Chi è Online

244 visite
Libri.itPAUL OUTERBRIDGELEONARDO DA VINCI. TUTTI I DIPINTI - #BibliothecaUniversalisFONTANA (I) #BasicArtIL SORRISO RUBATOALBERT WATSON. KAOS - edizione limitata

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: Opere Liriche

Totale: 26

Les Contes d'Hoffmann (I racconti di Hoffmann ) Seconda parte

Opera incompiuta del compositore Jacques Offenbach, su libretto di Jules Barbier dall'omonimo romanzo. La vicenda, incorniciata da un prologo e un epilogo, deriva da un lavoro teatrale del 1851 nel quale il poeta E.T.A. Hoffmann, protagonista di alcuni dei suoi stessi racconti, attraversa tre storie d'amore: l'infatuazione per una bambola meccanica, l'amore puro ma contrastato per una cantante e la frivola passione per una cortigiana. Da questo percorso verso il declino morale, il poeta potrà riscattarsi solo attraverso l'arte. PERSONAGGI ED INTERPRETI:HOFFMANN - Manrico Tedeschi, tenoreOLIMPIA - Niki Chaziraki, sopranoANTONIA - Emiljana Palushaj, sopranoGIULIETTA - Eriona Gjyzeli, mezzoLINDORF, COPPELIUS, DAPERTUTTO, MIRACLE -Armando LikajNICKLAUSSE - Vikena KamenicaOrchestra e Coro del Teatro dell'Opera di Tiranadirige Andre Bernardregia - Stephane Rochescenografia - Nicolas de LajartreGuarda la prima parte

Les Contes d'Hoffmann (I racconti di Hoffmann ) Prima parte

Opera incompiuta del compositore Jacques Offenbach, su libretto di Jules Barbier dall'omonimo romanzo. La vicenda, incorniciata da un prologo e un epilogo, deriva da un lavoro teatrale del 1851 nel quale il poeta E.T.A. Hoffmann, protagonista di alcuni dei suoi stessi racconti, attraversa tre storie d'amore: l'infatuazione per una bambola meccanica, l'amore puro ma contrastato per una cantante e la frivola passione per una cortigiana. Da questo percorso verso il declino morale, il poeta potrà riscattarsi solo attraverso l'arte. PERSONAGGI ED INTERPRETI:HOFFMANN - Manrico Tedeschi, tenoreOLIMPIA - Niki Chaziraki, sopranoANTONIA - Emiljana Palushaj, sopranoGIULIETTA - Eriona Gjyzeli, mezzoLINDORF, COPPELIUS, DAPERTUTTO, MIRACLE -Armando LikajNICKLAUSSE - Vikena KamenicaOrchestra e Coro del Teatro dell'Opera di Tiranadirige Andre Bernardregia - Stephane Rochescenografia - Nicolas de LajartreGuarda la seconda parte

Marcella

Idillio moderno in tre episodi di Henri Cain e Edouard AdenisMusica di Umberto Giordano 1867-1948Prima rappresentazione: Milano, Teatro Lirico, 9 novembre 1907 Nuovo allestmento del Teatro Umberto Giordano di Foggia, nel centenario della prima rappresentazione dell'opera.Foggia: 7 dicembre, 2007 Personaggi ed Interpreti Marcella - Serena Daolio (soprano)Giorgio - Manrico Tedeschi (tenore)Drasco - Gabriele Ribis (baritono)Vernier - Marcello Rosiello (baritono)Clara - Anna Maria Stella Pansini (soprano) Orchestra Sinfonica di Capitanata diretta da Gianna Fratta Regia - Aldo Tarabella Scene - Nicola Delli Carri L'idillio è diviso in tre episodi, dai titoli 'Trovata', 'Amata', 'Abbandonata'. Nel primo, in un ristorante alla moda di Parigi, si incontrano Marcella e Giorgio: ella lo crede uno studente, mentre è di ricca e nobile famiglia. Giorgio la difende dagli scherzi di alcuni ragazzi e Marcella gli racconta la sua vita: cattive compagnie, l'idea ossessiva del suicidio; Giorgio decide di proteggerla e la bacia. Nel secondo episodio i due innamorati vivono, ormai da tre mesi, in campagna; Marcella racconta all'amica Clara la sua felicità, anche se da qualche giorno ha notato che Giorgio è turbato. Marcella ascolta una conversazione tra Giorgio e il suo amico Drasco; apprende così che l'amato è un principe che deve rientrare a corte: nel suo paese è infatti scoppiata una sommossa. Nel terzo e ultimo episodio i due amanti si dicono addio. Dopo un lungo commiato, Giorgio parte; Marcella, che ha preferito sacrificarsi non seguendolo, piange mentre la carrozza del principe si allontana.

