Chi è Online

152 visite
Libri.itEDWARD WESTONIN FORMA CON IL TUO CANENYT. 36 HOURS. BEACHES, ISLANDS, & COASTS100 CONTEMPORARY BRICK BUILDINGS (IEP)IL POZZO DEI TOPI

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti filmati di Rototom Sunsplash

Totale: 36

06) More Than Twenty the story of Rototom

Il festival a Osoppo diventa importante a livello internazionale e raggiunge le 150.000 presenze per 10 giorni di musica e campeggio. L'atmosfera è bellissima. Lo spazio dibattiti cresce fino a diventare una caratteristica essenziale del festival, ospitando decine di relatori da ogni parte del pianeta con partecipatissimi appuntamenti giornalieri.

Il carattere alternativo del festival e soprattutto l'introduzione della legge Fini- Giovanardi sulle droghe sono alla base di una stretta repressiva sul festival ("nel 2009 c'è stata una vera e propria guerra al Sunsplash" Mario Cudini, avvocato) che costringe gli organizzatori a decidere di lasciare l'Italia, come lo stesso Filippo Giunta racconta drammaticamente dal palco alla fine dell'edizione 2009.

Italia, 120', col, 2014, HDV
diretto da: Tommaso D'Elia, Silvia Bonanni
montaggio ed elaborazione grafica: Simone Pallicca (AMC)
produzione esecutiva: Claudio Giust
prodotto da: Filippo Giunta per Rototom Sunsplash

Visita il sito: www.rototom.tv

05) More Than Twenty the story of Rototom

I fondatori del Rototom arrivano da quello che era il confine estremo dell'Italia: Gorizia. Un confine importante perché divideva dai paesi del blocco comunista. Alcuni di loro si conoscono a scuola altri si incontrano alla fine degli anni '80 nel primo bar musicale della città, il Baobar, gestito da Filippo Giunta, presidente del Rototom. Si vive tutti insieme in una fatiscente casa di campagna Villa Sparta, e in quanto spartani gli abitanti saranno ospitati nella trasmissione di Daria Bignardi "Tempi Moderni" dedicata alle famiglie alternative. L'amicizia è il collante che fa superare le difficoltà e permette di compiere il grande salto. Nel 2000 il festival Sunsplash si sposta nel parco del Rivellino di Osoppo (Udine, FVG) dove rimarrà per 10 anni.

Tra le mille difficoltà economiche l'associazione però trova il tempo di organizzare per due anni un festival musicale in Brasile a Chanoa en chamas.

Materiali di repertorio: trasmissione Tempi Moderni, tg regionali

Location: Gorizia, Parco del Rivellino (Osoppo - FVG), Brasile.

Italia, 120', col, 2014, HDV
diretto da: Tommaso D'Elia, Silvia Bonanni
montaggio ed elaborazione grafica: Simone Pallicca (AMC)
produzione esecutiva: Claudio Giust
prodotto da: Filippo Giunta per Rototom Sunsplash

Visita il sito: www.rototom.tv

04) More Than Twenty the story of Rototom

L'associazione Rototom è diventata ormai punto di riferimento nella realtà friulana e alla fine del 2000 si fa promotrice insieme a tante realtà culturali e musicali della zona di un'occupazione tanto breve (3 mesi) quanto viva e importante nel ricordo di tutti coloro che vi hanno partecipato. Si occupa la ex fabbrica Cerit coinvolgendo tutta la scena culturale della zona. Ce ne parlano: Teho Teardo, Piero Colussi (fondatore di Cinemazero), Flavio Massarutto (esperto di musica jazz). Attraverso le immagini di repertorio della Cineteca del Friuli ripercorriamo la storia della regione Friuli, la guerra, il terremoto, perché, come spiega Sergio Colussi, "siamo una regione dove le persone sono abituate a fare fatica per realizzare le proprie aspirazioni".

Location: Pordenone, S. Vito al Tagliamento, antigua fábrica Cerit.

