Arcoiris TV

Chi è Online

321 visite
Libri.itLO STRUFFALLOCERO BLU DIAN HANSONLIVING IN PROVENCEFORCHE, ROGHI E GHIGLIOTTINEWALT DISNEY

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti i filmati inviati da eustachio79

Totale: 74

NAPOLI PRIDE 2010 - Certi Diritti vi invita a partecipare il 26 giugno 2010

Invito dell'Associazione Radicale Certi Diritti in LIS (lingua italiana dei segni), rivolto a tutti - sordi e non - a partecipare insieme al gay pride nazionale che si terrà a Napoli il 3 luglio 2010.

Siete tutti invitati! Scriveteci e partecipate insieme a noi!

"Care e cari amici,
sabato 26 giugno anche l'Associazione Radicale Certi Diritti parteciperà al Gay Pride nazionale che quest'anno si terrà a Napoli. Vi invitiamo a partecipare e a organizzarci insieme per partecipare a questo importante evento. Preannunciateci la vostra partecipazione, così ci organizziamo meglio.
e-mail: info@certidiritti.it

MI SCUSI PRESIDENTE - manifestazione CGIL contro manovra finanziaria

manifestazione indetta dalla CGIL contro la manovra finanziaria iniqua del governo per affrontare la crisi... 25 miliardi di euro chiesti agli italiani, penalizzando il wellfare, ma non toccando tanti altri settori non essenziali.

Visita il sito: www.youtube.com

G.A.Y. Good as You 2 - 3° puntata - LE FAMIGLIE ARCOBALENO

In Italia oltre 100.000 bambini vivono con almeno un genitore gay, il 49% delle coppie omosessuali desidera avere un figlio, l'omogenitorialità è un fenomeno che sta esplodendo nei paesi occidentali, è l'ultimo traguardo del fenomeno di emancipazione degli omosessuali nella società, ovvero la famiglia gay.Oramai nel 2010 anche se in Italia la politica e le istituzioni continuano a polemicizzare con battaglie demagogiche e ideologiche sul concetto di famiglia, naturale, tradizionale, contro natura ,artificiale etc etc, i figli degli omosessuali italiani sono già arrivati a frequentare le medie ed i loro genitori per farsi ascoltare e far conoscere il loro problemi hanno fondato l'associazione nazionale FAMIGLIE ARCOBALENO. Un'associazione di genitori di omosessuali e aspiranti tali che hanno creato una rete nazionale atta a socializzare, creare cultura ed informazione sull'omogenitorialità, assistenza ad aspiranti futuri genitori, auto legale e soprattutto una voce per far arrivare fino in parlamento le loro esigenze.Domenica 23 maggio 2010 famiglie arcobaleno organizza in contemporanea in tutta Italia dei micro pride, eventi di visibilità nei giardini pubblici delle loro città per presentarsi ai cittadini e vivere tutti insieme una bella domenica al parco.sono andato a trovarli a villa Ada a RomaVisita il sito: www.famigliearcobaleno.org