La forza del destino

Leonora di Vargas e Don Alvaro, per evitare l'opposizione al loro matrimonio del padre di lei, il marchese di Calatrava. si preparano a fuggire, ma i due vengono sorpresi dal marchese. Alvaro getta a terra la sua pistola, da cui parte un colpo che uccide il vecchio. I due sventurati amanti scompaiono nella notte. Il fratello di Leonora, Don Carlo, deciso a vendicare la morte del padre, si mette alla ricerca dei due amanti. Leonora viene accolta in un monastero da Padre Guardiano e vive in eremitaggio Don Alvaro è capitato nei granatieri spagnoli, convinto che la giovane sia morta. Giunge Carlo, ma i due non si conoscono. Alvaro cade ferito in battaglia dopo aver salvato Carlo e l'affida una valigia con un plico sigillato contenente un segreto che non dovrà mai essere rivelato: Carlo, pero, apre la valigia, dentro la quale trova un ritratto di sua sorella Leonora. Nell'accampamento, intanto, la zingara Preziosilla predice il futuro e incita i soldati alla battaglia. Giunge Carlo e sfida Alvaro, che e guarito, a duello. Sopraggiunge la ronda che le separa e Alvaro scappa e trova rifugio in un monastero. Don Carlo scopre il nascondiglio di don Alvaro, che adesso si fa chiamare Padre Raffaele, e lo sfida nuovamente a duello. In un primo momento don Alvaro rifiuta il confronto ma, sentendosi chiamare codardo e mulatto, ferisce Carlo a morte. Cerca un confessore per dare all'agonizzante gli ultimi conforti. Esce Leonora che, inaspettatamente riconosciuta dal giovane, si accinge a ricongiungersi con lui. Si precipita dal fratello che, ancora ossessionato dal desiderio di vendetta, la pugnala. Raggiunta dal padre Guardiano, Leonora spira tra le braccia di don Alvaro, augurandosi di ritrovarlo in cielo. Egli, rimasto definitivamente solo sulla terra, maledice ancora una volta il proprio destino. Ecco il tenore di fama internazionale Manrico Tedeschi interpretando Don Alvaro, uno dei suoi cavalli di battaglia, e uno dei ruoli piu impegnativi del suo repertorio.

Norma

L'azione si svolge nelle Gallie, all'epoca della dominazione romana.La sacerdotessa Norma, figlia del capo dei Druidi Oroveso, è stata l'amante segreta del proconsole Pollione, dal quale ha avuto due figli, all'insaputa di tutti. Pollione si innamora di una giovane novizia del tempio, Adalgisa . Adalgisa chiede un colloquio a Norma per aprirle il proprio animo e confessarle di aver mancato al voto di castità.Norma, la scioglie dai voti. Quando Adalgisa indica Pollione come suo innamorato, Norma rivela tutto ad Adalgisa, che sdegnata respinge Pollione. Norma, sconvolta dalla rivelazione, decide di uccidere i due figli, ma cede al sentimento materno. Fa chiamare Adalgisa e la prega di adottare i bambini e di portarli a Roma, dopo essersi sposata con Pollione. Ma Adalgisa rifiuta e promette a Norma di convincere Pollione a tornare da lei. Pollione viene catturato da Oroveso e Norma gli offre la vita purché egli abbandoni Adalgisa. L'uomo rifiuta e Norma decide che la vittima sacrificale:sara una sacerdotessa che ha infranto i sacri voti e tradito la patria. Sta per pronunciare il nome di Adalgisa e invece pronuncia il proprio nome. Commosso, Pollione comprende la grandezza di Norma e decide di morire con lei. Norma sale sul rogo con l'uomo amato.Opera lirica in due AttiMusica di Vincenzo Bellini, Libretto di Felice Romani - Personaggi ed Interpreti Pollione - proconsole di Roma nelle Gallie - Manrico Tedeschi (tenore)Oroveso - capo dei Druidi - Enzo Capuano (basso)Norma - druidessa, figlia di Oroveso - Natalia Dercho (soprano)Adalgisa - giovane ministra del tempio d'Irminsul - Geraldine Chauvet (mezzo)Clotilde - confidente di Norma - Gabriella Grassi (soprano)Flavio - amico di Pollione -Costantino D'Aniello (tenore) Orchestra e Coro del Teatro Francesco Cilea diretti da Julian Kovatchev Regia di Flavio Trevisan Costumi di Eugenio GirardiTeatro Francesco Cilea - Stagione 2007