Italia, 120', col, 2014, HDV
diretto da: Tommaso D'Elia, Silvia Bonanni
montaggio ed elaborazione grafica: Simone Pallicca (AMC)
produzione esecutiva: Claudio Giust
prodotto da: Filippo Giunta per Rototom Sunsplash

Visita il sito: www.rototom.tv

03) More Than Twenty the story of Rototom

Nel 1998 il festival Sunsplash si sposta per due edizioni nel camping Girasole a Latisana (Udine) sulla costa friulana. L'affluenza è grande e il festival non è più un'attrattiva solo per i conoscitori di reggae ma diventa per molti l'occasione per una vacanza all'insegna della musica e della convivenza pacifica.

Sono gli anni della guerra nella ex-Jugoslavia e nel 1999 l'associazione Rototom organizza un memorabile concerto per la pace davanti alla Base Nato di Aviano (PN).

La presenza di un festival reggae sulla turistica costa non passa però inosservata e nel 1999 la presenza e l'ingerenza delle forse dell'ordine diventa insostenibile...

Location: Latisana, Aviano (Friuli Venezia Giulia).

Italia, 120', col, 2014, HDV
diretto da: Tommaso D'Elia, Silvia Bonanni
montaggio ed elaborazione grafica: Simone Pallicca (AMC)
produzione esecutiva: Claudio Giust
prodotto da: Filippo Giunta per Rototom Sunsplash

Visita il sito: www.rototom.tv

02) More Than Twenty the story of Rototom

Un piccolo gruppo tenuto insieme da grandi sentimenti
Tanta fatica, pochi soldi, tanta musica.
La provincia italiana.
Una grande scommessa.
L'associazione Rototom nasce nel 1991 dall'incontro di 4 persone e da allora ha gestito 2 discoteche, organizzato centinaia di concerti, occupato una fabbrica dismessa per farne un centro culturale, organizzato manifestazioni per la pace e inventato il festival reggae più grande del mondo, il Rototom Sunsplash, arrivato nel 2013 alla sua ventesima edizione.
Il Rototom nasce su una scommessa: coniugare amicizia e lavoro, etica e progettualità.
Fin dagli esordi tante sono state le difficoltà e le battaglie da sostenere per portare avanti il lavoro, fino all'ultima: dover lasciare l'Italia e emigrare in Spagna.
Oggi, dopo più di 20 anni, il Rototom racconta come è nato, le scelte, i percorsi, le difficoltà e i successi, perchè il futuro è ancora da costruire.
Ai ricordi degli organizzatori, di coloro che li hanno conosciuti in Italia e di tanti musicisti si affianca la riflessione di alcuni tra i maggiori organizzatori di eventi musicali italiani.
Si compone così una storia su cui influiscono scelte individuali e collettive ma anche, prepotentemente, il panorama culturale e politico italiano.

Italia, 120', col, 2014, HDV
diretto da: Tommaso D'Elia, Silvia Bonanni
montaggio ed elaborazione grafica: Simone Pallicca (AMC)
produzione esecutiva: Claudio Giust
prodotto da: Filippo Giunta per Rototom Sunsplash

Visita il sito: www.rototom.tv

01) More Than Twenty the story of Rototom

Un piccolo gruppo tenuto insieme da grandi sentimenti
Tanta fatica, pochi soldi, tanta musica.
La provincia italiana.
Una grande scommessa.
L'associazione Rototom nasce nel 1991 dall'incontro di 4 persone e da allora ha gestito 2 discoteche, organizzato centinaia di concerti, occupato una fabbrica dismessa per farne un centro culturale, organizzato manifestazioni per la pace e inventato il festival reggae più grande del mondo, il Rototom Sunsplash, arrivato nel 2013 alla sua ventesima edizione.
Il Rototom nasce su una scommessa: coniugare amicizia e lavoro, etica e progettualità.
Fin dagli esordi tante sono state le difficoltà e le battaglie da sostenere per portare avanti il lavoro, fino all'ultima: dover lasciare l'Italia e emigrare in Spagna.
Oggi, dopo più di 20 anni, il Rototom racconta come è nato, le scelte, i percorsi, le difficoltà e i successi, perchè il futuro è ancora da costruire.
Ai ricordi degli organizzatori, di coloro che li hanno conosciuti in Italia e di tanti musicisti si affianca la riflessione di alcuni tra i maggiori organizzatori di eventi musicali italiani.
Si compone così una storia su cui influiscono scelte individuali e collettive ma anche, prepotentemente, il panorama culturale e politico italiano.