Visita il sito: www.youtube.com

QUEER (censura) IN ACTION !!! 8 giugno 2010

Un luogo comune, ripetuto sino allo sfinimento da coloro che sono contrari all'adozione da parte di coppie gay e lesbiche -- accanto a quello che vuole che un bambino debba avere un padre e una madre altrimenti cresce male -- è quello che la società non è ancora pronta, che l'adottato si troverebbe a dover subire umiliazioni e canzonature di ogni genere da parte dei compagni di banco e discriminazioni da parte degli adulti. Su questa falsariga si muovono i più grandi pensatori attualmente viventi, dalla Ferilli a Rosy Bindi, passando per le teorie scientifiche di Lorella Cuccarini fino al primo dei tronisti della De Filippi e all'ultimo dei nostri orridi parlamentari.La morale della favola è semplice: siccome la società è una merda, allora invece di migliorarla facciamo in modo che gay e lesbiche non possano esercitare il diritto alla genitorialità. Un po' come dire, nel Sud Africa degli anni ottanta, che siccome i bianchi erano razzisti era meglio che i neri non reclamassero o esercitassero i loro diritti. Anche quella società, a ben vedere, non era pronta...Faccio questa premessa per tentare di spiegare un fatto diverso nella sostanza, ma non nella dinamica.A partire da stasera a Roma, e più precisamente alla Sapienza, si sarebbe dovuta svolgere una rassegna di film a tematica GLBT: Queer in Action. Il rettore, tuttavia, ha deciso di annullare l'evento. Le motivazioni? Dapprima per i mancati permessi -- e qui il rettore dovrebbe spiegarci come fai ad annullare qualcosa alla quale non hai mai acconsentito -- quindi è emersa la verità. Parrebbe che organizzazioni di estrema destra abbiano promesso legnate agli avventori della rassegna. Il magnifico rettore Frati, dal canto suo, ha dato un segnale forte e inequivocabile: ha annullato l'evento. Dando, di fatto, ragione a chi, sempre per supposizione, voleva picchiare gay, lesbiche, trans e eterosessuali (si, anche loro) che si fossero avventurati a vedere le pellicole.Tradotto: si reclama o esercita un diritto, arriva lo stronzo di turno che vuole discriminarti per l'esercizio del diritto in questione -- adozione o visione di un film poco importa -- e invece di risolvere il problema, si abolisce il diritto stesso.La sapienza, il cinema gay, le botte dei fasci e il rettore come la CuccariniE a morale di tutto, mi limito a dire che non so cosa sia più preoccupante e cioè se ancora oggi possa esistere gente che minaccia la tua integrità fisica e morale per questioni siffatte o che il rettore di una delle più prestigiose università italiane e del mondo dimostri di avere lo stesso spessore intellettuale di una show-girl.

Visita il sito: www.youtube.com

ISC Istituto di sessuologia clinica di Roma

L'istituto di Sessuologia Clinica é un'Associazione scientifico-culturale, senza fini di lucro e con sede centrale in Roma, che si occupa di clinica, ricerca e formazione in ambitomedico e psicologico. Il centro si avvale della collaborazione di diversi specialisti (psicologi, sessuologi, andrologi, ginecologi, endocrinologi, psichiatri e psicoterapeuti) che lavorano in équipe secondo un approccio integrato. L'Istituto di Sessuologia Clinica e la Scuola di Formazione in Sessuologia di Roma aderiscono alla WAS (World Association of Sexual Health), alla EFS (European Federation of Sexology) ed alla FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica). In particolare con questa ultima ha promosso l'elaborazione, la discussione e la diffusione del codice deontologico per gli operatori nell'ambito della sessualità umana.

Visita il sito: www.youtube.com

FORUM ITALIANO DEI CRISTIANI OMOSESSUALI

Per un cristiano cattolico Romani, l'omosessualità è un peccato grave, secondo il vaticano l'omosessuale può essere accettato solo se rinnega la sua natura e rifiuta la cultura gay.Un'atteggiamento in netto contrasto con se stesso, che alimenta l'ipocrisia e la politica del "dont' say e don't tell".Ma in Italia gli omosessuali sono moltissimi, rappresentano più di 5 milioni di persone e sono una minoranza enorme, molti di loro sono anche cristiani, come riescono a conciliare il loro essere gay con la loro fede?A fine marzo 2010 si è svolta presso Albano laziale il forum italiano delle associazioni omosessuali cristiane, una vera e propria realtà LGBT, indipendente ma che comunque aperta al resto del movimento che rappresenta una vera e propria rivoluzione della nostra società.

