Chi è Online

245 visite
Libri.itALBERT WATSON. KAOS - edizione limitataTYPE. A VISUAL HISTORY OF TYPEFACES & GRAPHIC STYLESBOURGERY. ATLAS OF HUMAN ANATOMY AND SURGERY (IEP)DAVID BOWIE. THE MAN WHO FELL TO EARTHINTERVENTI CRUCIALI

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: Diario

Totale: 133

001)- Deaglio: L'ultimo Diario: il Papa con Bob Dylan e il traditore di Berlusconi

Enrico Deaglio presenta l'ultimo numero di Diario, in edicola da venerdì 8 aprile
Visita il sito: www.diario.it

002)- Deaglio: è iniziata la grande fuga da Berlusconi. E il Diario ricorda Saul Bellow

Dopo la tempesta delle elezioni regionali, è cominciata la transumanza: uomini politici, giornalisti e specie varie di trafficoni stanno già prendendo le distanze dalle sorti di Silvio Berlusconi. Il Diario in edicola approfondisce l'argomento con la rubrica di Furio Colombo, che vede la fuga già iniziata anche nel mondo dei media, e con un'inchiesta sugli ultimi affari e affaretti di Claudio Cirino Pomicino, ex ministro dc, grande ondeggiatore della seconda repubblica, ora corteggiato dalla Margherita...
Ma la copertina è dedicata a un grande uomo, bello di fama e di scrittura: è Saul Bellow, uno dei maggiori romanzieri del Novecento. Scomparso il 5 aprile scorso, il Diario lo commemora, tra l'altro, con un saggio di Alessandro Piperno.
Visita il sito: www.diario.it

003)- Diario saluta Berlusconi: Bello Ciao!

Mario Portanova, giornalista del settimanale diretto da Enrico Deaglio, presenta il numero in edicola dal 22 aprile: si sta per celebrare una doppia Liberazione, quella del 25 aprile e quella dal governo Berlusconi. Approfondimenti anche su Papa Benedetto XVI, con un elenco delle parole da non pronunciare in sua presenza: lo irritano i termini relativismo, liberalismo, collettivismo... per non parlare dell'omosessualità, ritenuta da Ratzinger "fenomeno morale e sociale inquitenate", o, peggio ancora, del pacifismo, che "può deviare verso anarchismo distruttivo e verso il terrorismo".
Visita il sito: www.diario.it

004)- Deaglio: in Sicilia la mafia ci controlla, anche in ospedale

Ospedali sempre più privati, sempre più scadenti, sempre più mafiosi: in Sicilia, molti elementi ci fanno pensare che l'avanzare della privatizzazione nella sanità coincida anche con l'avanzare di Cosa Nostra, che ormai controllerebbe gran parte delle strutture Asl della regione. E' questo il filo dell'inchiesta firmata da Deaglio nel prossimo numero di Diario, che contiene anche alcune riflessioni sul revival della nostra Costituzione. Portata ormai come una bandiera da difendere - o come il libretto rosso di cinese memoria - durante le manifestazioni di piazza, la Costituzione ha giocato un ruolo fondamentale nella recente sconfitta della destra: alcuni studi dimostrano che una componente rilevante dell'elettorato si sia sentita impaurita dagli stravolgimenti del testo costituzionale, e abbia su questa minaccia basato il suo voto.
Visita il sito: www.diario.it

005)- Deaglio: la strepitosa storia di Gesù, nato da fecondazione eterologa

La meravigliosa vicenda del concepimento di Cristo, nato da una giovanissima Maria con seme diverso da quello del marito Giuseppe, e con ambedue i genitori avvertiti e consenzienti: ecco da dove parte Enrico Deaglio per presentare il numero speciale di Diario, che starà in edicola un mese.
Oggi la tecnica chiama con termini nuovi - Fivet, fecondazione omologa e fecondazione eterologa - pratiche di facilitazione della riproduzione fino a pochi anni fa considerate impossibili. Il 12 e il 13 giugno gli italiani sono chiamati a esprimere il loro pensiero su queste questioni con quattro referendum. La Cei - in nome di una tradizione o del proprio potere - invita i cattolici ad astenersi dal voto, ma cosa ne penserebbero oggi Gesù e i suoi genitori?
Questo numero di Diario si butta a capofitto in tutto ciò, raccontando la storia a dir poco strepitosa e che ha visto impegnati le migliori menti di ogni generazione. Al centro, oltre a Maria, Giuseppe, Gesù e Dio, altri attori importanti: la fede, la scienza, il potere, il dubbio. Ma anche i primi cristiani, Voltaire, Sigmund Freud e i Monty Phyton, il pragmatismo degli antichi romani e la furbizia di Dan Brown, gli studiosi del Talmud, i protestanti e i pensatori islamici, Laurence Sterne e Woody Allen, l'ipotesi di san Tommaso e i pronunciamenti di Joseph Ratzinger.
Allegato al settimanale, il libro-guida ai referendum 'Le ragioni dei quattro sì' di Carlo Flamigni e Maurizio Mori.
Visita il sito: www.diario.it

