensemble de stéréotypes sociaux qui leur collent à la peau en raison de leur origine andine et de leur quartier de résidence, que les médias caractérisent par la violence et la drogue. L'idée était de réfléchir à l'image que la société se fait de leur communauté, de revaloriser son identité et, en recourant aux outils de communication cinématographique, de modifier cette représentation sociale. Cette première expérience à donné lieu à 8 documentaires.L'atelier TOKAPU aspire à se développer en tant que centre autonome de création audiovisuelle des populations immigrantes. La première initiative à été financée par l'Unesco, réalisée avec l'Association Cultuelle Intégration Ayllu-Wari et encadré par Elif Karakartal, cinéaste-documentaliste française.

Réalisation : Sergio Medina
Production : CdS Producciones
Suisse 2006
regarde: www.filmaramlat.ch

Visita il sito: www.correodelsur.ch