Arcoiris TV

Chi è Online

86 visite
Libri.itRACHEL (I)SAARINEN (I) #BasicArt100 CONTEMPORARY WOOD BUILDINGS (IEP) - #BibliothecaUniversalisHAND LETTERING A-Z. GUIDA CREATIVA PER ALFABETI ARTISTICILEONARDO DA VINCI. TUTTI I DIPINTI - #BibliothecaUniversalis

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: Opere Liriche

Totale: 26

Tosca

Nel giugno 1800, a Roma, Mario Cavaradossi sta dipingendo Maria Maddalena nella chiesa di Santa Maria degli Angeli. Il pittore le dà le sembianze della marchesa Attavanti. Dalla cappella esce Cesare Angelotti, fratello della marchesa, evaso da Castel Sant?Angelo, dove è stato incarcerato dal barone Vitellio Scarpia, capo della polizia. Cavaradossi, liberale, gli offre rifugio nella propria casa. Arriva Tosca, famosa cantante e amante di Cavaradossi, che si ingelosisce per il dipinto dell'amato.
Cavaradossi e Angelotti lasciano la chiesa, in cui poco dopo entra Scarpia.
Nella chiesa torna Tosca che, non trova l'amante e s'ingelosisce nuovamente, aizzata da Scarpia, segretamente innamorato della cantante. Nell'atteo secondo, Scarpia arresta Cavaradossi e lo interroga per sapere dove si rifugi Angelotti. Scarpia lo tortura e Tosca, giunta nel frattempo, si dispera. Sopraggiunge un gendarme, che informa che a Marengo Napoleone non è stato sconfitto, ma ha vinto. Cavaradossi esulta ed è imprigionato.
Rimasto con Tosca, Scarpia la ricatta: se gli si darà, salverà Cavaradossi.
Ma, intanto, il gendarme riferisce che Angelotti si è suicidato. Tosca, scioccata, si offre a Scarpia in cambio di un salvacondotto per Cavaradossi e per se stessa. Scarpia accetta, ma sostiene che si dovrà simularne la fucilazione di cavaradossi.
Tosca, sconvolta, accoltella Scarpia.
Il terso atto inizia sulla piattaforma di Castel Sant?Angelo. Cavaradossi aspetta la fucilazione e inizia una lettera di addio per Tosca.
Ma Tosca arriva con il salvacondotto che Scarpia stava compilando quando ella lo ha ucciso.
Tosca suggerisce Cavaradossi di fingersi morto. Ma Scarpia mentiva e i soldati uccidono davvero Cavaradossi.
Toscasi getta nel Tevere.
Personaggi ed interpreti:
Mario Cavaradossi: Manrico Tedeschi
Floria Tosca: Joanne Kolomyjec
Barone Scarpia: John Avey
Angelotti: Brian Nickel
Spoletta: Michel Corbeil
Sagrestano: David Watson
Direttore d'orchestra: Cal Stewart Kellogg
Regia di: Brian MacDonald
Cortesia di: Il Canto

Messa da Requiem

Capolavoro di vaste proporzioni, di spettacolare grandiosita e unita espressiva, in cui l'uomo si confronta senza illusioni sul tema della morte.Fu scritta in memoria di Alessandro Manzoni.
musica di Giuseppe Verdi
Personaggi ed interpreti:
soprano: Makiko AwazuTenore: Manrico Tedeschi
mezzo-soprano: Corina Circa
basso Joseph Rouleau
Orchestre de la societe philharmonique de Montreal
Cortesia di: Il Canto
Esecuzione da Montreal in onore di:MATTEO ELIA BISCOTTI, 1 Aprile 1917 - 31 Luglio, 1999
Sempre nel mio cuore, Tuo figlio, Manrico

Adriana Lecouvreur

Adriana Lecouvreur, opera in 4 atti di Francesco Cilea su libretto di Arturo Colautti
Nel foyer della Comedie francaise arriva Adriana, la grande attrice. E presa dall"amore per un "semplice alfiere" (il conte Maurizio di Sassonia).La principessa di Bouillon incontra segretamente Maurizio prima perche e il suo amante e poi per comunicargli che stanno tramando per non farlosalire al trono di Polonia. Adriana le sorprende, ma Maurizio stesso la convince che l'altra e solo un'alleata politica.Adriana si chiude in casa, lasciando il teatro delusa e depressa. Arrivano delle violette e un biglietto di Maurizio, ma quando Adriana odorale violette avvelenate sviene. Giunge Maurizio e l'assicura che non le ha mandate lui e le chiede di sposarlo.Ma poco dopo Adriana muore tra le braccia di Maurizio.
Personaggi ed Interpreti:Adriana Lecouvreur, della Comedie francaise (soprano): Maria Pia Ionata Maurizio, conte di Sassonia (tenore): Manrico Tedeschi il principe di Bouilion (basso): Francesco Musinu la principessa di Bouillon (mezzo): Sabrina De Rose
Michonnet, direttore di scena (baritono): Marco Chingari
Orchestra e coro del teatro Massimo Bellini di Catania
diretti da: Maurizio Arena
Cortesia di: Il Canto

