Arcoiris TV

Chi è Online

295 visite
Libri.itFRANOISE GILOT. THREE TRAVEL SKETCHBOOKS: VENICE, INDIA, SENEGALGIGER (I) #BasicArtPACKAGE DESIGN BOOK 5BUILD YOUR OWN HUMAN SKELETON  LIFE SIZE!DALIE

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti i filmati inviati da Tommaso D'Elia

Totale: 10

La pedata di dio

un film di Tommaso D'Elia, Silvia Bonanni, Daniela Preziosi. Saldare il cielo con la terra, il Vangelo e la Costituzione, la condivisione con il popolo della strada, con le famiglie delle vittime di mafia, le battaglie per la confisca e il riutilizzo sociale dei beni della criminalità, per le testimonianze di legalità, per i diritti degli ultimi,Un viaggio sulle strade del Gruppo Abele e di Libera, accompagnati dal loro fondatore Don Luigi Ciotti.regia Tommaso D'Elia. Aiuto regia Silvia Bonanni. Testo e voiceover Daniela Preziosi. Montaggio Simone Pallicca. Fotografia Tommaso D'Elia, Silvia Bonanni, Ugo Adilardi. Produzione Arcoiris tv. NESSUN DIRITTO RISERVATO. Questo documentario può e "deve" essere divulgato, riprodotto, distribuito, regalato, esposto, rappresentato in pubblico ecc.ecc. senza nessuna limitazione.

Rototom Sunsplash 2010 Promo

Quest'anno il Rototom Sunsplash si svolgerà in Spagna, a Benicassim dal 21 al 28 Agosto.Una nuova location per una nuova avventura a base di reggae, mare, sole e unity. Benicassim, tra Valencia e Barcellona, infatti è sul mare, vanta trecento giorni di sole all'anno e la si può raggiungere comodamente da tutta Europa sia in aereo che in treno, pullman, auto o nave. Inoltre in molti si stanno già mobilitando per organizzare bus da ogni dove.L'esodo è già iniziato!!Regia: Tommaso D'EliaAiuto: regia Silvia BonanniMontaggio: Luca Onoraticon la collaborazione di Simone Spallicca Guarda tutti i filmati realizzati al Rototom Sunsplash dal 2001 al 2009!

Visita il sito: www.rototom.com

Rototom Sunsplash Festival in movement

Rototom Sunsplash è il più grande raduno reggae d’Europa.La sedicesima edizione ha registrato 150 mila presenze, gente di ogni età e nazionalità che arriva da ogni angolo d’Europa per ritrovarsi nel meraviglioso Parco del Rivellino di Osoppo,ai piedi delle Alpi friulane.Per dieci giorni consecutivi la musica reggae riecheggia ovunque: i concerti iniziano al tramonto, la dancehall si colma ogni notte, mentre i pomeriggi sono dedicati a relax e impegno sociale. Vi sono dibattiti, incontri su musica reggae e cultura Rasta, film e documentari, mostre fotografiche e d’arte, corsi di percussioni, danza africana, capoeira e didjeridoo, meditazione e medicina alternativa. Team di professionisti organizzano attività di intrattenimento e gioco per i numerosi bambini sempre presenti al festival.In questo video, ripercorriamo la storia e i momenti del sunsplash che lo hanno portato negli anni ad essere il Fetival reggae più grande d'europa.

Visita il sito: www.rototom.com

Invisibili - Adivasi Dalit e la Narmada

di Tommaso D’Elia e Alessandro Pesce
con la collaborazione di Romain Delachaux
Regia Tommaso D’'Elia Aiuto regia Alessandro Pesce
Montaggio Luca Onorati
Produzione D'Elia/Pesce – Paneikon; con il contributo di Lega Ambiente

