Arcoiris TV

Chi è Online

226 visite
Libri.itJEAN-MICHEL BASQUIAT - Extra LargeSEBASTIO SALGADO. GOLD - edizione limitataCHRISTO & JEANNE-CLAUDE - ARTIST PROOF EDITIONGEORGE HERRIMAN, THE COMPLETE KRAZY KAT IN COLOR 1935-1944FERRARI - Art Edition

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti i filmati inviati da Arcoiris tv piacenza

Totale: 30

“Kabul, Andata e Ritorno” – Intervento di Basir Ahang

Il 15 maggio 2009, presso il Teatro Monteverdi di Cremona ha avuto luogo l’incontro “Kabul, andata e ritorno” organizzato dall’Associazione Immigrati Cittadini onlus, Cisvol Cremona e AFS onlus intercultura. In questa parte troviamo Basir Ahang, giornalista afghano freelance e Qorbanali Esmaeli a trattare le dinamiche e le future possibili evoluzioni di un’Afghanistan sconvolto dalla guerra tra le forze Nato e i Taliban e non di meno le difficoltà e le condizioni dei rifugiati provenienti da una terra in tumulto, a confronto con le domande del pubblico.Produzione: Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.mondinsieme.cremona.it

“Kabul, Andata e Ritorno” – Intermezzo di poesia e musica

Il 15 maggio 2009, presso il Teatro Monteverdi di Cremona ha avuto luogo l’incontro “Kabul, andata e ritorno” organizzato dall’Associazione Immigrati Cittadini onlus, Cisvol Cremona e AFS onlus intercultura. In questa parte possiamo vedere l’intermezzo musicale e poetico a cura di Cristina Delmastro (voce narrante), Maurizio Murdocca (tabla) e Butrus Bishara (liuto).Produzione: Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.mondinsieme.cremona.it

“Kabul, Andata e Ritorno” – Intervento di Qorbanali Esmaeli

Il 15 maggio 2009, presso il Teatro Monteverdi di Cremona ha avuto luogo l’incontro “Kabul, andata e ritorno” organizzato dall’Associazione Immigrati Cittadini onlus, Cisvol Cremona e AFS onlus intercultura. In questa parte vediamo l’intervento di Qorbanali Esmaeli, presidente dell’Associazione Culturale Afghani d’Italia, punto di riferimento per la comunità afghana in Italia, operatore socio-sanitario e mediatore culturale presso la Comunità di Sant’Egidio: nel corso dell’intervento vengono analizzati vari temi, tra i quali la complessa realtà dell’Afghanistan, autentico mosaico di culture ed etnie oltre che terra martoriata da una guerra devastante, i rapporti interculturali e la questione dei rifugiati.Produzione: Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.mondinsieme.cremona.it

Conferenza del Venerabile Ghesce Tenkyong

In data 9 novembre 2008 a Piacenza c/o la Cappella Ducale di Palazzo Farnese, si è tenuta la conferenza del Ven. Ghesce Tenkyong, (organizzata dal Gruppo di studi Lama Tzonk Khapa, con la collaborazione del Centro Tara Cittamani di Padova e Fabrica, centro ricerca sulle comunicazioni del gruppo Benetton, con il patrocino del Ass. alla Cultura della Città di Piacenza) che ha condiviso con i partecipanti, la sua esperienza di studi filosofici buddhisti sul tema “Cosa è realmente utile nella vita quotidiana”, tema che in una società sempre più attenta ai consumi e sempre più disinteressata ai bisogni, diviene di notevole attualità e attenta ricerca. Il Ven. Tenkyong propone le sue ricerche, le sue prospettive e proposte attraverso percorsi variegati, toccando vari aspetti e proponendo nuove chiavi di lettura per l’oggi.Produzione: Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.sitisolidali.it

Intervista al Ven.Ghesce Tenkyong

In data 9 novembre 2008 a Piacenza c/o la Cappella Ducale di Palazzo Farnese, prima della sua conferenza, il Ven. Ghesce Tenkyong ha risposto alle domande di Angelo Boccato sul ruolo della spiritualità in un mondo prettamente materialista, sul significato delle Olimpiadi a Beijing nel 2008 e le future evoluzioni del suo Tibet.Intervista a cura di Angelo BoccatoProduzione:Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.sitisolidali.it

Intervista a Daniela Polenghi

Intervista a Daniela Polenghi, assessore di Cremona per le Politiche Educative, di Formazione degli Adulti, dei Diritti di Cittadinanza; Politiche di Promozione dei Valori della Pace e della Non-Violenza; Informagiovani; servizi Demografici e Statistici e rapporti con le Associazioni dei Consumatori sul contesto nel quale è nata l’iniziativa per ricordare Mahmoud Darwish nella città di Cremona, sul clima di intolleranza sempre più forte nel nostro paese e sulle risposte da apporre.Produzione: Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.mondoinsieme.it