Italia, 120', col, 2014, HDV
diretto da: Tommaso D'Elia, Silvia Bonanni
montaggio ed elaborazione grafica: Simone Pallicca (AMC)
produzione esecutiva: Claudio Giust
prodotto da: Filippo Giunta per Rototom Sunsplash

Visita il sito: www.rototom.tv

Rigoberta Menchú Tum - La cultura de la paz en el siglo XXI - Foro Social Rototom Sunsplash 2013

Premio Nobel de la Paz Rigoberta Menchú Tum en esta edición del Foro Social, el domingo 18 de agosto 2013.

Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Visita il sito: www.rototom.tv

Zion Train @ Rototom Sunsplash 2012

Zion Train empezaron su actividad en 1990, mezclando su pasión por el dub rggae ortodoxo de las sesiones de Jah Shaka o Aba Shanti I y la gran energía de los ritmos techno y trance, que explotaban en las grandes raves de moda en aquel periodo. Más allá de esta actitud sonora, una gran militancia en los campos social y espiritual ha distinguido siempre a este grupo, que ha vehiculado con su música mensajes de gran inteligencia y sensibilidad.

De los sonidos minimal de sus primeros trabajos, a través de sonidos más complejos de clásicos como 'Homegrown fantasy' y 'Love revolutionaries', Zion Train han alcanzado una gran madurez en sus últimos trabajos como 'Live as one' y el último óptimo 'State of mind'.

Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Visita il sito: www.rototom.tv

Wailing Soul @ Rototom Sunsplash 2012

Con su larga discografía de varios decenios, Wailing Souls son uno de los grandes grupos vocales de la historia del reggae y han trabajado con varios productores, atravesando diferentes fases creativas notables.Sus primeras afirmaciones llegan a Studio One a través de grandes canciones como 'Back out with it' o 'Mr. coal man'. Es interesante notar que el mismo grupo bajo el nombre de Pipe & The Pipers (del sobrenombre del cantante solista Winston 'Pipe' Matthews) grabó dos temas para la etiqueta Tuff Gong de Bob Marley en 1971.Tras dejar Studio One, tuvieron un intenso período marcado por el roots reggae en los años setenta en Channel One, aunque en esa época brillan también por excepcionales autoproducciones como por ejemplo 'Bredda gravalicious'.Sus inmejorables armonías vocales se adaptan a la perfección al estilo dancehall de principios de los ochenta con el éxito de temas como 'Firehouse rock' y 'Upfront', bajo la dirección de Junjo Lawes. Su discografía continúa a buen nivel hasta nuestros días.

Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Visita il sito: www.rototom.tv

Johnny Osbourne @ Rototom Sunsplash 2012

Johnny Osbourne es uno de los cantantes jamaicanos que ha dejado más pruebas de una gran versatilidad en su carrera, adaptando a los varios estilos que se sucedían su enérgica voz rica en soul.Empezó a cantar a finales de los años sesenta para Winston Riley con los Wildcats, aunque su debut en el mismo período fue en Studio One con 'All I have is love' seguida rápidamente por los hits 'Come back darling' y 'Warrior' para Riley.En ese momento Johnny se estableció en Canadá durante varios años. A su regreso en 1979 grabó una serie de notables temas para Studio One, en parte recogidos en el álbum 'Truths and rights', obra maestra. El mismo año grabó 'Folly ranking' para Prince Jammy y para este mismo productor realizaría espléndidos dancehall hits como 'Lend me your chopper' y 'Water pumpin', para después explotar literalmente tras el desarrollo digital con 'Buddy bye', 'On the right track' y 'Ice cream sound'.Su estilo de esta época es la auténtica quintaesencia del dancehall cantado.

Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Visita il sito: www.rototom.tv