La fanciulla del west

In California, ai tempi della febbre dell'oro, Minnie e la giovane padrona del saloon "Polka". Una sera entra un giovane straniero,
il quale afferma di chiamarsi Dick Johnson. In realta, non e altro che il bandito
Ramerrez, venuto con l'intenzione di rapinare la cassa. Invece, ci ripensa e quella sera stessa invitato alla capanna di Minnie sboccia l'amore fra i due. Entra ilsceriffo Jack Rance, che da tempo corteggia senza successo Minnie e rivelail vero essere dello straniero. Johnson, che si era nascosto e allora scacciato
da Minnie, ma sull'uscio viene sparato dallo sceriffo. Malgrado l'inganno, Minnie
trasporta suo amato Johnson all'interno e sara una partita a poker con Rance
a decidere della vita del bandito. Ricorrendo ad uno stratagemma, salva il suo uomo.
Guarito da Minnie, e finalmente deciso a redimersi dalla vitasciagurata fin qui condotta, parte ma viene catturato mentre tenta di espatriare. La sua sorte sarebbe segnata se, d'improvviso, in sella ad un cavallo ed impugnando
una pistola, non intervenisse in suo soccorso di nuovo Minnie. Sara lei a convincere
i minatori a lasciare libero il suo uomo. Minnie s'allontana felice con colui chenessuno potra piu togliere al suo amore.
Personaggi ed interpreti:
MMinnie, (soprano): Kathleen Mc Calla
Dick Johnson, alias Ramerrez (tenore): Manrico Tedeschi
Jack Rance,(baritono):Carmelo Caruso
Teatro Giglio di Lucca - Stagione 2001
direttore - Tiziano Severini
regia - Lorenzo Mariani
scene - Antal Szabo
costumi - Patricia Goffolutti
Cortesia di: Il Canto

La lupa

Il giovane carabiniere Nanni, si è innamorato di Mara e sogna di formarsiuna famiglia e cambiare mestiere. Sua mamma, una quarantenne ancora piacente,soprannominata "La Lupa" per la sua vorace e insaziabile passione sessuale si
è messa a circuire il giovane Nanni senza dargli tregua, nonostante le resistenze
del giovane che alla fine pero cede. La Lupa s'induce a consentire alle nozze pur
di non perdersi l'amante e con i soldi della donna, Nanni apre un bar. Ma a nozze avvenute,
Nanni non riesce a trovare pace e rimane sempre tormentato e stregato. Ricompare La Lupa che dichiara che non riesce vivere senza di lui e preferisce morire.
Stravolto e fuori di se, Nanni afferra il coltello presentatogli dalla Lupa e uccidel'insaziabile donna.
Personaggi ed interpreti:
La Lupa: Adele Cossi
Nanni: Manrico Tedeschi
Mara:Donatella Lombardi
Maresciallo:Alberto Mastromarino
Orchestra e Coro del Teatro Massimo di Palermo
diretti da Donato Renzetti
regia di Marco Gandini
costumi di Edoardo Sanchi e Carlo Poggiali
Teatro Massimo di Palermo - Stagione 1998
Cortesia di: Il Canto

Le Nozze di Figaro

L'opera ruota attorno ai maneggi del Conte d'Almaviva, invaghito della cameriera della Contessa, Susanna, cui cerca di imporre uno "ius primae noctis". La vicenda si sussegue con un intreccio folle, donne e uomini si contrappongono nel corso di una giornata di passionetravolgente, dove nel finale i "servi" si dimostrano più signori e intelligenti dei loro padroni.
Questa versione da Tokyo con recitativi giapponesi ha come protagonista il grande soprano giapponese Makiko Awazunel ruolo di Susanna
Cortesia di: Il Canto