Intervista a Najati Al-rabi

Intervista a Najati Al-rabi, medico e membro dell’Associazione di amicizia Italia-Palestina di Brescia sulla figura di Mahmoud Darwish e sulla presente e futura condizione della martoriata terra di Palestina, precedenti all’operazione “Piombo Fuso” compiuta da Israele a Gaza.Produzione: Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.mondoinsieme.it

Abiti puliti - Il lato oscuro del lusso

Prada. Un nome, una garanzia, uno status-symbol, un’espressione dell’orgoglio made in Italy. Oltre lo sfavillio delle vetrine però si può trovare altro, come le condizioni mostruose nelle quali i prodotti del prestigioso marchio vengono realizzati. In Turchia , il fornitore di Prada è la Desa, azienda che non permette l’iscrizione ai sindacati, obbliga a straordinari eccessivi e non permette le minime condizioni di dignità lavorativa. Nell’ambito della campagna internazionale per i lavoratori della Desa in Turchia è stata documentata la conferenza stampa tenuta a Firenze il 5 marzo con Deborah Lucchetti, Ornella De Zordo, consigliere comunale del gruppo Un’altra città/Un altro mondo al Comune di Firenze e la presenza della delegazione turca composta da Emine Arslan, leader e protagonista della lotta sindacale, la sindacalista Nuran Gulenc, l’attivista e interprete Bilge Seckin e il presidio tenuto a Milano il 7 marzo in Corso Venezia nella giornata di mobilitazione e sensibilizzazione che ha avuto luogo anche a Firenze, Arezzo, in Norvegia, Finlandia e Turchia, azioni e occasione volti ad invitare a riflessioni sulle zone d’ombra ove il lusso nasce, per dirigersi però altrove, lasciando dietro di sé miserie e violazioni dei diritti.Intervista e riprese a cura di Jason Nardi e Angelo BoccatoMontaggio di Daniele MarzedduProduzione Arcoiris Tv Piacenza in collaborazione con Arcoiris Tv Bologna

Visita il sito: www.abitipuliti.org

Lettera a un ministro

Il sistema educativo nel nostro Paese pare basarsi su piani “quinquennali”; a ogni cambiamento di maggioranza parlamentare consegue uno stravolgimento o quasi dell’ assetto dell’ istruzione vigente fino a quel punto. Con la riforma Gelmini e la legge 133 del ministro dell’ economia Tremonti, conversione di un decreto legge, si è originata una protesta e una contestazione che va dagli atenei alla scuola elementare e primaria, queste ultime due concepite sempre come un modello non solo a livello nazionale, ma colte come esempio a livello internazionale. Abbiamo incontrato tre firmatarie di una lettera aperta al ministro della Pubblica Istruzione, Eleonora Mutti, Chiara Casella e Susanna Bertoli. La lettera in questione è stata scritta e sottoscritta da un cospicuo numero di docenti dell’ istituto comprensivo di Rivergaro (PC) e nella sua presentazione si sono toccati più punti: dalla proposta delle classi-ponte, alla discussa figura del nuovo maestro unico, fino alla costante strumentalizzazione politica dell’ istruzione , ridando voce a tutti/e coloro che purtroppo nel dibattito riguardante la formazione restano sempre esautorati/e.Intervista a cura di Angelo BoccatoProduzione:Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.istruzione.it

I limiti dello sviluppo: dibattito con Massimo Fini e Maurizio Pallante

Il 12 febbraio 2008, presso la libreria Feltrinelli di Piazza Duomo a Milano, si è tenuto un incontro, organizzato da Movimento Zero, tra Massimo Fini, giornalista, saggista, scrittore (la sua ultima fatica letteraria è "Ragazzo" editore Marsilio) e Maurizio Pallante, saggista, promotore del "Movimento per la decrescita felice" ed autore de "Discorso sulla decrescita. Manifesto per una felice sobrietà" editore Luca Sossella.I due autori, fortemente distanti per percorso e formazione culturale, si confrontano su un tema reso ancora più attuale in questi mesi di crisi finanziaria: i limiti dello sviluppo, la necessità della decrescita, la frenesia dell’ "homo economicus" e una domanda centrale; siamo sicuri che questo stile di vita occidentale, che consideriamo come acclamato e invidiato da tutti i paesi del Sud del Mondo, che concepiamo come apice e punto d’arrivo sia un sistema equo, giusto e soprattutto destinato a durare? Massimo Fini e Maurizio Pallante affrontano questi temi in un confronto coinvolgente, analizzandone le sfaccettature più variegate.Modera l’incontro Andrea Ratti.Produzione: Arcoiris Tv Piacenza

Visita il sito: www.movimentozero.org