Lungo il fiume Narmada veniamo a contatto con i villaggi degli ultimi Adivasi, con le loro semplicissime scuole, la loro lotta e con il monsone che a ogni estate devasta tutto. Il fiume Narmada è uno dei sette fiumi sacri dell’'India: sbarrato da cinque dighe e da oltre 3000 più piccole in tutti i suoi tributari, costituisce uno degli impianti idroelettrici più ambiziosi mai realizzati, grazie a un progetto che ha provocato lo sfollamento di centinaia di migliaia di nuclei famigliari. Sono tuttora in corso i lavori sulla diga più grande e controversa, la Sardar Sarovar. Una volta finita essa non potrà che provocare ulteriori sfollamenti. Tra le voci raccolte, spicca quella di Sanjay Mitra. Nel rievocare il passato di militante naxalita in difesa degli Adivasi dello Jharkhand, egli ci invita a imparare da loro le leggi del rispetto di sé, in armonia con l’ambiente e la natura.
Premio del pubblico miglior documentario IV edizione AsiaticaFilmMediale 2005 IX° festival Cinema Ambiente – Torino 2006 ‘Lontani e vicini: guardiamo i diritti umani’– Roma 2006 Cinema Esedra di Torino, maggio 2006 –‘La conoscenza aiuta lo sviluppo’F esta dei Popoli –Locate Triulzi, Milano giugno 2006 Festival Internacional DerHumALC. – Argentina 2006Festival OVNI-Barcellona Centro di Cultura Contemporanea 2008 Una serie di articoli su ‘La Stampa – Specchio’; ‘il manifesto-Alias’; ‘Avvenimenti’In Catalogo – Cineteca di Bologna e Mediateca Toscana
Consigliato dalla Lonely Planet “India del Sud” ed. IT. 2009.
Per richiedere il Dvd scrivere a: “Tommaso D'’Elia” tomdelia52@gmail.com

Guarda la versione inglese del documentario.

Mandi Friul, non si processa Bob Marley

Questo video è il reportage della manifestazione di protesta organizzata ad Udine dal Rototom Sunsplash, per protestare contro l’applicazione dell’Art. 79 della legge Fini-Giovanardi: agevolazione al consumo di sostanze stupefacenti (in questo caso marjuana). Molti artisti ed intellettuali hanno dato il loro contributo a questa serata:da Beppe Grillo a l’on. Marino, da Frankie Energi agli Africa Unite, dal Sindaco di Udine a quello di Osoppo.Regia Tommaso D’EliaMontaggio Simone SpalliccaFotografia Tommaso D’EliaInterviste Pier TosiProduttore esecutivo Claudio GiustProdotto da Filippo Giunta per il Rototom SunsplashRiprese diretta concerti e regia Crew ArcoirisRegia diretta streaming: Marco ScarabelliMarco AliniLuca BragagnoloMartin FogliaGiampaolo PaticchioElena Tommaselli

Visita il sito: www.rototom.com

Piero Bruno, ragazzo

A cura di bristol videomakers, centro sociale la strada, casa della memoria. Con il contributo Municipio Roma XI bando delle idee
Voce narrante Tiziano 'Tank' Scrocca
Questa è una storia di strada di 20 anni fa, quando tutta una età, una classe, una leva e un'apertura di serraglio stava in mezzo alle strade.
Quando le strade erano camere a cielo aperto di una politica di avvento e le aule, le case erano vuote.
Le storie di quell'età sono restate azime, non si sono gonfiate nella pastacresciuta di qualche film, di qualche letteratura...
Erri De Luca
Immagini di repertorio tratte da: "Riprendiamoci la vita" Silvano Agosti, "Garbatella-Manifestazione Anti Nato","Manifestazione di Lotta Continua per Piero Bruno - Roma 25/11/1975", Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico,"Funerali di Piero" Associazione Piero Bruno.Con interviste di Erri De Luca, Claudio Daguanno, Tommaso D'Elia, Fabrizio Scottoni... e tanti altri
Immagini Genova 2001: Mauro Gaggiotti.
Le foto di Garbatella sono di Bruno Ballatore