Visita il sito: www.youtube.com

UNA CHIESA DIVERSA - 22 maggio 2010

Una chiesa diversa, una chiesa che non fa differenze... in occasione dell'ordinamento della prima donna sacerdote in Italia , vi presento una chiesa, quella vetero cattolica, che non discrimina.Qui sotto l'articolo de Il Messaggero riferito all'evento:Maria Vittoria Longhitano, siciliana, 35 anni, sposata da quattro, è la prima donna sacerdote italiana. Da domani dirà messa e darà la comunione nella parrocchia vetero-cattolica di Milano. E' stata ordinata con una solenne celebrazione nella chiesa anglicana All Saints, nel centro di Roma, alla presenza del vescovo Fritz-Renè Muller, delegato per l'Italia della Conferenza Episcopale internazionale dell'Unione di Utrecht, a cui si rifà la Chiesa vetero-cattolica, in dialogo ecumenico con il Vaticano ma di fatto in comunione con la chiesa anglicana. La piccola comunità crede nei sette sacramenti ma non riconosce l'assoluta infallibilità del papa e non obbliga al celibato i propri sacerdoti. E, in contrasto con quanto prescritto dalla Chiesa di Roma, permette anche ad una donna di vestire l'abito talare. "Ho aperto la strada, cattolicità vuol dire universalità e senza donne è mutilata" sono state le prima parole della raggiante ed emozionata neosacerdote. La Longhitano, da diacona, "si è distinta per la sua attenzione ai malati e ai bisognosi», ha ricordato il vescovo esortandola a svolgere «il ministero di Dio con umiltà», compito che la prima donna prete assolverà - ha assicurato - con «un po' di paura» iniziale ma soprattutto «con senso di responsabilità». Per i vetero-cattolici ricevere la comunione dalle mani di una donna non è una novità. In Italia c'è la presbitera madre Teodora Tosatti, ordinata prima della Longhitano ma non in Italia. In altri Paesi europei, come Germania e Olanda, le donne prete sono invece numerose. Del resto, quello del sacerdozio maschile non è l'unica regola vaticana negata dalla confessione vetero-cattolica, fedele ancora alla Chiesa del primo millennio e indipedente dalla Santa Sede dal 1873. La struttura ecclesiale dei vetero-cattolici si rifà all'Unione di Utrecht, fondata nel 1889 da un'intesa di tutte le chiese vetero-cattoliche nazionali. Forte è invece la comunione con la comunità anglicana che, in occasione dell'ordinazione della Longhitano, ha prestato la chiesa di All Saits, più adatta ad ospitare una celebrazione dal forte impatto mediatico. Il clamore della stampa non ha intimidito la neosacerdote, convinta anzi che «l'Italia ha una base popolare pronta ad accogliere un ministero femminile». Per il quale nessuno ha storto il naso, neppure nella sua terra d'origine, la Sicilia dove «la domanda che mi viene posta ora è: Noi cattolici romani perchè non abbiamo la gioia di avere donne prete?». La Longhitano domani a Milano celebrerà la sua prima messa all'aperto, nel giardino antistante la parrocchia. Mentre oggi, nel giorno della prima donna sacerdote, è tornata a suonare l'organo in un luogo di culto Luana Ricci che, dopo anni passati a dirigere il coro del Duomo di Lecce, fu allontanata dalla curia quando decise di cambiare sesso. «È una giornata che deve far riflettere tutti» ha detto l'organista, all'anagrafe Marco della Gatta.Fonte: www.ilmessaggero.it

Visita il sito: www.youtube.com

DDL INTERCETTAZIONI - Presidio del Popolo viola a Montecitorio

Roma -31-05-2010Nei giorni in cui è in discussioni il DDL intercettazioni che mira a censurare ed imbavagliare , giornalisti liberi cittadini stampa ed informazione, i militanti del popolo viola tornano a presidiare Piazza Monteciotrio fino al 10 Giugno.Ancora Attacchi alla libertà di stampa e di espressione, ancora una volta il governo tenta di impedire che la gente sappia, tenta di togliere gli strumeti che hanno permesso negli ultimi recentissimi mesi di far emergere alcuni tra più grandi scandali politici della nostra storia recente.comincia il presidio, mi sono recato al montecitrio per chiedere ai volontari del popolo viola, cosa pensano di questa legge e come muoversi, per informare la gente.

Visita il sito: www.youtube.com

SI RICOMINCIA !!! fiaccolata ANTI-omofobia 30-05-2010

A roma sta per cominciare una Nuova estate, ed ecco che ritornano nuovi episodi di violenza nei confronti de ragazzi omosessuali proprio l'ultima settimana di Maggio l'ultimo caso che ha fatto riesplodere l'indignazione e la rabbia della comunità LGBT romana, ecco che riscendiamo in piazza, per chiedere ancora una volta giustizia, per chiedere interventi delle istituzioni, per chiedere la legge che ancora è negata.

Visita il sito: www.youtube.com

G.A.Y. Good As You 2 - 2a puntata - ROMEO

Da un paio di anni nel palinsesto della radio universitaria di Verona, c'è un programma che tratta dettagliatamente le tematiche LGBT, ho avuto modo di scoprirla l'anno scorso e sono felicissimo di poterci dedicare una puntata. Sebastiano e Riccardo sono stati molto bravi nell'intervistarsi e raccontare per me la loro storia e quella di Rome in Love, la trasmissione che appunto portano avanti dal 2008.

Visita il sito: www.youtube.com