Arcoiris TV

Chi è Online

185 visite
Libri.itPICCOLO VAMPIRO 3LIVING IN TUSCANY (IEP)GEORGE HERRIMAN, THE COMPLETE KRAZY KAT IN COLOR 1935-1944WALT DISNEYN.198 JOHNSTON MARKLEE (2005-2019)

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: STORIA e POLITICA

Totale: 129

Marta Ottaviani - Islam e laicità: un modello Turchia?

Scuola di cultura politica 2011 - 2012 "In un mondo che cambia".
4° modulo - Globalizzazione e coesione sociale.

Visita il sito: www.casadellacultura.it

Massimo Cacciari - L'Europa è necessaria, spetta ai giovani il compito di renderla anche possibile

Festa Scienza Filosofia, 12 aprile 2019 ore 11:30
Auditorium San Domenico

L'Europa apre una prospettiva straordinaria per i giovani, offre loro anche opportunità di lavoro, di viaggio, di ampliamento dei loro orizzonti oltre i confini del proprio paese. L'Europa è vista dai giovani come un'occasione per creare una comunità più vasta attraverso la ricerca di scambi e punti di contatto tra culture e tradizioni con forti radici comuni. La costruzione dell'Europa, dalla quale sono in molti a volersi allontanare, costituisce un sogno e una sfida creativa per le nuove generazioni.

Visita il sito: www.festascienzafilosofia.it

Massimo Cacciari - La ricerca dell'identità europea

Festa Scienza Filosofia, 12 aprile 2019 ore 18:00
Auditorium San Domenico

Di quale europeismo abbiamo bisogno? Sicuramente non di quello di chi vuole mantenere la situazione attuale, né di quello che, di fronte alla profondità della crisi economica e sociale che abbiamo attraversato e da cui non siamo ancora usciti, propone come unico pilastro la stabilità e l'austerità. Abbiamo bisogno di un'Europa alla Roosevelt che intervenga durante le crisi con politiche di sostegno al lavoro e all'occupazione.
Qualunque politica di sostegno all'occupazione, qualunque politica verso i giovani, verso la
formazione può essere realizzata solo in ambiti vasti come quello europeo.

Visita il sito: www.festascienzafilosofia.it

Massimo D'Alema: A mosca l'ultima volta. Enrico Berlinguer e il 1984

Partecipano Massimo D'Alema, Giampaolo Pansa, Michele Santoro.
Cortesia di Iride Tv

Visita il sito: www.iride.tv

NADiRinforma incontra Enzo Barnabà

Grimaldi Sup. (Ventimiglia - IM) 29 giugno 2009 NADiRinforma incontra Enzo Barnabà, scrittore e storico impegnato da sempre a comprendere l'attualità attraverso la storia. Ha studiato lingua e letteratura francese a Napoli ed a Montpellier e storia a Venezia e Genova. Ha insegnato lingua e letteratura francese in vari licei del Veneto e della Liguria. A Ventimiglia ha fondato il Circolo "Pier Paolo Pasolini", forse l'istituzione culturale più prestigiosa dell'estremo ponente ligure. Essendo passato alle dipendenze del Ministero degli Esteri, ha svolto la funzione di lettore di lingua e letteratura italiana presso le Università di Aix-en-Provence e di insegnante-addetto culturale ad Abidjan, Scutari e Niksic. Vive attualmente a Grimaldi di Ventimiglia, dove la riviera del ponente ligure si confonde con quella francese. La chiacchierata prende spunto dalla lettura del libro giunto alla seconda ristampa: Morte agli italiani! Il massacro di Aigues-Mortes 1893. Il racconto, documentato dai fatti che occorsero nel paesino della Camargue noto per la vasta presenza di saline il 17 agosto 1893, è supportato dall'acuta ed attenta analisi che Barnabà riesce a proporre in maniera snella ed efficace alla comprensione della terribile situazione nella quale tutti noi versiamo a tutt'oggi. La propaganda populista e cieca che oggi domina la scena politica trova un sostegno storico che, se riscoperto, potrebbe aiutare a comprendere meglio ciò che i discorsi privi di fondamenta dal punto di vista sociologico e di coscienza civica implodono nelle piazze sostenuti da un sistema mediatico sempre più fazioso, circonstanziato e manipolativo... in sintesi propagandistico! "Gli italiani cominciano ad esagerare con le loro pretese. Presto ci tratteranno come un Paese conquistato... fanno concorrenza alla manodopera francese e si accaparrano i nostri soldi a vantaggio del loro Paese" (E.Barnabà) Con un po' di pudore e tanta vergogna ascoltiamo parole cariche di arrogante ignoranza e scarsa lungimiranza che echeggiano dai pulpiti partitici e che, ahinoi, sembrano coinvolgere le folle disperate e da condizioni di vita in fase di mutazione e dalla cecità determinata dalla miseria imperante: "a cosa attribuire tanto sadismo se non al meccanismo psicologico di chi sfoga sull'altro l'odio che prova nei confronti della miseria di cui è intessuta la propria storia passata e presente ?" (E.Barnabà)