Cinquecento anni dopo: l'eredità di Colombo

di Tommaso D'Elia e Gianni Proiettistesto: Maurizio Chierici
Montaggio: Renato Di Bella
post-produzione: ETABETA - Roma
Un volo pindarico su Centro America e Brasile, documentando la repressione delle popolazioni indigene. Partiamo dal II Encuentro Continental delle popolazioniindigene in Guatemala... tra questi Rigoberta Mencù (premio nobel per la pace) rientra nel suo paese dopo un lungo esilio, protetta da Danielle Mitterand. Le PrimeNazioni decidono di opporsi ai festeggiamenti della scoperta delle Americhe urlando la propria esistenza. Le testimonianze dei leader indigeni si alternano aquelle di etnobiologi. Una documentazione su i primi passi di quello che diventerà il World Social Forum.

Cimiteri e Nassirya

di Tommaso D'Elia,Jerome Nicolas e Alessandro Pesce
Una visitazione tra i cimiteri della II guerra mondiale nel centro Italia e i funerali di Stato dei morti di Nassirya.
Una riflessione attraverso immagini e rumori sull'inutilità delle guerre e su come in guerra ci sia lo stesso sfruttamentodelle popolazioni subalterne a chi le guerre le fa e le vuole.

Cani che abbaiano alla luna

Da una piece teatrale di Tommaso D'Elia e Rocco Militano
con Rocco Militano, Maria Teresa Di Clemente, al trombone Teodoro Teodori
regia: Tommaso D'Elia
montaggio: Renato Di Bella
produzione televisiva: ETABETA-Roma
Lo spettacolo è un contributo al tema mafia e memoria. Un mix di cronaca e teatro, dove si narrano quattro storie che rappresentano fatti e personaggi emblematici
della storia della mafia, delle lotte contro di essa e dei rapporti internazionali che hanno soprasseduto a questa vicenda dal dopoguerra ad oggi.
Il primo racconto - 'Ninni Cassarà', rappresenta il conflitto all'interno della Questura di Palermo negli anni 1982-'85, tra il commissario Cassarà e i suoi superiori,iscritti alla loggia massonica P2. Descrive la tragica desolazione di chi doveva contrastare 'Cosa Nostra'.
Il secondo racconto - 'Il foulard di Luky Luciano', è ambientato durante lo sbarco alleato in Sicilia, nel 1943. Rivive i rapporti tra le forze d'occupazioneamericane e la mafia siciliana. Sottolinea l'ingerenza degli Stati Uniti nella storia del dopoguerra italiano e la complice alleanza con la mafia.
Il terzo racconto - 'La strage di Villalba', narra la tentata strage mafiosa, avvenuta durante un comizio a Villaba, un piccolo paese dell'interno siciliano, il16 settembre del 1944. Protagonisti: Calogero Vizzini capo assoluto della mafia fino agli anni '50; Girolamo Licausi, deputato comunista e fondatore della primacommissione parlamentare antimafia; Michele Pantaleone, un giovane socialista di Villalba.
Il quarto racconto - 'Leonardo Vitale', si sofferma sul pentitismo come chiave di lettura del fenomeno mafioso. Ricorda il primo pentito di Cosa Nostra:Leonardo Vitale, nel lontano 1973.
I quattro racconti sono intervallati da tre letture, sottolineati dalle note di un trombone e di un clarino.

Polveri di Giordania... too close to heart... too close to home...

Di: Tommaso D'Elia e Alessandro Melis
Regia: Tommaso D'Elia
I materiali, girati tra marzo e aprile 2003 all'inizio del conflitto iracheno, raccolgono una serie di testimonianze della società civile giordana, in particolare palestinese-giordana.
Registi, film-makers, produzioni televisive, prof. universitari e intellettuali si confrontano tra il proprio lavoro e il contesto della guerra e della crisi infinita del Medio Oriente.
A queste testimonianze si aggiungono quelle di politici, medici, architetti, ingegneri, giornalisti.
Un ventaglio di opinioni sul tema del dialogo tra Occidente e mondo arabo.