006)- Barbacetto: Guerra e affari: ecco perché l'Italia è andata in Iraq

Gianni Barbacetto presenta il numero in uscita il 13 maggio. Questa settimana uno scoop sul nostro intervento militare in Iraq: un rapporto del ministero delle Attività produttive stabiliva che gli italiani 'dovevano' andare a Nassiriya per aggiudicarsi tra i 2,5 e i 4 miliardi di barili. Il giornale contiene anche una rivelazione allarmante sul caso Calipari: qualche mese prima dell'agguato, gli Usa avevano dato una sorta di avvertimento agli italiani dalle colonne del Washington Post, in cui un lungo articolo aveva descritto in anticipo quanto poi si è tragicamente avverato con Giuliana Sgrena e il funzionario del Sismi.
Con altri articoli e con la copertina, Diario risponde poi alle polemiche innescate con il numero precedente del settimanale, centrato sull'appassionante vicenda dell'antichissimo meraviglioso caso di fecondazione eterologa, quello di Maria.
Visita il sito: www.diario.it

007)- Barbacetto: Ecco perché la destra ha vinto a Catania

Gli errori della sinistra e la campagna elettorale della destra: in Sicilia hanno vinto di nuovo le logiche vecchie e le vecchie clientele. L'analisi dei risultati del voto siciliano è l'argomento principale di questo numero di Diario, che in copertina ricorda, con Clementina, le altre donne rapite in Afghanistan e in Iraq.
Visita il sito: www.diario.it

008)- Portanova: la strage di Falluja, la più grande battaglia americana del nuovo secolo

Il settimanale diretto da Enrico Deaglio pubblica, nel numero in uscita il 27 maggio, una grande inchiesta sulla strage compiuta dagli americani lo scorso novembre, di cui ancora si è parlato troppo poco. Dieci giorni di combattimenti casa per casa e di bombardamenti continui: una vera e propria ecatombe, che le autorità americane continuano a negare. Finora recuperati 700 corpi, di cui 500 civili, compresi bambini, donne, anziani; 37mila le case colpite, di cui 10.000 completamente distrutte.
L'inchiesta, firmata da Paola Gasparoli, Claudio Jampaglia e Mario Portanova, ricostruisce anche i retroscena delle trattative fra i rappresentanti della città sunnita e il governo Allawi per evitare l'attacco.
Visita il sito: www.diario.it

009)- Tutto colpa dei francesi?

Anteprima di Diario, in edicola da venerdì
Il futuro dell'Unione europea. Il rapporto con gli Stati Uniti e con la Cina.
Il pericolo cinese, i prodotti tessili invadono il mercato italiano.
La globalizzazione dei dentisti
Le città francesi hanno detto SI all'Europa, ma le campagne hanno fatto prevalere il NO
I cinesi opprimono la minoranza musulmana.
Appello per Clementina Cantoni...
Visita il sito: www.diario.it

010)- Gianni Barbacetto: chi c?è dietro Stefano Ricucci? D?Alema o Berlusconi?

Anteprima di Diario, in edicola da venerdì
Ricucci, Coppola, Statuto: chi sta appoggiando le manovre dei nuovi quarantenni d'assalto, passati dal mattone alla conquista dei salotti della finanza italiana? E chi, in particolare, sostiene Stefano Ricucci, l'ex odontotecnico di Centocelle divenuto potente palazzinaro e oggi protagonista della scalata al Corriere della Sera? Gli indizi, secondo il settimanale Diario, portano a due piste possibili: da una parte la pista rossa, che riconduce - passando tra l'altro da Unipol e dal mondo delle cooperative - a Massimo D'Alema, dall'altra la pista B: chi può avere tanti soldi da permettersi di aggredire Rcs, e da lì Mediobanca, e da lì, ancora, le Generali..., chi, se non Silvio Berlusconi?
Il numero in edicola il 10 giugno contiene anche articoli su referendum e fecondazione assistita e un approfondimento di Marta Boneschi sulla storia delle ingerenze della Chiesa cattolica nelle scelte fondamentali dei cittadini italiani, dal divorzio in poi.
Visita il sito: www.diario.it