Visita il sito: www.mediconadir.it

P2, 30 anni dopo - SANDRA BONSANTI, Radici ed eredità della P2

SANDRA BONSANTI, presidente nazionale di Libertà e Giustizia: "Radici ed eredità della P2"Il 20 maggio 1981 vengono pubblicati i nomi degli affiliati alla loggia segreta P2, maestro venerabile Licio Gelli: 962 protagonisti insospettabili.Giuliano Turone, giudice istruttorea Milano, e il procuratore Gherardo Colombo, scoprono l’elenco mentre indagano sul finto rapimento di Michele Sindona e incontrano il nome di Gelli coinvolto nelle estorsioni del banchiere della mafia. Nella valigia che una segretaria prova a trafugare, ecco la lista. Rivelazioni che sconvolgono la grande politica, giornali, Tv, forze armate, servizi segreti, la stessa massoneria.Indaga una commissione parlamentare da Tina Anselmi. Sono passati trent’anni, l’Italia forse è cambiata. Il convegno vuol capire come.

P2, 30 anni dopo - CLAUDIO NUNZIATA, La P2 e le stragi

CLAUDIO NUNZIATA, magistrato"La P2 e le stragi"Il 20 maggio 1981 vengono pubblicati i nomi degli affiliati alla loggia segreta P2, maestro venerabile Licio Gelli: 962 protagonisti insospettabili.Giuliano Turone, giudice istruttorea Milano, e il procuratore Gherardo Colombo, scoprono l’elenco mentre indagano sul finto rapimento di Michele Sindona e incontrano il nome di Gelli coinvolto nelle estorsioni del banchiere della mafia. Nella valigia che una segretaria prova a trafugare, ecco la lista. Rivelazioni che sconvolgono la grande politica, giornali, Tv, forze armate, servizi segreti, la stessa massoneria.Indaga una commissione parlamentare da Tina Anselmi. Sono passati trent’anni, l’Italia forse è cambiata. Il convegno vuol capire come.Guarda l' intervista a Claudio Nunziata

P2, 30 anni dopo - GIAMPAOLO MORA, La guida di Tina Anselmi nella ricerca della Commissione

GIAMPAOLO MORA, Segretario della Commissione P2: "La guida di Tina Anselmi nella ricerca della Commissione"Il 20 maggio 1981 vengono pubblicati i nomi degli affiliati alla loggia segreta P2, maestro venerabile Licio Gelli: 962 protagonisti insospettabili.Giuliano Turone, giudice istruttorea Milano, e il procuratore Gherardo Colombo, scoprono l’elenco mentre indagano sul finto rapimento di Michele Sindona e incontrano il nome di Gelli coinvolto nelle estorsioni del banchiere della mafia. Nella valigia che una segretaria prova a trafugare, ecco la lista. Rivelazioni che sconvolgono la grande politica, giornali, Tv, forze armate, servizi segreti, la stessa massoneria.Indaga una commissione parlamentare da Tina Anselmi. Sono passati trent’anni, l’Italia forse è cambiata. Il convegno vuol capire come.Guarda l'intervista a Giampaolo Mora

P2, 30 anni dopo - GIULIANO TURONE, Come abbiamo scoperto la P2

GIULIANO TURONE, magistrato"Come abbiamo scoperto la P2"Il 20 maggio 1981 vengono pubblicati i nomi degli affiliati alla loggia segreta P2, maestro venerabile Licio Gelli: 962 protagonisti insospettabili.Giuliano Turone, giudice istruttorea Milano, e il procuratore Gherardo Colombo, scoprono l’elenco mentre indagano sul finto rapimento di Michele Sindona e incontrano il nome di Gelli coinvolto nelle estorsioni del banchiere della mafia. Nella valigia che una segretaria prova a trafugare, ecco la lista. Rivelazioni che sconvolgono la grande politica, giornali, Tv, forze armate, servizi segreti, la stessa massoneria.Indaga una commissione parlamentare da Tina Anselmi. Sono passati trent’anni, l’Italia forse è cambiata. Il convegno vuol capire come.Guarda l'intervista a Giuliano Turone

P2, 30 anni dopo - Piano di Rinascita democratica

Piano di Rinascita democraticaLettura di Giancarlo IlariIl 20 maggio 1981 vengono pubblicati i nomi degli affiliati alla loggia segreta P2, maestro venerabile Licio Gelli: 962 protagonisti insospettabili.Giuliano Turone, giudice istruttorea Milano, e il procuratore Gherardo Colombo, scoprono l’elenco mentre indagano sul finto rapimento di Michele Sindona e incontrano il nome di Gelli coinvolto nelle estorsioni del banchiere della mafia. Nella valigia che una segretaria prova a trafugare, ecco la lista. Rivelazioni che sconvolgono la grande politica, giornali, Tv, forze armate, servizi segreti, la stessa massoneria.Indaga una commissione parlamentare da Tina Anselmi. Sono passati trent’anni, l’Italia forse è cambiata. Il convegno vuol capire come.