Il Giuramento

Melodramma in tre atti su libretto di Giovanni Gaetano Rossi, da Angélo, tyran de Padoue di Victor Hugo
L'azione si svolge a Siracusa nel 1300. Viscardo, duca di Benevento e amante di Elaisa, confessa segretamente il suo amore per un'altra donna. Manfredo, conte di Siracusa, e suo segretario Brunoro sono anche loro innamorati di Elaisa . Viscardo si confida con Brunoro e gli mostra il ritratto di Bianca, moglie di Manfredo, che egli ama. Brunoro promette di guidarlo da Bianca, ma appena Viscardo si allontana egli svela a Elaisa il tradimento di cui è vittima . Elaisa scopre i due amanti insieme . Bianca udendo il nome di Elaisa mostra un'immagine donatale dieci anni prima da una donna di nome Elaisa alla quale ella aveva salvato il padre. Elaisa riconosce la donna che aveva giurata di ripagare. Manfredo svela tutto e rinchiude Bianca in una tomba . Giunge segretamente Elaisa e rivela a Bianca il proposito di salvarla: Bianca berrà il filtro che le sarà offerto, ma non si tratterà di veleno bensì di un sonnifero. Bianca beve il finto veleno e cade tra le braccia di Elaisa. A Elaisa ormai non le resta che morire, avendo adempiuto con la salvazione di Bianca il suo giuramento. Ma Viscardo ha saputo che Elaisa ha dato il veleno a Bianca e la colpisce. Bianca si sveglia invocando Viscardo, il quale apprende finalmente la verità. Elaisa muore tra lo strazio di Bianca e Viscardo.
Personaggi ed interpreti:
Elaisa (soprano) - Serena Farnocchia
Manfredo, conte di Siracusa (baritono) - Davide Damiani
Bianca (contralto) - Hadar Halevy
Isaura, confidente (soprano) - Alessandra Panaro
Brunoro (tenore) - Simeon Esper
Orchestra Filarmonica Nazionale e Coro di Belarus
Diretti da: Paolo Arrivabeni
regia di: Joseph Roschlitz
Cortesia di: Il Canto

Macbeth

Melodramma in quattro atti su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dall'omonima tragedia di William Shakespeare.
Macbeth e Banco ritornando da una vittoriosa battaglia incontrano le streghe, che fanno loro una profezia: Macbeth sarà signore di Cawdor e i figli di Banco regneranno.
La prima profezia si avvera subito: giunge un messaggero, che porta la nomina reale. Al castello, si attende la venuta del sovrano. Lady Macbeth incita il marito a farlo uccidere. Del delitto viene incolpato suo figlio Malcom, che è costretto a fuggire in Inghilterra. Ora che Macbeth è re di Scozia, la moglie vuole liquidare Banco e il suo figlio. Il primo è infatti assassinato mentre il secondo riesce a fuggire. Durante un banchetto, l'ombra di Banco viene a terrorizzare Macbeth che inquieto, torna dalle streghe per interrogarle. Il verdetto oscuro: egli resterà signore di Scozia e'invincibile fino a quando la foresta di Birnam non gli muoverà contro. Lady Macbeth intanto lo incita a uccidere la moglie e i figli di Macduff che, con Malcom, sta preparando un esercito contro lui. Giunti nei pressi della foresta di Birnam, i soldati colgono molti rami dagli alberi e con questi si mimetizzano.Lady Macbeth, nel sonno, ascolta da incubi. Macbeth fronteggia l'invasore ma, in duello ucciso. Si realizza cosa l'altra profezia delle streghe.
Personaggi ed interpreti:
Macbeth (baritono) Manrico Biscotti
Lady Macbeth(soprano) Martine Surais
Banco (basso) Lionel Sarrazin
Macduff (tenore) Daniel Galvez Vallejo
Orchestra e Coro dell'Opera di St.Etienne
Diretti da: Patrick Fournillier
regia di: Jean Louis Pichon
Cortesia di: Il Canto