Otello

Otello è la penultima opera di Giuseppe Verdi. Il libretto di Arrigo Boito fu tratto dalla tragedia omonima di Shakespeare.La prima ebbe luogo il 5 febbraio 1887 al Teatro alla Scala di Milano.
Otello, generale moro dell'armata veneziana approda a Cipro acclamato dalla folla. L'alfiere Iago nutre odio per Otello, e trama progetti di vendettacontro lui. Riesce con astuzia e l'uso di un fazzoletto, a convincere Otello che sua giovane moglie Desdemona e infedele. Furibondo di gelosia Otellostrangola sua povera moglie. Iago viene smascherato e Otello si pugnale, capendo sua grande colpa.
Personaggi ed interpreti:
Otello, moro, generale dell'Armata Veneta: Manrico Tedeschi
Iago, alfiere: Yang Xiaoyong
Desdemona, moglie di Otello: Ma MeiRoderigo, gentiluomo veneziano: Chi Li Ming
Direttore d'orchestra: Zhang Guo Yong
Regia di: Maurizio di Mattia
Cortesia di: Il Canto

Carmen

La vicenda è ambientata a Siviglia verso il 1820. Carmen è una sigaraia di cui si è invaghito Don Josè, un brigadiere, suscitando la gelosiadella fidanzata Micaela. Carmen, dopo un'aggressione fatta ad una compagna, viene arrestata da Zuniga, tenente, e lasciata a Don Josè che la fa scappare.Per questo il brigadiere è imprigionato, e dopo essere evaso, scappa con Carmen e i suoi amici nel rifugio dei contrabbandieri, dove, un giorno,Carmen cede alle attenzioni del torero Escamillo, suscitando l'ira di Josè, che, ad una corrida, dopo aver strappato dall'amante la confessione di amare iltorero, la uccide, gridando, a fine corrida, che l'ha ucciso lui.
Personaggi ed interpreti:
Don José, sergente (tenore): Manrico Tedeschi
Escamillo, torero (baritono): Rinaldo Zuliani
Carmen, zingara (soprano) Silvia Baleani
Micaëla, contadina (soprano): Maria Billeri
Orchestra e Coro del Teatro Verdi di Pisa
Diretti da: Claudio Desderi
Cortesia di: Il Canto

Aida

Aida, una principessa etiope, è catturata e condotta in schiavitù in Egitto. Radamés, un comandante militare,è combattuto nella scelta tra il suo amore per Aida e la sua fedeltà al Faraone. A complicare ulteriormente le cose,Radamés è amato da Amneris, la figlia del Faraone, ma non ricambia il sentimento della principessa.
Personaggi ed interpreti:
Aida, schiava etiope: Leila Guimares
Radamés, Capitano delle Guardie: Manrico Tedeschi
Amneris, figlia del Faraone: Roberta Mattelli
Ramfis, Gran Sacerdote: Luca Gallo
Il Re d'Egitto, padre di Amneris: Maurizio Muraro
Una sacerdotessa: Annunziata Lantieri
Un messaggero: Terige Sirolli
Orchestra e coro città di Verona diretti da: Enrico De Mori
Cortesia di: Il Canto

Cavalleria Rusticana

Un piccolo villaggio in Sicilia fa da sfondo per la vicenda di Santuzza e suo amore ossessivo per il donnaiolo Turiddu. Egli ormai l'ha disonorato per ripiccacontro Lola, alla quale prima di andare soldato aveva giurato fedelta eterna, e che ora continua a frequentare sebbene sia sposato con Alfio. In un finalemagnifico, Turiddu dice addio alla madre e alla vita prima di affrontare Alfio in un duello.
Opera in un atto, musica di Pietro Mascagni
libretto di G. Menasci e G. Targioni - Tozzetti
Personaggi ed interpreti:
Turiddu, giovane soldato (tenore): Manrico TedeschiSantuzza, contadina (soprano) Olga Romanko
Alfio, carrettiere (baritono) Sigmund Cowan
Lola, sua moglie (mezzo-soprano) Grace Valdes
Coro ed orchestra del New Jersey state opera
diretti da: Alfredo Silipigni
regia di: Ira Siff
Cortesia di: Il Canto

Les Contes d'Hoffmann (I racconti di Hoffmann ) Prima parte

Opera incompiuta del compositore Jacques Offenbach, su libretto di Jules Barbier dall'omonimo romanzo. La vicenda, incorniciata da un prologo e un epilogo, deriva da un lavoro teatrale del 1851 nel quale il poeta E.T.A. Hoffmann, protagonista di alcuni dei suoi stessi racconti, attraversa tre storie d'amore: l'infatuazione per una bambola meccanica, l'amore puro ma contrastato per una cantante e la frivola passione per una cortigiana. Da questo percorso verso il declino morale, il poeta potrà riscattarsi solo attraverso l'arte. PERSONAGGI ED INTERPRETI:HOFFMANN - Manrico Tedeschi, tenoreOLIMPIA - Niki Chaziraki, sopranoANTONIA - Emiljana Palushaj, sopranoGIULIETTA - Eriona Gjyzeli, mezzoLINDORF, COPPELIUS, DAPERTUTTO, MIRACLE -Armando LikajNICKLAUSSE - Vikena KamenicaOrchestra e Coro del Teatro dell'Opera di Tiranadirige Andre Bernardregia - Stephane Rochescenografia - Nicolas de LajartreGuarda la seconda parte

La forza del destino

Leonora di Vargas e Don Alvaro, per evitare l'opposizione al loro matrimonio del padre di lei, il marchese di Calatrava. si preparano a fuggire, ma i due vengono sorpresi dal marchese. Alvaro getta a terra la sua pistola, da cui parte un colpo che uccide il vecchio. I due sventurati amanti scompaiono nella notte. Il fratello di Leonora, Don Carlo, deciso a vendicare la morte del padre, si mette alla ricerca dei due amanti. Leonora viene accolta in un monastero da Padre Guardiano e vive in eremitaggio Don Alvaro è capitato nei granatieri spagnoli, convinto che la giovane sia morta. Giunge Carlo, ma i due non si conoscono. Alvaro cade ferito in battaglia dopo aver salvato Carlo e l'affida una valigia con un plico sigillato contenente un segreto che non dovrà mai essere rivelato: Carlo, pero, apre la valigia, dentro la quale trova un ritratto di sua sorella Leonora. Nell'accampamento, intanto, la zingara Preziosilla predice il futuro e incita i soldati alla battaglia. Giunge Carlo e sfida Alvaro, che e guarito, a duello. Sopraggiunge la ronda che le separa e Alvaro scappa e trova rifugio in un monastero. Don Carlo scopre il nascondiglio di don Alvaro, che adesso si fa chiamare Padre Raffaele, e lo sfida nuovamente a duello. In un primo momento don Alvaro rifiuta il confronto ma, sentendosi chiamare codardo e mulatto, ferisce Carlo a morte. Cerca un confessore per dare all'agonizzante gli ultimi conforti. Esce Leonora che, inaspettatamente riconosciuta dal giovane, si accinge a ricongiungersi con lui. Si precipita dal fratello che, ancora ossessionato dal desiderio di vendetta, la pugnala. Raggiunta dal padre Guardiano, Leonora spira tra le braccia di don Alvaro, augurandosi di ritrovarlo in cielo. Egli, rimasto definitivamente solo sulla terra, maledice ancora una volta il proprio destino. Ecco il tenore di fama internazionale Manrico Tedeschi interpretando Don Alvaro, uno dei suoi cavalli di battaglia, e uno dei ruoli piu impegnativi del suo repertorio.

Pagliacci

Canio, capo di una compagnia di attori, supporta appena il rifiuto di sua giovane moglie Nedda. Suo desiderioper il contadino Silvio porta inevitabilmente a una fine violente. Sul palcoscenico, davnati al pubblico li per vedere una commedia,Canio ammazza gli amanti poi si rivolge al pubblico sbigottito: " La commedia e finita."
Opera in un atto, musica e libretto di Ruggiero Leoncavallo
Personaggi ed interpreti:
Canio, capo della troupe (tenore): Manrico TedeschiNedda, sua moglie (soprano) Paola Romano
Tonio, un pagliaccio (baritono) Alberto Mastromarino
Silvio, un contadino (baritono) Pietro Guarnera
Beppe, un pagliaccio (tenore) Nicola Pamio
Orchestra filarmonica veneta e coro veneto
diretti da: Giancarlo Andretta
regia di: Massimo Scaglione
BONUS: Vesti la Giubba e Scena finale di PAGLIACCI con Manrico Tedeschi da L'Opera di New Jersey Cortesia di: Il Canto